Dicembre 2, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Qatar World Cup 2022 – Distintivo “One Love”, supporto delle ONG: Blues e FFF pronti per le sfide?

E il fascicolo dell’incendio doloso doveva essere risolto prima di volare, mercoledì, in Qatar. I giocatori della Francia lo hanno fatto in due fasi. Lunedì, davanti alla stampa, Hugo Lloris ha rivelato la sua intenzione di non indossare la fascia universale, simbolo della lotta a ogni forma di discriminazione, compresa quella nei confronti delle persone LGBT ai Mondiali. Martedì, in un “messaggio collettivo” pubblicato sui socialcampione del mondo riconosciutocontesto turbolento“sulle finali della Coppa del Mondo e ha annunciato la loro intenzione di fornire sostegno finanziario alle ONG che lavorano”per proteggere i diritti umani“.

Amnesty International, che da diversi mesi esercita pressioni sulla Federcalcio francese e sulla squadra francese, in particolare per difendere i diritti dei lavoratori migranti, ritiene questa misura necessaria ma non sufficiente. “Accogliamo con favore questo intervento tardivo ma necessarioFacci sapere per Lola Schulman, advocacy officer di Amnesty France. I giocatori avevano una responsabilità morale. Ma possono fare di più. Alcuni gruppi hanno pianificato di incontrarsi e discutere con i lavoratori migranti per avviare un dialogo. Speriamo che i giocatori della nazionale francese non siano soddisfatti di questo messaggio.

Coppa del Mondo

Nkunko ha toccato Benzema, lasciando l’allenamento dopo 15 minuti

3 ore fa

Amnesty International condanna il silenzio delle Forze armate federali

Pertanto, questo messaggio non ha dissipato tutte le fonti di tensione. Diverse ONG, tra cui Amnesty International, hanno sostenuto la creazione di un fondo di compensazione per i lavoratori che hanno lavorato nei cantieri. Il 2 novembre, il ministro del lavoro del Qatar ha avvertito che il suo paese non avrebbe finanziato un simile progetto. “Stiamo parlando con il sindacato oraSegui Lola Shulman. Alcuni mesi fa, la Federcalcio francese ha sostenuto il Fondo di indennizzo dei lavoratori migranti. Da allora, ha taciuto mentre doveva premere la FIFA per istituire il fondo.

READ  Grande svolta per Sergio Ramos?

Altro tema caldo, il badge One Love. Mentre otto federazioni (nota: Germania, Inghilterra, Belgio, Danimarca, Francia, Olanda, Galles e Svizzera) hanno annunciato di voler vedere il loro capitano indossare la fascia arcobaleno. L’arcobaleno, simbolo anti-discriminazione, in Qatar, la squadra FFF e Hugo Lloris da allora ha rallentato. Lunedì, a Clairefontaine, il capitano dei Blues ha dichiarato di rifiutarsi di indossarlo :”In questo fascicolo ho la mia opinione personale e si unisce all’opinione del Presidente. Quando diamo il benvenuto agli stranieri in Francia, vogliamo che seguano le nostre regole e rispettino la nostra cultura. Farò lo stesso quando andrò in Qatar. “

Hugo Lloris con la sua mano durante Euro 2016

Credito: Getty Images

Le dichiarazioni che hanno offeso Bertrand Lambert, presidente della Panam Boys and Girls, che combatte l’omofobia nel calcio: “Sono scioccato. Loris parla di “rispetto delle regole e della cultura” del Qatar, ma lì non si parla delle regole del codice della strada. Stiamo parlando di valori e diritti umani. Stiamo parlando di persone che sono state incarcerate perché hanno commesso l’errore di non essere come tutti gli altri. Quando saremo un paese dei diritti umani, porteremo i valori umani ovunque andremo.

È un peccatoCi ha detto a dicembre Yoann Lemaire, fondatrice del Foot Ensemble, che mira a sensibilizzare contro ogni forma di discriminazione. Queste persone vivono in una realtà parallela. I nostri vicini tedeschi, danesi e inglesi sono molto più avanti perché pensano di più a questa questione. Ci mancano Harry Kane o Manuel Neuer. Ci mancano persone coraggiose con impegno umanitario.

Le Graët ha rallentato e le associazioni hanno colpito

In un’intervista a L’Equipe, Noel Le Graet è stato chiaro la scorsa settimana. Il tecnico francese è sulla stessa linea di Lloris per quanto riguarda lo slogan “One Love”: “Mi piace molto (Hugo Loris) Non farlo. Giocheremo in un paese che dobbiamo rispettareha affermato il capo di 3F. Ma se dobbiamo indossarlo, lo indosseremo. Non che io non approvi questo bar, ma a volte mi dico che vogliamo essere così tanto una lezione che dovremmo anche guardare cosa sta succedendo a casa.“.

Noël Le Graët, Presidente della FFF.

Credito: Getty Images

Tutto ciò che esce dalla bocca di Noël Le Grat non appena parla di discriminazione è inverosimileGiudice Bertrand Lambert. Sempre : “Croce, non c’è niente da vedere.” Yoann Lemaire traccia lo stesso solco: “Non so se c’è un pizzico di conservatorismo o se la posta in gioco tra Francia e Qatar è semplicemente troppo alta per bagnare il FFF, ma in ogni caso la conclusione è la stessa: devi essere cool.Nel loro comunicato stampa, i giocatori hanno sottolineato la loro “associazione” con il “rifiuto di qualsiasi forma di discriminazione”.

Coppa del Mondo

Blues sosterrà le “ONG” per difendere i diritti umani

8 ore fa

Coppa del Mondo

Perché Deschamps alla fine ha scelto Thuram invece del cicalino

Ieri alle 16:55