Giugno 12, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Questo frutto è un alleato per migliorare la memoria

Uno studio danese ha recentemente dimostrato che un certo frutto può aiutare la salute del cervello con i suoi numerosi benefici. Ecco quale.

Sfortunatamente, non esiste ancora una cura. Contro il morbo di Alzheimer. In Francia, secondo l’organizzazione Santé Publique France, più di 850.000 persone soffrono di questa malattia o soffrono di malattie simili. Questi numeri impressionanti spingono i ricercatori a lavorare sodo Per trovare soluzioni e superare questa piaga. Recentemente, i ricercatori danesi sono diventati famosi con la loro scoperta.

Se gli operatori sanitari già consigliano di stimolare la memoria e migliorare le funzioni cognitive per ritardare l’insorgenza di queste malattie, questi ricercatori danesi hanno trovato un frutto che fa ben sperare per il proseguimento della ricerca. Esiste infatti un frutto particolare che ha molti benefici, che possono essere estremamente utili per le funzioni cognitive.

Il resto seguirà dopo questo annuncio

Quale frutto consigliano i ricercatori per la salute del cervello?

Questo frutto non è il più comune e non è uno dei frutti che mangiamo quotidianamente, a differenza, ad esempio, delle mele o delle banane. Questo è il melograno. Alcuni ricercatori danesi hanno infatti scoperto che la sostanza contenuta in questo frutto può migliorare la memoria. Questo viene fatto eliminando i mitocondri danneggiati. Questi mitocondri difettosi sono una delle cause del declino cognitivo associato alla malattia di Alzheimer.

Il professore dell’Università di Copenaghen, Wilhelm Bohr, ha spiegato che molte persone che soffrono di malattie neurodegenerative soffrono di un difetto nei mitocondri. Il loro cervello ha quindi difficoltà a liberarsi dei mitocondri deboli. In altre parole, porta a scarse funzioni cognitive. Test condotti sui topi hanno inoltre dimostrato che la sostanza contenuta nella melagrana, l’urolitina A, può aiutare a ridurre i sintomi del morbo di Alzheimer. Questa sostanza si trova anche nelle fragole e nelle noci.

Perché il melograno fa bene alla salute generale?

I risultati dei ricercatori danesi sono stati pubblicati sulla rivista Associazione AlzheimerHa spiegato che: “L’urolitina A allevia i problemi di memoria e altre conseguenze della demenza.” Finora è stato testato solo sui topi, ma questi risultati rimangono positivi e danno speranza ai ricercatori. Quindi stanno ancora lavorando sul dosaggio ideale e nel frattempo l’urolitina A è disponibile sotto forma di pillola.

Per quanto riguarda i melograni, mangiare un solo melograno al giorno non sarà sufficiente per aiutare le funzioni cognitive, ma avrà comunque molteplici benefici per la salute. Questo frutto, infatti, è ricco di antiossidanti, vitamine e composti bioattivi. Questi nutrienti in particolare aiutano a ridurre lo stress ossidativo e l’infiammazione, fattori chiave nell’invecchiamento cerebrale e persino nelle malattie neurodegenerative. I melograni possono essere consumati in diversi modi: al naturale, aggiungendo i semi nell’insalata, nello yogurt, nel succo, in un frullato o anche come integratore. È questo il frutto che hai davvero assaggiato e amato? Adesso conosci i suoi benefici!

Debora Granger

giornalista

Originaria di Tolosa, mi sono trasferita a Cannes nel 2021. È quindi molto vicina al mare e alle palme di cui scrivo per Au Féminin dal 2022. Ero abituata a…