Novembre 27, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Lussemburgo, Svizzera, Italia… Quest’estate i negozi di frontiera francese hanno attratto consumatori stranieri.

I marchi di frontiera hanno registrato un aumento del 7,2% del fatturato alimentare, con aumenti di prezzo inferiori in Francia.

Carrefour, Leclerc, Struttura a U, Achan… I rivenditori francesi hanno visto molti consumatori stranieri affollare i loro scaffali. In questione, beni di consumo a basso costo, in allegato infiammazione La Francia è meno potente. Ad aprile, i prezzi sono aumentati solo dell’1,9% su base annua in Francia, rispetto al 5% in Germania, al 3,5% in Belgio, al 2,8% in Italia o al 2,4% in Svizzera. , secondo i dati di NielsenIQ.

L’azienda ha pubblicato un nuovo studio che mostra un forte aumento delle vendite estive nei negozi di frontiera situati a meno di 20 chilometri da un paese vicino. Il fatturato alimentare in questi stabilimenti è aumentato del 7,2%, raggiungendo il 10,8% al confine franco-lussemburghese. Seguono poi i confini franco-svizzero (+9,1%), franco-belga (+7,5%), franco-italiano (+7,4%) e franco-tedesco (+5,7%). Solo i punti vendita dei Pirenei, al confine con Spagna e Andorra, crescono di meno del 5%, con un fatturato alimentare in aumento del 4,4%.

“Le enormi entrate del turismo”

Mentre le regioni di confine hanno ottenuto risultati migliori, il resto delle regioni francesi ha registrato un aumento del 5,4% del fatturato dei beni di consumo a luglio e agosto. Una differenza significativa nell’estate del 2021 e il suo calo è dello 0,8%. Per Matthew Facilio, esperto di geomarketing presso NielsenIQ, è “L’ottimo andamento è da mettere in relazione con l’ingente introito turistico, che si spiega perfettamente con l’andamento dei minimarket nelle zone turistiche della capitale.“. In effetti, Parigi è il leader dei settori più orientati, poiché i suoi distretti turistici hanno aumentato le proprie entrate del 32%.

READ  «Plus dure de la vague» passé in Francia, levé des restrizioni sull'Italia, le point sul coronavirus

La capitale è seguita dalla Baie de Somme, con un aumento delle entrate dell’11% rispetto alla scorsa estate, poi la costa della Normandia (+9%), La Baule/Pornic e la costa della Vandea (+7%).