Aprile 18, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Le cellule del fegato controllano anche l’orologio biologico

Le cellule del fegato controllano anche l’orologio biologico

L'”orologio circadiano” regola alcune azioni biologiche, come mangiare o dormire, semplicemente per anticipare l’alternarsi del giorno e della notte. Questo è il motivo per cui è approssimativamente impostato su 24 ore. È presente in tutto il corpo ma anche a livello cellulare.

Effetto del fegato sull’orologio biologico

Solo che questo orologio biologico non è molto preciso, ha un piccolo margine di errore e deve essere risincronizzato regolarmente. Se non vivi in ​​una grotta o – non corri la mattina – è la luce che lo permette. Ogni giorno, la luce entra nei tuoi occhi e invia un segnale a una struttura nel tuo cervello, proprio dove si incrociano i nervi ottici, chiamata nucleo soprachiasmatico. Ogni giorno questi neuroni ripristineranno accuratamente il tuo orologio biologico e parleranno con tutti i tuoi organi in modo che tutte le cellule siano puntuali.

Questo è ciò che sappiamo finora, sorge solo la domanda se nel nostro corpo ci sia un solo elemento regolatore. Ad esempio, mangiare potrebbe avere un effetto di feedback sul nostro orologio? Quindi questi scienziati hanno trapiantato cellule epatiche umane in topi, animali notturni. Risultati, gli epatociti umani alterano l’orologio biologico dei topi.

Intervista a Serge Luquet, Direttore della Ricerca CNRS presso l’Unità di Biologia Funzionale e Adattativa della City University Paris. Coautore di questo studio pubblicato in

La scienza avanza.

Mattinata della Cultura – ITW Serge Luquet

2 minuti

La scoperta di oltre 200 tipi di microrganismi in grado di degradare la plastica

È stato identificato a Dafeng, nelle saline della Cina orientale. Su questo globo sono state scoperte 184 specie di funghi accompagnate da 55 specie di batteri, un nuovo termine a metà strada tra il continente terrestre e il mare aperto, dove sono già stati scoperti microrganismi mangiatori di plastica. Questa è la prima volta che vengono scoperti microrganismi che mangiano plastica. Campioni di questo ecosistema sono stati prelevati nelle paludi.

READ  È morto Jean-Luc Baroudi, politologo

Lo studio è stato pubblicato in

Giornale delle sostanze pericolose Dimostra che questi microrganismi sono in grado di digerire il PCL, un policaprolattone. È interessante descrivere le caratteristiche di questi ‘nuovi ecosistemi’. Da un lato, questa scoperta non deve essere vista come una soluzione all’inquinamento degli oceani, perché il PCL è una plastica relativamente assente dagli imballaggi comuni.

Per visualizzare questo contenuto di Twitter, devi accettare i cookie social networks.

Questi cookie ti permettono di condividere o interagire direttamente sui social network ai quali sei connesso o di integrare contenuti inizialmente pubblicati su tali social network. Consentono inoltre ai social network di utilizzare le tue visite ai nostri siti Web e app per scopi di personalizzazione e targeting degli annunci.


Eureka!


58 minuti

Una pianta capace di diventare carnivora

Il che significa che non sempre, si chiama carnivoro facoltativo. In alcune circostanze, Triphyophyllum peltatum Inizia a nutrirsi di insetti. Questa vite tropicale africana è l’unica specie nota per esibire questo comportamento. Per capire meglio come si è evoluta questa capacità, gli scienziati che pubblicano in

Nuova botanicaLa pianta cresce in cento stati diversi, rimuovendo alcuni nutrienti chiave dall’ambiente, come azoto, fosforo e persino potassio.

Di conseguenza, quando è carente di fosforo, alcune foglie si sviluppano e secernono una sostanza appiccicosa che intrappola e digerisce gli insetti. Questo può essere un mezzo di sopravvivenza, specialmente alla fine del monsone quando il suolo è impoverito di sostanze nutritive. Gli autori esamineranno ora il meccanismo molecolare alla base di questo predatore su richiesta.

Il Dual Science Festival inizia domani a Parigi

I Science Ball Festivals si sono aperti la scorsa settimana con il Pint of Science, che si è appena concluso.

Versare

doppia scienzaQuesta è la sua prima versione. L’idea qui è di pensare alla scienza in entrambi i modi, tra cittadini e scienziati: come migliorare il profilo della scienza nei media e come coinvolgere maggiormente il pubblico, in particolare sulle questioni climatiche. Conferenze, esperimenti, trasmissioni in diretta e mostre. Inizia – un po’ stasera – ma soprattutto domani al Ground Control nel 12esimo arrondissement e continua per tutto il weekend.

Scienza, QQFD


58 minuti

Grazie a Serge Luquet per le sue preziose spiegazioni.

Per più…

Studio dell’orologio biologico (Progressi scientifici)

Studio della blastosfera (Rivista di sostanze pericolose)

Studio su una pianta carnivora (nuova botanica)

Una pianta rara diventa carnivora quando manca di nutrienti essenziali (nuovo mondo)