Ottobre 20, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

notizie | Cavità gigante scoperta nella Via Lattea

Secondo uno studio pubblicato mercoledì, gli astronomi della Via Lattea hanno scoperto una cavità gigante circondata da due nebulose, le nuvole Perseo e Toro, che sono apparse dopo l’esplosione di almeno una stella gigante.

Le nubi molecolari di Perseo e Toro, come vengono chiamate, sono state a lungo esaminate, a causa della loro vicinanza alla Terra – tra 500 e 1.000 anni luce, che è una goccia sulla scala della nostra Via Lattea, che è più di 80.000 anni luce di diametro.

Ma anche perché ospita vivai di stelle, che si sono formati grazie alla miscela di gas molecolare e polvere che compongono queste nubi. Infine, perché queste nebulose sembravano essere collegate da una specie di filo. Poi la nota è stata ignorata a causa della loro distanza dal nostro pianeta.

La cosa divertente di queste due nuvoleIl ricercatore Shmuel Bialy dell’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics ha spiegato all’AFP che “Troviamo che sono ben collegati, non nel modo immaginato, ma attraverso una cavità gigante”.

Questa è la prima volta che gli scienziati sono stati in grado di progettare una mappa 3D di una tale struttura, chiamata “Per-Tau Shell”, con l’aiuto di tecniche computazionali e di imaging avanzate, in particolare una mappa dei gas molecolari con l’area più grande, disegnato utilizzando i dati del telescopio spaziale europeo Gaia.

Dobbiamo immaginare un “una specie di campo il cui interno è vuoto”, secondo Shmuel Bialy, a Super Bowl” Come viene chiamato, il suo diametro è di circa 500 anni luce (circa 4,7 milioni di km), e il suo guscio esterno è in parte formato da due cloni di Perseo e Toro.

READ  I prodotti Tech di Amazon a prezzi (molto) bassi all'inizio dell'anno scolastico

Dentro la cavità contiene già un po’ di polvere, “Ma a una densità molto bassa rispetto alla densità delle nuvole”Lo ha detto all’AFP il cosmologo e astrofisico Torsten Enslin, assistente professore al Max Planck Institute for Astrophysics in Germania.

Lui e Shmuel Bialy, autore principale, sono co-autori di questo studio pubblicato su Astrophysical Journal Letters. È uno degli scienziati che, nel 2019 e nel 2020, ha realizzato la prima mappa 3D delle nuvole di polvere vicino al nostro sole. Questo grazie ai dati di Gaia sulla posizione e le caratteristiche di oltre 5 milioni di stelle in questo “sobborgo” solare.

È la collega di Shmuel Biale, Catherine Zucker, borsista post-dottorato e astrofisica, che mercoledì sta firmando un secondo studio sull’argomento per spiegare come gli scienziati hanno fatto buon uso di questa mappa, con l’aiuto di algoritmi sviluppati in parte sotto la sua supervisione. Comando.

“Questa è la prima volta che possiamo utilizzare viste 3D reali, non simulazioni, per confrontare la teoria con l’osservazione e stimare quali teorie funzionano meglio”. Per chiarire da dove provenissero questa gigantesca cavità e le nuvole che si sono depositate sulla sua superficie, ha detto in una dichiarazione rilasciata dal Centro di Astrofisica.

“Pensiamo che a causa della supernova, un’enorme esplosione abbia spinto questi gas e abbia formato queste nuvole”dice Shmuel Bialy, il cui studio suggerisce uno scenario per più supernovae. Secondo questa teoria, una o più stelle sono esplose alla fine della loro vita e hanno gradualmente spinto indietro la maggior parte del gas in cui si sono bagnate per formare questa cavità, tra 6 e 22 milioni di anni fa.

READ  Giornate dell'Amazzonia francese: 10 pepite da afferrare con urgenza giovedì 🔥

“Oggi vediamo la cavità nella sua fase finale, dove ha effettivamente rallentato (espansione) e ha permesso la formazione di nuvole”. A proposito di Perseo e Toro, dice Shmuel Bialy. Ora intende concentrarsi sui gruppi di stelle più giovani che appaiono lì.

Per quanto riguarda il professor Ensslin, si aspetta di essere “La scoperta di molte altre strutture” Come quello di Per-Tau. Questa bolla potrebbe essere solo una delle tante.Spiega, aggiungendo che, nonostante le sue dimensioni, occupa poco spazio nella mappa 3D prodotta dal suo dipartimento. Resta da esplorare e battezzare…