Settembre 19, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

L’Italia sfugge al brutale massacro dei posti di lavoro

Rilasciato il 9 settembre 2021 alle 09:53Aggiornato il 9 settembre 2021, alle 9:54

I sindacati temono il “Social Sumani” e l’assassinio sul lavoro Gli italiani non camminavano. Il 1° luglio è stato revocato il divieto di licenziamento nelle grandi aziende e nel settore delle costruzioni, adottato nel marzo 2020 per combattere l’epidemia. Il divieto non sarà revocato nelle PMI e nell’industria tessile, della moda e delle calzature fino al 31 ottobre. A questo punto, Forte aumento della disoccupazione Non verificato. Il suo tasso è sceso al 9,3% a luglio.

Significativo calo della disoccupazione giovanile

Secondo gli ultimi dati dell’Ufficio nazionale di statistica (Tsl), a luglio sono stati creati 24mila posti di lavoro, metà dei quali a tempo indeterminato. Il tasso di disoccupazione femminile è rimasto stabile al 58,4%, mentre il tasso di disoccupazione femminile è stato del 10,6%, molto più alto dell’8,3% degli uomini. I giovani stanno beneficiando di questo miglioramento con un calo dell’1,6% tra i 15-24enni. Tuttavia il loro tasso di disoccupazione è particolarmente elevato (27,7%) rispetto ai giovani tedeschi (7,5%). L’Italia si comporta meglio di Spagna e Grecia (rispettivamente 35,1% e 37,6%).

Peggiore recessione

Da gennaio sono impiegati 440.000 italiani. Tuttavia, il numero di lavoratori occupati è ancora di 265.000 in meno rispetto a prima dell’epidemia. Nonostante le previsioni di crescita del 6% a fine anno, l’economia della Transilvania non ha ancora cancellato le cicatrici della recessione, la peggiore dalla seconda guerra mondiale. Continua la ristrutturazione e la ristrutturazione di molte aziende I licenziamenti di luglio hanno riguardato principalmente i dipendenti di età compresa tra 35 e 49 anni (85.000 da inizio anno).

Mancanza di manodopera qualificata

La crisi economica ha colpito principalmente i lavoratori autonomi. A luglio sono scese sotto i 5 milioni (-1,2% in un anno). Per la Federazione nazionale degli artigiani, dall’epidemia, 300.000 lavoratori autonomi hanno perso il lavoro, soprattutto nei ristoranti, nel turismo e nell’agricoltura. Una situazione che preoccupa i partner della comunità: ” Dobbiamo guidare il mercato del lavoro anche se la luce inizia ad accendersi in fondo al tunnel Hanno commentato i maggiori centri sindacali. I datori di lavoro sono preoccupati per la mancanza di lavoratori qualificati. Deve impegnarsi di più nell’allenamento. Un obiettivo condiviso dal ministro del Lavoro, che in autunno propone un progetto di riforma delle prestazioni sociali.

READ  La Toscana, culla di Cienti, è uno dei vini italiani più famosi