Maggio 26, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Le banche francesi si ritirano dal continente africano

Le banche francesi si ritirano dal continente africano

La banca aprirà anche una riflessione strategica sulla sua controllata in Tunisia. Benoit Tessier/Reuters

Société Générale venderà quattro delle sue filiali in Africa. BNP Paribas o BPCE sono andati anche oltre.

Questa è la prima mossa strategica della Société Générale sotto la guida di Slawomir Krupa. Due settimane dopo aver assunto la carica di amministratore delegato (23 maggio), la banca ha annunciato giovedì che sta ridimensionando le sue operazioni in Africa. Si prepara quindi a vendere le sue quattro filiali in Congo, Guinea Equatoriale, Mauritania e Ciad a due gruppi bancari africani, Vista e Coris. Potrebbe anche lasciare Societe Generale Tunis, dove è presente attraverso l’Unione Internazionale delle Banche (UIB), di cui detiene il 52,34% del capitale.

“Inversione strategica aperta”, identifica il gruppo con il logo rosso e nero. Questi prelievi seguono la chiusura un anno fa di Yup, la soluzione di pagamento mobile panafricana (Camerun, Senegal, Costa d’Avorio, ecc.), su cui faceva molto affidamento. Tuttavia, non ha resistito alla concorrenza di società di telecomunicazioni come Orange Money e in particolare dell’ondata americana di startup di pagamento.

Société Générale assicura di essere ancora presente nei 13 paesi africani, tra cui Senegal, Costa d’Avorio e Camerun, dove occupa. “posizione di comando” con “dimensione critica”. Questo non è stato il caso nei quattro paesi da cui si è ritirata, poiché i suoi affiliati erano piccoli.

La Banca Nazionale di Parigi Paribas

La presenza delle banche francesi ed europee in Africa è molto diminuita negli ultimi anni. Crédit Agricole è stato il primo istituto francese a scorporare le proprie filiali dell’Africa occidentale dopo la crisi finanziaria del 2008. Nel 2018 è stata la volta del gruppo combinato BPCE (Banque Populaire, Caisse d’Épargne, Natixis) a vendere quasi tutte le sue banche africane .

Stessa strategia per BNP Paribas, che vende anche molte delle sue partecipazioni nel continente (Gabon, Mali, Comore, ecc.). “Per cinque o sei anni, le banche francesi ed europee, la cui redditività è talvolta sotto pressione nel retail banking, tendono a concentrarsi nuovamente sui loro mercati nazionali ed europei, ad esempio, in cui svolgono molte attività commerciali”.osserva Nicholas Darbo, partner di Accuracy.

concorrenza delle banche africane

Queste istituzioni, che per diversi decenni hanno creato tante speranze nel continente africano, non sono riuscite finora a conquistare quote di mercato significative nei Paesi in cui sono sorte. e creando sinergie con il resto del gruppo. “Quindi oggi preferiscono riassegnare le loro azioni ad altre attività più redditizie”.sostiene Nicolas Darbo.

Altri fattori spiegano il ritiro delle banche occidentali. Il continente africano deve ancora mantenere le sue promesse di sviluppo: una classe media che emerge lentamente. E sul piano geopolitico le tensioni restano alte in molti Paesi. Per non parlare di qualche sentimento antifrancese.

I gruppi bancari francesi devono anche fare i conti con nuovi concorrenti, spesso panafricani, che conquistano costantemente quote di mercato. In prima linea c’è la banca marocchina Attijariwafa, ormai onnipresente nell’Africa sub-sahariana. Anche il BGFI gabonese o l’ecobanca togolese è in aumento. Per non parlare della penetrazione negli ultimi anni di banche russe e turche sul suolo africano.

“data-script =” https://static.lefigaro.fr/widget-video/short-ttl/video/index.js”>

READ  Elon Musk annuncia un abbonamento da $ 8 al mese per sostenere il suo account Twitter