Dicembre 3, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Recensione Apple M1 Pro MacBook Pro da 16 pollici: pieno di core che fanno la differenza

Apple ci ha abituato a una qualità costruttiva impeccabile e questo è chiaramente ancora il caso del MacBook Pro M1 da 16 pollici. Il design si evolve rispetto alla generazione precedente e al MacBook Pro M1 da 13 pollici, senza cambiare le icone. C’è un corpo in alluminio anodizzato, ma è più piatto. Guadagna parecchio in termini di spessore, larghezza e lunghezza per un totale di 35,6 x 24,8 x 1,68 cm. È anche leggermente sovrappeso poiché ora pesa 2,1 kg.

Lo schermo è nell’era dell’epoca con cornici ben ottimizzate, anche se Apple opta per una tacca nella webcam. Una decisione estetica che ricorda l’iPhone al momento, ma non piacerà necessariamente a tutti.

Il grado che solleva molto dibattito.

Il grado che solleva molto dibattito.

Anche il design della tastiera è stato completamente rinnovato con un vestito nero, anche in corrispondenza dello spazio tra i tasti. Il trackpad multi-touch è abbastanza grande (circa 16 x 9,9 cm), utile per una facile navigazione sul desktop. Notiamo anche a prima vista che la Touch Bar è scomparsa, segno che potrebbe non essere riuscito a convincerlo.

Massa della barra di tocco.

Massa della barra di tocco.

Quindi, ci rimangono i tasti funzione abbastanza classici per la luminosità, la gestione dell’ufficio e la multimedialità, oltre a una scorciatoia per cercare Spotlight, un’altra per attivare la dettatura vocale e un’altra per attivare la modalità Non disturbare. Nell’angolo in alto a destra c’è Touch ID per aprire rapidamente la sessione o le sue app con la tua impronta digitale. I tasti per regolare la luminosità della retroilluminazione non sono più rimasti, e ora bisogna passare direttamente attraverso la piccola dashboard nella barra dei menu. La digitazione sulla tastiera è reattiva e divertente.

Touch ID è presente.

Touch ID è presente.

Un altro elemento che cambia nel nuovo MacBook Pro: la connettività. E in senso positivo, visto che Apple sta tornando sui suoi passi offrendo un omaggio completo degno di un computer “professionale”. Scopriamo così tre porte USB-C Thunderbolt 4, un lettore di schede SD UHS II, una porta HDMI 2.0 e un mini-jack. Quindi, questo è un buon punto, anche se ci rammarichiamo che l’HDMI non sia all’altezza dello standard 2.1 (che avrebbe consentito lo streaming a 8K o frequenze di aggiornamento superiori a 60Hz). Ma questo è un piccolo dettaglio, poiché M1 Pro e Max offrono la possibilità di gestire senza problemi il display su più display tramite le porte Thunderbolt USB-C, cosa che non era possibile sull’M1 da 0,13 pollici.

La connessione è ora completa.

La connessione è ora completa.

Anche MagSafe sta tornando alla grande, non solo semplificando il collegamento del cavo di ricarica, ma anche liberandolo dal tuo MacBook in caso di guasto accidentale, che potrebbe salvarlo da una brutta caduta. Apple non fornisce più una prolunga per il cavo di alimentazione, ma il cavo di ricarica è di 1,98 metri, che dovrebbe essere sufficiente nella maggior parte dei casi. Il connettore sulla presa di rete è sempre rimovibile per sostituirlo con un modello americano o britannico se viaggi all’estero. Infine, un piccolo LED sul connettore si illumina di arancione per indicare che la ricarica è in corso e diventa verde quando la batteria è carica.

La webcam ora riprende a 1080p. Il display è buono quando la luminosità è sufficiente, ma in condizioni di scarsa illuminazione l’immagine è più fluida. Apple non ha incluso la propria tecnologia di sblocco dello schermo Face ID, che è efficace su iPhone e iPad.

In condizioni di scarsa illuminazione.
vicino alla finestra.

A proposito, la connessione alle reti avviene tramite Wi-Fi 6 e Bluetooth 5.0. Sotto il telaio, i piedi sono appiattiti e non più gonfi come in passato. All’interno, i componenti sono chiaramente saldati a un SoC, che preclude qualsiasi scalabilità nel MacBook Pro.

all'interno della struttura.

all’interno della struttura.

In termini di riscaldamento e ventilazione, semplicemente non è un difetto da parte del produttore californiano. Il SoC M1 Pro fa miracoli, leggiamo a malapena 41,5°C al centro della tastiera quando fa troppo caldo. I fan raramente esplodono, anche con le app di codifica video: abbiamo dovuto eseguire HandBrake e Adobe Premiere contemporaneamente per adattare il MacBook Pro 16. Il volume è rimasto molto contenuto ad un massimo registrato di 35,7 dB.

Il MacBook non si scalda molto e la ventilazione si attiva raramente.

Il MacBook non si scalda molto e la ventilazione si attiva raramente.

Sotto questo aspetto, ci aspettavamo il nuovo MacBook Pro e il chipset M1 Pro, perché nonostante la qualità del MacBook Pro M1 da 13 pollici del 2020, alcuni compiti molto impegnativi (rendering 3D, elaborazione video pesante, ecc.) . Questo è in realtà dotato di 8 core CPU “solo” e 8 core GPU.

Il MacBook Pro da 16 pollici che abbiamo testato è dotato del SoC M1 Pro con 10 core CPU e 16 core GPU (l’M1 Max può ospitare fino a 24 o anche 32 core GPU). Come accennato in precedenza, il nostro modello ha anche un disco rigido SSD da 1 TB e una memoria unificata da 32 GB. Abbiamo esaminato l’M1 Pro e l’abbiamo confrontato con altri processori di fascia alta concorrenti (AMD Ryzen 9 e Intel Core i9). E dobbiamo ammettere che l’M1 Pro impressiona in molti modi.

Le sue prestazioni ora corrispondono a quelle dei migliori processori Intel e AMD con un consumo energetico inferiore. A seconda del software e del suo miglioramento, i tre contendenti si armonizzano tra loro in ogni caso.

Valuta le nostre prestazioni quando l'accelerazione GPU è abilitata.

Valuta le nostre prestazioni quando l’accelerazione GPU è abilitata.

L’aumento del numero di core GPU ora dà la possibilità di affrontare compiti pesanti senza esitazione, anche in competizione con le schede grafiche Nvidia dedicate. Come abbiamo mostrato nel nostro laboratorio di confronto, l’M1 Pro si comporta molto bene nella maggior parte delle applicazioni, anche se le GeForce RTX fanno meglio in alcuni casi.

Poiché la nostra procedura di test non è solo per Mac, parte del software utilizzato non è necessariamente per il suo bene. Pertanto, M1 Pro potrebbe funzionare meglio con alcune applicazioni ottimizzate per Mac, come il software di editing DaVinci Resolve.

Questo risultato resta da sottolineare, soprattutto perché l’M1 Pro si scalda parecchio e offre le stesse prestazioni con alimentazione e batteria, il che non è il caso dei computer con processori Intel e AMD che languono quando sono scollegati. Abbiamo anche lanciato il gioco Shadow of the Tomb Raider A 1920 x 1080 pixel, imposta Grafica su Alta per vedere come si è comportato il tuo MacBook. Sorprendentemente, il computer ha raggiunto una media di 47 fotogrammi al secondo, che è sufficiente per giocare tranquillamente senza raggiungere la barra dei 60 fotogrammi al secondo, ma non dimentichiamo che il MacBook Pro non è normalmente destinato ai videogiochi.

Il MacBook Pro funziona bene in Shadow of the Tomb Raider.

MacBook Pro funziona bene Shadow of the Tomb Raider.

Per il display Liquid Retina XDR (3456 x 2234 pixel) del MacBook Pro da 16 pollici, Apple ha scelto di integrare tecnologie molto interessanti come ProMotion (un refresh rate che varia a seconda dell’applicazione, fino a 120 Hz), HDR e tecnologia mini-led che possiamo trovare già su iPad Pro. Questo non è il primo computer a trarne vantaggio, con alcuni modelli di studio già in competizione, ma ci sono diversi vantaggi da notare. Le migliaia di LED che compongono il pannello offrono un contrasto infinito come fanno i display Oled, oltre a una luminosità eccezionale (solo contenuto HDR) con un picco che abbiamo osservato a 1535 cd/m² sul nostro grafico di prova e 1221 cd/m² a schermo intero . Per ulteriori informazioni su questi valori, consigliamo il nostro laboratorio dedicato.

Tornando alla nostra solita procedura, il pad del MacBook Pro è uno dei migliori che abbiamo testato finora. I colori sono estremamente precisi con delta E 1.1, una temperatura media di 7070 K e un rapporto di contrasto infinito. La luminosità massima (494 cd/m²) non è di livello HDR, ma rimane piuttosto alta, mentre l’afterglow di 14 ms è degno del PC. i giochi. Infine, il tasso di riflessione del 24,7% è leggermente superiore rispetto alle piastrelle opache, ma questo non dovrebbe essere un problema su base giornaliera.

Da sinistra a destra, curva gamma, temperatura colore e delta E.

Da sinistra a destra, curva gamma, temperatura colore e delta E.

Siamo abituati ad Apple che offre un’esperienza audio di prima classe, ma gli ingegneri sono andati ben oltre con il MacBook Pro da 16 pollici. In totale, nel telaio sono alloggiati sei altoparlanti, inclusi due tweeter e quattro woofer per offrire una presentazione senza precedenti su un laptop, tanto da poter essere paragonato a un piccolo subwoofer.

Il suono è sorprendentemente dettagliato in tutto lo spettro e il basso è impressionante per uno strumento così eccezionale. Allo stesso modo, lo spazio stereoscopico è particolarmente ampio. E se Apple sottolinea il supporto Dolby Atmos, notiamo che la personalizzazione 3D non è del tutto perfetta, ma è comunque piuttosto interessante. Per dirla semplicemente, queste cuffie sono attualmente i migliori modelli che si possono trovare sui laptop, tutte le categorie combinate.

Infine, non ci sono lamentele nemmeno sull’uscita delle cuffie. La distorsione allo 0,0013% è insignificante, la gamma dinamica è di 116 dB e l’interferenza a -58 dB è impercettibile. Inoltre, la potenza di uscita di 340 mVRMS è enorme e consentirà l’uso di qualsiasi cuffia ad alta impedenza.

Il MacBook Pro da 16 pollici è abbastanza grande e non sarà trasportato facilmente come il modello da 14 pollici. Il suo caricatore MagSafe è anche più pesante e più pesante (350 g) rispetto al suo cugino più piccolo, ma offre una potenza di ricarica maggiore (140 W). È anche possibile caricare il tuo MacBook utilizzando un cavo USB-C, ma la ricarica è limitata da questo standard a 100 W. Per usufruire della ricarica rapida (50% di batteria in 30 minuti, secondo Apple), è necessario collegare il caricabatterie tramite un cavo MagSafe. Allo stesso modo, il classico cavo in plastica è stato sostituito da una versione in paracord e quindi dovrebbe resistere meglio alle fluttuazioni del tempo.

A sinistra, il caricabatterie per MacBook Pro da 16 pollici;  A destra, il 14 pollici.

A sinistra, il caricabatterie per MacBook Pro da 16 pollici; A destra, il 14 pollici.

Presentazioni fatte, vediamo quanto è durato questo nuovo MacBook Pro da 16 pollici durante il nostro test di riproduzione video di Netflix, con luminosità dello schermo impostata su 200 cd/m² e volume al 50% con le cuffie collegate.

Il MacBook Pro da 16 pollici è un campione per la durata della batteria.

Il MacBook Pro da 16 pollici è un campione per la durata della batteria.

Il mio MacBook Pro M1 Pro ha funzionato per 16 ore e 40 minuti (utilizzando Google Chrome). Quindi è – di gran lunga – il computer più durevole nel settore da 16 pollici. In Safari possiamo aspettarci più autonomia, perché il browser è molto migliore. Il produttore ha anche dimostrato l’efficienza dei suoi chip in termini di gestione dell’alimentazione, che consente anche di lavorare lontano da una presa senza perdere prestazioni.

READ  Le 10 migliori offerte per il lunedì mattina 🔥