Gennaio 31, 2023

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Recensione D-Link DCS-8635LH: una telecamera per esterni motorizzata compatta e reattiva

D-Link ha dotato la telecamera per esterni motorizzata di un sensore da 4 MP e di un obiettivo grandangolare che consente di fornire immagini fino a 2560 x 1440 pixel con un angolo di visione orizzontale di 105 gradi. Tuttavia, durante i nostri test, Live ci ha permesso solo di godere della massima definizione. Pertanto, le registrazioni di monitoraggio riprodotte tramite rilevamento non superano i 1920 x 1080 pixel, sia memorizzandole su una scheda di memoria che nel cloud. Da notare che è anche possibile, nel primo caso, abbassare la definizione a 1280 x 720 pixel per risparmiare spazio. Nessun adeguamento della qualità è offerto con il cloud, lo spazio assegnato è calcolato su base oraria (7 o 14 giorni a seconda della formula).

Tuttavia, sarebbe stato bello poter almeno scegliere la qualità di riproduzione per poter accedere più facilmente alle registrazioni in caso di cattiva connessione. Probabilmente è possibile godersi il 2K con un registratore ONVIF, ma non ne avevamo uno a portata di mano. Quindi, abbiamo scelto di mantenere le nostre registrazioni Full HD per il consueto confronto, che qui va contro la fotocamera HB8 2K+ Da Ezviz a D-Link, come sempre con foto scattate alla luce del giorno e al buio. Il DCS-8635LH offre ovviamente la visione a infrarossi, ma non ci sono proiettori o altre opzioni per quella materia, né per la correzione dell’esposizione né per la colorimetria.

ingiustizia

Ezviz HB8 2K+
D-Link DCS-8635LH

La fotocamera D-Link offre una qualità dell’immagine decente. Sebbene definito a 1080p, lo stralcio selezionato per questo confronto fornisce un buon livello di dettaglio. La fotocamera Ezviz, con le sue immagini 2K, fa sicuramente un po’ meglio, ma soprattutto nella gestione dell’esposizione e nell’elaborazione delle immagini i due modelli si distinguono. La nostra scena fotografica appare sovraesposta nella foto del DCS-8635LH, perdendo molte informazioni nelle aree luminose, mentre la forte nitidezza della fotocamera di Ezviz le consente di far risaltare meglio i dettagli attraverso l’immagine.

intendevo

Ezviz HB8 2K+
D-Link DCS-8635LH

Sfortunatamente, non è la sua visione a infrarossi che consente al DCS-8635LH di convertire la corrente. Se l’HB8 2K+ riesce a mantenere un livello di dettaglio simile a quello osservato durante il giorno una volta che si immerge nell’oscurità grazie alla sua caratteristica, questo è tutt’altro che il caso della fotocamera D-Link. Il ritratto di quest’ultimo manca di nitidezza e molti dettagli si confondono con lo sfondo, in particolare i tratti del viso più fini. Quindi può essere difficile individuare un intruso nella registrazione notturna, e potremmo aggiungere che qui non c’è alcun proiettore per passare alla visione a colori come avviene con la fotocamera Ezviz.

Ciò che abbiamo osservato nella scena fotografica è stato confermato durante il nostro test di identificazione. È difficile riconoscere un volto oltre i 3 metri sulle immagini catturate dal D-Link DCS-8635LH e viste all’infrarosso, mentre una persona oltre i 4 metri può essere identificata utilizzando il modello Ezviz. Tuttavia, questa mediocre qualità dell’immagine non impedisce alla fotocamera D-Link di offrire il rilevamento. I movimenti vengono rilevati dalla fine del nostro laboratorio, cioè a 10 metri di distanza, e le persone a 9 metri di distanza grazie all’intelligenza artificiale. Va inoltre notato che la visione a infrarossi si attiva dopo 3 secondi al buio.

READ  NBA 2K23: miglior punteggio per Giannis Antetokounmpo