Aprile 18, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Mattéo Guendouzi (OM): “Non ci sono gemiti, nessun gemito”

Mattéo Guendouzi (OM): “Non ci sono gemiti, nessun gemito”

Due giorni prima che Angers ricevesse una lanterna rossa (domenica, 20:45) a nome della 35a giornata di Ligue 1, Mathieu Guendouzi, che Igor Tudor ha detto di aver apprezzato durante la partita, è tornato venerdì al suo pessimo gioco. Tempo a fine stagione con l’OM, ​​attualmente a due punti dal Lens.

“Hai fatto i conti con la sconfitta contro Linus?
Siamo alla fine della stagione e non abbiamo tempo per pensare molto. Ovviamente siamo delusi dal risultato a Lens. Ora siamo completamente concentrati su Angers. Mancano ancora quattro partite, potrebbero succedere tante cose, e l’anno scorso l’abbiamo vista decisa all’ultimo secondo. Alla fine risponderemo sempre al presente.

Il tuo finale di stagione complicato in termini di minutaggio? Ne hai discusso con il tuo allenatore?
Non pretendo proprio niente, ho un contratto. Ho sempre affrontato le mie responsabilità dentro e fuori dal campo. Ho degli obblighi, li rispetterò fino alla fine. Certo, non è facile stare in panchina, ho sempre voluto aiutare la squadra e tu ti senti impotente. Ma posso dare molto alla squadra quando mi chiamano. Aggiungo necessariamente valore. Rimarrò sempre fedele ai miei valori, sarò sempre diretto nei miei panni. Farò sempre del mio meglio sul campo.

READ  Mercato - Paris Saint-Germain: sotto shock, il Real Madrid vuole evitare un nuovo disastro per Mbappe

A che punto sei del tuo futuro, hai avuto una discussione con Javier Ribalta (direttore del calcio OM)?
Sì, gli ho parlato, è stata una discussione normale come tanti giocatori possono avere con un direttore sportivo o un direttore del calcio. Sono sempre stata una persona leale che dice le cose in faccia. È sempre con l’obiettivo di andare avanti insieme, prima che la mia situazione personale venga trascesa.

“L’obiettivo comune è arrivare secondi e qualificarsi per la Champions League. Ci stiamo pensando tutti”.

Giocare più in alto ti serve?
non necessariamente. La mia posizione migliore è il doppio perno a centrocampo. È qui che posso aiutare di più la squadra. Ma la mia situazione personale viene dopo, non abbiamo tempo per lamentarci o lamentarci. L’obiettivo comune è arrivare secondi e qualificarsi per la Champions League. Ci pensiamo tutti. Ci saranno discussioni quest’estate.