Luglio 17, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Percy esclude TotalEnergies dall’etichetta ISR

Percy esclude TotalEnergies dall’etichetta ISR

Il ministro dell’Economia, Bruno Le Maire, ha emesso una sentenza: non è più necessario che TotalEnergies faccia parte di un fondo di investimento che pretenda di avere la (nuova) etichetta ISR (Investimento Socialmente Responsabile). La decisione può sembrare informale; Tuttavia, è cruciale nel mondo della gestione patrimoniale. È il risultato di un’intensa battaglia di pressione, durata diversi mesi, se non anni, che ha visto la posizione di Percy oscillare notevolmente durante l’estate.

Clima: “La riforma dell’etichetta ISR è una vera decisione politica” (Philippe Zoatti, Mirova)

Questa decisione fa parte di una revisione completa del marchio ISR, creato nel 2016 sotto la guida di Percy. All’epoca l’approccio era piuttosto innovativo, ma in un contesto in cui la finanza sostenibile era ancora agli inizi e l’emergenza climatica aveva meno rilevanza per l’opinione pubblica. Da allora questa etichetta si è lentamente abbassata, anche se con alcune modifiche nel 2019. È considerata troppo generica e soprattutto troppo indulgente nei confronti del settore dei combustibili fossili.

Per questo motivo Bercy ha deciso, nell’ottobre 2021, di nominare un comitato comprendente tutte le parti interessate, presieduto da Michele Pappalardo, ex presidente. Commissario generale per lo sviluppo sostenibileProporre un nuovo standard per l’etichetta PVR e restituirgli una certa credibilità tra i professionisti finanziari, le associazioni e, soprattutto, tra i risparmiatori.

Percy esita

Ciò è stato fatto dopo due anni di lavoro e consultazioni. La primavera scorsa, la Commissione ha presentato una bozza del suo nuovo quadro per la consultazione, con il seguente punto fisso: escludere i produttori di energia fossile non convenzionale – di cui TotalEnergies non fa parte – ma anche le aziende che investono in nuovi progetti di combustibili fossili convenzionali, che sono de fatto di interesse per il colosso francese.

READ  Scegli la Francia. Derrière l'effet d'annonce, les investissements étrangers se concrétisent-ils?

Nel mese di luglio il progetto di riforma è giunto all’approvazione del ministro dell’Economia. E dopo… niente più. Una campagna di lobbying entusiastica da parte di TotalEnergies, in nome del principio che bisogna aiutarla a finanziare la transizione energetica, ma anche della maggior parte degli “asset manager”, soprattutto quelli più grandi, come Amundi, filiale di Crédit Agriculture e leader nelle attività. La gestione in Europa.

Questi manager erano disposti a “rinnovare” il marchio, ma sono rimasti ostili a regole di esclusione eccessivamente restrittive. Volevano chiaramente il tag ISR e la capacità di detenere TotalEnergies, che è il valore del portafoglio sottostante della maggior parte dei fondi ISR ​​pubblici diversificati.

Circa 170 dei 1.174 fondi a marchio SRI (con un patrimonio totale di 773 miliardi di euro) hanno TotalEnergies nel loro portafoglio, ma sono spesso i più grandi. Così, la professione della gestione patrimoniale, in particolare attraverso l’Associazione francese di gestione (AFG), si è rivelata all’altezza della situazione durante l’estate e sembra aver convinto Percy a non andare oltre…

Accendi l’ala

A settembre il messaggio era: sì alla riforma, no all’esclusione di Total Energies. Ciò senza tenere conto della mobilitazione delle associazioni climatiche, come Reclaim Finance, ma anche degli attori finanziari più impegnati nella finanza sostenibile. “Era solo una questione di credibilità. Non possiamo mantenere Total nel fondo SRI, anche se su questo tema le opinioni sono profondamente divise.-Decodificatore professionale.

Secondo i professionisti intervistati da La Tribune, l’esclusione di TotalEnergies è ormai eccessiva “Devi averlo fino all’ultimo minuto.”conferma la professionalità.

“Questa è una notizia davvero inaspettata.”Lo conferma a La Tribune Philippe Zoatti, fondatore e amministratore delegato di Mirova, uno dei leader della finanza sostenibile in Francia (Gruppo Natixis).

Vera svolta

La pressione su Percy è aumentata notevolmente negli ultimi giorni, in particolare la lettera aperta indirizzata la settimana scorsa a Bruno Le Maire e firmata da 60 persone, che chiede che le aziende che sviluppano nuovi progetti fossili siano escluse dall’etichetta ISR. La svolta di Percy è impressionante perché va ben oltre la proposta iniziale del comitato, escludendo di fatto tutte le società che operano nel settore del petrolio e del gas.

READ  "Abbiamo appena perso il 50% delle nostre prenotazioni" a causa del Covid-19

“Si tratta di un vero passo avanti verso il pieno sviluppo degli investimenti responsabili”.dà il benvenuto alla relatrice Pascale Poussant, che è anche consulente di gestione patrimoniale e molto impegnata nella finanza sostenibile. “Per molti anni Percy non ha mostrato un forte interesse per la finanza sostenibile, con questa riforma forse le cose cambieranno.Secondo le stime di Ladislas Smeya, direttore del settore ambientale, sociale e governance della piattaforma di investimento MBO+. Il nuovo quadro, che manterrà il suo carattere generale, i cui dettagli non sono stati ancora del tutto definiti, dovrebbe entrare in vigore il 1° marzo 2024.

__________

Andando avanti, guarda la riproduzione video dell’evento Share the Economy 2023 qui: ESG, azienda responsabile in termini di inventario.