Febbraio 26, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Quando i bradipi giganti scavarono il loro rifugio nelle rocce del Brasile

Quando i bradipi giganti scavarono il loro rifugio nelle rocce del Brasile

I cacciatori di tesori opportunisti che scrutarono le sue profondità pensavano di trovare ricchezze nascoste dai gesuiti. In centinaia di tunnel sparsi in tutto il Brasile, la maggior parte dei quali erano nascosti perché pieni di sedimenti, alla fine non trovarono altro che polvere… e profondi graffi incastonati nelle pareti.

Per molti anni, la gente del posto e gli studiosi credevano che fossero opera di antiche civiltà, probabilmente realizzate utilizzando un’ascia.

⋙ Guerra in Ucraina: agli studenti russi è stato ordinato di donare le loro sigarette elettroniche per utilizzarle come droni da combattimento

Il loro studio alla fine rivelò una verità completamente diversa: erano stati dissotterrati dalla megafauna, i bradipi (Mylodontoidea) da noi (Gliptodonte) Giganti meno di 10.000 anni fa. Se negli ultimi 15 anni in Brasile sono stati registrati più di 1.500 “cani anziani”, secondo Viaggio della BBC – Rendendola l’area con la più alta concentrazione di tunnel paleolitici realizzati da enormi animali estinti – ricercatori del progetto Paleotukas Continua ad analizzare ogni angolo. Presentano regolarmente i risultati del loro straordinario lavoro in corso.

⋙ “Nascosto sotto le onde”: Gli scienziati hanno scoperto una montagna gigante nell’Oceano Pacifico

I bradipi giganti sono lungi dall’essere “solidi per il minimo sforzo”

Nelle foto, nelle foto Nel cuore della regione brasiliana del Pantanal, l’ultimo rifugio del giaguaro

Gli animali fossili identificati sono di dimensioni eccezionali, raggiungono fino a 1,5 metri di altezza, 3 metri di larghezza e da 30 a 40 metri di lunghezza. Gli animali non scavano gallerie molto più larghe del loro corpo per restare protetti, le buche scavate testimoniano l’importanza delle dimensioni dell’armadillo che le attraversa, o di quelle di un’automobile, o addirittura di un antico bradipo.

READ  Un virus a été découvert dans ces applis téléchargées plusieurs million de fois au total

Questi ultimi erano in realtà molto diversi dai piccoli alberi arborei che si trovano oggi nelle foreste tropicali. Su quattro zampe (o talvolta anche su due zampe), possono raggiungere i quattro metri di lunghezza e pesare fino a quattro tonnellate Megateriouna creatura che assomiglia a un “criceto delle dimensioni di un elefante”.

Tuttavia, è più probabile che le mostre qui menzionate siano in realtà la creazione di cugine relativamente più piccole, Slideterio O Mylodon, Per esempio. I fossili indicano che tra 15 milioni e 10.000 anni fa, c’erano quasi un centinaio di specie diverse che vagavano per le Americhe.

⋙ “Bolla”: gli esperti ritengono di aver scoperto l’origine dello strano comportamento di El Niño

Negli ultimi anni c’è stato un rinnovato interesse per le piante antiche

Ancor prima che stupissero gli scienziati, gli importanti impatti lasciati da questi enormi mammiferi terrestri erano già noti alle comunità indigene regionali.

BBC Travel ci porta l’esempio del popolo Kaingang, popolazione indigena del Brasile meridionale e sudorientale (stato del Rio Grande do Sul, all’estremità del Paese). Uno dei loro racconti popolari orali racconta la storia di una famiglia che scese in una buca scavata da un armadillo per approfittare dell’abbondanza di cibo lì presente e per nascondersi dalle popolazioni non indigene.

⋙ Tra Morte e Pittura, la meravigliosa storia dei cuori mummificati di Luigi XIII e Luigi XIV

Tuttavia, come sottolinea lo specialista in trasformazioni culturali e regionali di Kaingang, tra questi ultimi, “Non esistono miti, perché tutto ciò che dicono gli anziani indigeni è vero”..

Nel corso degli anni in questa zona così speciale sono stati identificati circa un centinaio di animali paleontologici. Ma hanno notato un rinnovato interesse nei loro confronti intorno al 2009, l’anno in cui un agricoltore ne ha scoperto uno. Mentre camminava nel suo campo di grano, si imbatté in una cavità sotterranea sotto il terreno asciutto. E in questo “Labirinto di coniglio di grandi dimensioni” Buio e freddo, come lo hanno descritto i nostri colleghi, i ricercatori curiosi sono rimasti affascinati da questa insolita scoperta: i segni insolitamente ghiacciati sui muri non erano sicuramente di origine umana.

READ  L'eclissi solare totale fa sprofondare l'Antartide nell'oscurità

⋙ La nave Endeavour del famoso esploratore James Cook fu ritrovata 245 anni dopo essersi incagliata?

Abbiamo analizzato le ossa degli animali che hanno vissuto in questa zona negli ultimi due milioni di anni. Animali come cavalli, tigri dai denti a sciabola ed elefanti non scavavano tane. Devi cercare animali dotati di artigli e ci sono solo due possibilità: il bradipo gigante e l’armadillo gigante. – Heinrich Theodor Frank, geologo professionista ed esperto di paleontologia intervistato da BBC Travel.

Le domande restano ancora in sospeso

Quasi dieci anni dopo, gli scienziati li stanno ancora studiando alla ricerca di resti di antiche pellicce che permetterebbero di identificare la particolare specie in questione.

Attualmente stanno anche mappando il tunnel paleolitico Tana dell’armadillo (“Armadillo Burrow”) nello stato di Santa Catarina – all’interno del quale sono state identificate anche misteriose pitture rupestri e triangoli simili a montagne. L’obiettivo è identificare potenziali modelli e indicatori di meccanismi critici durante lo scavo di grandi strutture. Secondo gli specialisti ci sono ancora anni di ricerca in questo campo.

Al momento, non sanno perché questi grandi animali vorrebbero scavare in cavità così grandi. Si ipotizza che potrebbero essere stati progettati per prendersi cura dei piccoli, regolare la temperatura corporea o addirittura ibernare. I bradipi, come gli armadilli giganti, hanno dovuto sviluppare una “forza ridicola” nelle loro braccia per fare questo. Un’altra ipotesi è che ogni tunnel sia stato costruito nel corso di diversi secoli o addirittura millenni, da animali organizzati in gruppi sociali, formando generazione dopo generazione una grande grotta utile per bisogni sconosciuti.

⋙ Il “Piano B” di Vladimir Putin per mettere in ginocchio l’Ucraina avrà successo?

READ  Le trou noir central de la Voie lactée enfin révélé

Un’altra questione pesa sull’ubicazione delle antiche tane, che sono concentrate negli stati di Rio Grande do Sul e Santa Catarina, centro di ricerche paleontologiche – anche se alcune sono state avvistate nello stato di Minas Gerais a nord (dall’altro invece, rimane nello stato meridionale del Minas Gerais). Brasile). Se ne possono contare solo pochi nella più cosmopolita America del Sud, ma nessuno è stato segnalato nell’America del Nord, dove questi animali tuttavia si sono evoluti; La megafauna si è spostata in tutto il continente. Anche in questo caso ci sono molte teorie, ma il mistero deve ancora essere risolto.

Sullo stesso argomento:
⋙ I primi esseri umani in Brasile realizzavano gioielli con ossa giganti di bradipo
⋙ In Guyana è stato trovato un fossile di un bradipo gigante di 12.000 anni fa
⋙ 13 milioni di anni fa, questo bradipo subì un morso terrificante da parte di un coccodrillo gigante