Marzo 1, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

L’Italia separa i suoi maggiori musei dai direttori stranieri

L’Italia separa i suoi maggiori musei dai direttori stranieri

Italia. Era la fine delle voci che per settimane avevano tenuto con il fiato sospeso il mondo culturale italiano. Il 15 dicembre, a seguito di elezioni pubbliche internazionali, sono stati nominati i nuovi direttori di alcuni dei musei più importanti della penisola. Dei 300 candidati iniziali, dieci sono stati selezionati per un museo, tre dei quali hanno superato un esame orale davanti a una commissione di cinque esperti, la cui composizione ha suscitato polemiche. I suoi membri sono tutti italiani e solo una, Daniela Boro, è storica dell'arte. Per quanto riguarda il bando, predilige profili nazionali. Non c’è da stupirsi che un governo nazionalista abbia criticato l’utilizzo degli stranieri per rilanciare le principali istituzioni culturali transalpine. Il suo ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano, aveva fatto la promessa all’inizio di quell’anno “Nessuna discriminazione verso gli stranieri”Ma lo ha scoperto «In particolare, segno di un certo provincialismo, i dieci principali musei italiani sono gestiti da stranieri. In un Paese che riconosce le università in beni culturali e storia dell'arte, non esistono profili di talento».

Ritorno alla preferenza nazionale

La gestione dei quattro musei di prim'ordine, simbolo della riforma Franchini, dieci anni prima, era stata concessa ampia autonomia e quindi rinnovata. Tutti gli stranieri vengono sostituiti da italiani. Unica eccezione il tedesco Ike Dieter Schmidt, il pubblicizzatissimo direttore della sede di Firenze. A lui l'onore di varare il “Grand Capodimonte” nel 2025. Sostituisce il francese Sylvain Bellenger, che ha intrapreso un vasto programma di rinnovamento e ammodernamento del Museo napoletano. Eike Dieter Schmidt desiderava questa posizione da mesi. Godendo di buoni rapporti con il Ministro della Cultura, possiede la cittadinanza italiana. Entrare in politica era un documento essenziale per realizzare la sua altra grande, nascosta ambizione. L'anno prossimo si terranno le elezioni comunali nel capoluogo toscano e la destra è alla ricerca di un nome prestigioso per impossessarsi di questa città tradizionalmente di sinistra, sperando di nominarlo come proprio candidato. Il principale interessato ha annunciato che lo sta valutando e prenderà la sua decisione a gennaio.

READ  Un uomo di 26 anni è stato ucciso da un orso mentre faceva jogging in Italia

Leader con background unici

Firenze riserva la grande sorpresa di queste prime nomination. Simone Verde ha lasciato il complesso monumentale della Pilotota di Parma per assumere la direzione della Galleria degli Uffizi, che quest'anno ha battuto il record di 5 milioni di visitatori. Nessuno scommetterebbe su questo 48enne romano, laureato all'École du Louvre e dottorato in antropologia dei beni culturali all'EHESS di Parigi, che ha lavorato al Louvre Abu Dhabi. Ha lasciato la Birmania al termine di un progetto durato 6 anni e costato più di 22 milioni di euro Gennaro Sangiuliano. “Se ci fosse bisogno di una prova della necessità di autonomia dei musei, questa è senza dubbio quella più chiara e illuminante.” Lo ha commentato il ministro della Cultura.

Le altre sue scelte sono molto meno commentate pur avendo profili molto diversi. Renata Cristina Mazzantini diventa direttrice della Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea di Roma. L'architetto di formazione, specializzato in riqualificazione energetica, è stato fino ad oggi consigliere del presidente. Sostituisce Christiana Colu, che ha trasformato profondamente il percorso espositivo del museo. L'inglese James Bradburn ha ceduto la cattedra di direttore della Pinacoteca di Brera a Milano ad Angelo Crespi. Il 55enne giornalista e critico d'arte, vicino al potere, gestisce il Museo Maga a Kallarat.

Per quanto riguarda i nuovi direttori dei musei secondari, la decisione finale spetta a Massimo Ossanna, direttore generale dei Musei nazionali italiani. Lo storico dell'arte Costantino D'Orazio dirigerà la Galleria Nazionale dell'Umbria, mentre il collega Thomas Clement Salomon dirigerà la Galleria Nazionale d'Arte Antica di Palazzo Barberini-Galleria Corsini a Roma. Avvocato, museologo e organizzatore di mostre, si distinse come responsabile di numerosi progetti per la Galleria Borghese. L'avvocato e biografa Alessandra Necchi assume la gestione delle Gallerie Estency di Modena pur non avendo alcuna esperienza professionale nel settore culturale o museale. Una volta al potere, Georgia Maloney promise la fine“Con la superiorità culturale della sinistra e l'inferiorità della destra” Versare “Liberare la cultura italiana da un sistema che può funzionare solo dichiarandosi fuori da un certo campo politico”. Cambia tutto affinché nulla cambi…

READ  Frana in Giappone: i soccorritori ne trovano 80 ad Atom