Marzo 1, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Ouseville Tolosa.  Sessanta giorni sdraiati per la conoscenza

Ouseville Tolosa. Sessanta giorni sdraiati per la conoscenza

L’Istituto di Medicina e Fisiologia Spaziale (MEDIS) conduce regolarmente da 35 anni studi all’interno della sua clinica spaziale, per promuovere le applicazioni della ricerca spaziale nel campo della salute. Erwan Coussino, di Ouseville e studente del master in Gestione delle Risorse Umane, dopo un'attenta selezione, ha partecipato ad uno studio denominato Brace (riposo a letto con gravità artificiale ed esercizio ciclistico) che si è svolto dal 6 aprile al 4 luglio scorsi su richiesta del Cnes e l'Agenzia spaziale europea (Agenzia spaziale europea). La sfida era: “Sono in grado di sopravvivere due mesi in condizioni estreme?” Anche l'interesse per il campo e il compenso finanziario lo hanno motivato più che mai. Trascorse sessanta giorni sdraiato. Non così facile. Le prime due settimane sono trascorse velocemente, secondo le sue osservazioni, soprattutto perché le giornate erano piene di molte prove. Svolgere tutte le attività quotidiane stando sdraiati (igiene, vestirsi, mangiare, compiti vari al computer o al portatile, ecc.) richiede più tempo. “Fortunatamente potevamo dormire a pancia in giù e girarci su un fianco per mangiare, purché una spalla toccasse il letto”, ricorda. Il suo esercizio quotidiano in bicicletta gli ha fatto guadagnare 200 grammi di muscoli, nonostante fosse costretto a letto. Questa esperienza rimane senza precedenti per lui: “È stato un momento emozionante di scambi con medici, in particolare con Thomas Pesquet, e scienziati di spicco. Ma anche di convivenza con il mio compagno di stanza, che è spagnolo. Abbiamo imparato la lingua dell'altro. Il grande momento è stato la sessione sportiva, parte di “È successo oggi”. Il ritorno sulla terraferma è stato difficile, perché il corpo ha dovuto abituarsi alla gravità dopo due mesi di distensione. “Tutto è molto pesante: gambe, braccia, testa. Ho dovuto fare esercizi di riabilitazione ed esercizi di equilibrio, quindi ricostruire i muscoli. Ho recuperato al 100% delle mie capacità in due settimane. Alla fine dell'estate, sono riuscito a corri di nuovo senza difficoltà.

READ  scienze. La rotazione de la Terre s'accelère