Maggio 22, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Preoccupazione dopo una fuga di notizie su un veicolo spaziale russo attraccato alla Stazione Spaziale Internazionale

Preoccupazione dopo una fuga di notizie su un veicolo spaziale russo attraccato alla Stazione Spaziale Internazionale

Un getto di particelle bianche, un preraffreddatore, che fuoriesce abbondantemente dalla navicella Soyuz MS-22. La causa di questo incidente potrebbe essere stata l’impatto di un micrometeorite.

agenzie spaziali russo E due americani erano al lavoro giovedì 15 dicembre per valutare la gravità dell’impressionante fuga di notizie avvenuta il giorno prima su una navicella russa attraccata alla Stazione Spaziale Internazionale, che potrebbe essere stata causata dall’impatto di un piccolo meteorite. Se in nessun momento i membri dell’equipaggio si sono trovati in pericolo, questo incidente ha destato preoccupazione per il viaggio di ritorno sulla Terra dei tre, previsto tra pochi mesi sulla nave in questione.

navicella spaziale Sojuz MS-22 L’attracco è stato sulla Stazione Spaziale (ISS) da quando ha portato lì i cosmonauti russi Sergey Prokopyev e Dmitry Petlin a settembre, così come l’astronauta americano Frank Rubio. Mercoledì, i due russi si stavano preparando per una passeggiata nello spazio quando è scattato un sistema di allarme, indicando un calo di pressione nel sistema di raffreddamento del veicolo spaziale, secondo un comunicato stampa dell’agenzia spaziale russa Roscosmos.

Un’immagine della NASA che mostra la perdita della nave. DISPENSA/AFP

Un getto di particelle bianche nello spazio

Nelle immagini trasmesse dalla NASA, puoi vedere chiaramente un getto di particelle bianche che si riversa abbondantemente nello spazio: un pre-refrigerante. “La perdita potrebbe essere causata da un piccolo meteoriteha detto giovedì Sergey Krikalev, direttore del volo spaziale umano a Roscosmos, secondo una dichiarazione riportata dall’agenzia di stampa russa TASS.

Il liquido proveniva dal retro dell’auto, ormeggiato alla parte russa della stazione. Poi la perdita si è fermata da sola. Passeggiata spaziale annullata.Per consentire il tempo di valutare il fluido e i potenziali impatti sulla sicurezza della navicella SoyuzLa NASA ha detto in una dichiarazione giovedì. “I membri dell’equipaggio a bordo della stazione spaziale sono al sicuro e non in pericolo durante la fugalei ha aggiunto.

READ  "Sei un idiota", l'espulsione degli artisti fa reagire il boss di Baldur's Gate 3

Possibili soluzioni di backup

I due cosmonauti russi e un astronauta americano sono arrivati ​​alla Stazione Spaziale Internazionale il 21 settembre, a bordo di un razzo russo lanciato dal Kazakistan. Solitamente devono riutilizzare la stessa nave per tornare sulla Terra dopo circa sei mesi, il che significa la fine della missione nel marzo 2023. una nuova nave.

Altre quattro persone sono attualmente a bordo della Stazione Spaziale Internazionale: la russa Anna Kekina, gli americani Nicole Mann e Josh Kasada e il giapponese Koichi Wakata. Tutti e quattro fanno parte dell’equipaggio di Crew-5, arrivato alla Stazione Spaziale Internazionale in ottobre su un veicolo spaziale della compagnia spaziale americana SpaceX, i cui servizi sono noleggiati dalla NASA. Lo scambio di un cosmonauta russo su navicella americana e di un cosmonauta americano su navicella russa era programmato da tempo ed è proseguito nonostante le forti tensioni tra i due Paesi.

La Stazione Spaziale Internazionale è una delle poche aree di cooperazione ancora in corso tra Mosca e Washington dopo l’attacco della Russia all’Ucraina, lanciato il 24 febbraio, e le conseguenti sanzioni occidentali. La Stazione Spaziale Internazionale è stata lanciata nel 1998 in un momento di cooperazione USA-Russia, sulla scia della corsa allo spazio in cui si sono impegnati i due Paesi durante gli anni della Guerra Fredda.

Guarda anche La sonda Orion è tornata sulla Terra dopo aver circumnavigato la Luna