Giugno 14, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

‘Oumuamua: sappiamo di più sul misterioso oggetto interstellare visto nel 2017

‘Oumuamua: sappiamo di più sul misterioso oggetto interstellare visto nel 2017

Gli scienziati hanno rivelato che l’oggetto stellare soprannominato ‘Oumuamua, che è stato visto nel 2017 da un telescopio alle Hawaii, era davvero una cometa.

La tesi dell’astronave extraterrestre è stata respinta. in un rapporto pubblicato Mercoledì 22 marzo sulla rivista scientifica Nature, gli scienziati hanno stabilito che l’oggetto interstellare ‘Oumuamua, visto per la prima volta nel 2017 da un telescopio alle Hawaii, era in realtà una cometa.

Lungo circa 400 metri e lungo cento metri, “Oumuamua” (che significa “esploratore” in hawaiano) ha sollevato molti interrogativi sulla sua natura, presso la comunità scientifica. In effetti, l’ex direttore del dipartimento di astronomia di Harvard, Abraham aka “Avi” Loeb, ha ampiamente approvato l’interpretazione della nave extraterrestre, nel suo libro “The First Sign of Intelligent Extraterrestrial Life”, pubblicato nel 2021.

Tuttavia, tre anni fa, un team di ricercatori del Dipartimento di Astronomia dell’Università del Maryland ha annunciato che il primo oggetto interstellare ad entrare nel nostro sistema solare era del tutto normale. “L’ipotesi del veicolo spaziale extraterrestre è divertente, ma la nostra analisi suggerisce che un gran numero di fenomeni naturali potrebbe spiegare ‘Oumuamua”, ha spiegato Matthew Kenney, all’epoca co-direttore dell’indagine.

domande sul suo aspetto

A differenza delle comete “tradizionali”, Oumuamua non aveva una scia luminosa composta da gas e polvere. Questa proprietà ha naturalmente fornito materiale agli scettici e ai difensori della tesi dell’esistenza di una nave extraterrestre.

Sulla rivista scientifica NatureJennifer Bergner, un chimico dell’Università della California, Berkeley, che ha guidato il lavoro recentemente pubblicato, spiega che questa mancanza di una “coda”, o percorso di luce, era solo una conseguenza della formazione della cometa.

READ  Abbiamo provato a generare chiavi Windows 10 Pro e 11 Pro utilizzando ChatGPT

“Quando ‘Oumuamua si è avvicinato al sole, ha rilasciato idrogeno, che è ancora meno massiccio del monossido di carbonio o dell’anidride carbonica espulso nelle tipiche comete, e non ha avuto lo slancio per rilasciare tanta polvere con esso, spiegando la mancanza di un virgola o coda”, specifica l’autore dello studio.

‘antico’

Jennifer Bergner precisa inoltre che questa “evacuazione dell’idrogeno” permette di spiegare lo strano comportamento di una cometa, che, una volta entrata nel sistema solare, deviava la sua traiettoria e ne usciva.

“Segnaliamo qui che l’accelerazione di Oumuamua è dovuta al rilascio di idrogeno molecolare intrappolato che si forma dal trattamento attivo di un corpo di ghiaccio ricco di H2”, recita la didascalia del recente studio.

“L’idrogeno intrappolato è semplicemente la spiegazione più generale”, afferma Daryl Seligman, coautore del rapporto, che lavora con lui alla Cornell University (Stato di New York), per tradurre scientificamente l’accelerazione sperimentata dalla cometa.