Maggio 27, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

L’aumento della temperatura dell’oceano sta causando un diffuso sbiancamento dei coralli in tutto il mondo

L’aumento della temperatura dell’oceano sta causando un diffuso sbiancamento dei coralli in tutto il mondo

Le conseguenze del 2023, l’anno più caldo dall’inizio delle registrazioni, sono già chiare per le barriere coralline, uno dei tesori naturali più a rischio a causa dei cambiamenti climatici causati dall’uomo. Sebbene sia ancora impossibile misurare il tasso di mortalità effettivo nelle colonie di polipi, il processo è in corso. Le ondate di calore marino hanno portato molte delle barriere coralline del pianeta in un territorio mortale. Lunedì 15 aprile, Amministrazione nazionale oceanica e atmosferica (NOAA) E così ha confermato Quella terra “Stiamo assistendo a un nuovo evento globale di sbiancamento dei coralli”..

Secondo gli scienziati dell’agenzia statunitense che hanno raccolto osservazioni da molte regioni e registrazioni delle temperature della superficie del mare (Sea Surface Thermal, SST) nel periodo tra febbraio 2023 e aprile 2024, questo episodio, Il quarto dall'inizio delle rilevazioni nel 1985, e il secondo in meno di dieci anni “Importante”. “È ancora troppo presto per valutare gli impatti, ma sembrano molto forti, soprattutto perché stanno accadendo così rapidamente dopo il 2016, quando le barriere coralline hanno bisogno di diversi anni, a volte dieci anni, per rigenerarsi quando non stanno morendo”., secondo le stime di Jean-Pierre Gattuso, oceanografo (CNRS) del Laboratorio oceanografico di Villefranche (Alpi Marittime). Nel 2018, Uno studio pubblicato sulla rivista natura Ha rivelato che il caldo del 2016 ha causato la morte del 30% delle barriere coralline nella Grande Barriera Corallina australiana.

Anche questa volta il fenomeno complessivo è impressionante. Secondo la National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA), colpisce la Florida negli Stati Uniti, il Mar dei Caraibi, il Brasile, l’Oceano Pacifico orientale lungo il Messico, vaste aree del Pacifico meridionale (compresa la Polinesia francese), il Mar Rosso e il Golfo Persico. E il Golfo di Aden. Le Seychelles, Mayotte, la costa occidentale dell'Indonesia ma anche la Grande Barriera Corallina. L’8 marzo le autorità australiane hanno annunciato che, per la settima volta in ventisei anni, A “sbiancamento di massa” Colpisci la struttura vivente più grande del mondo. Il quinto episodio in otto anni in questa regione.

READ  I salari dovrebbero essere collegati all'inflazione? Editoriale Carlo Snat
Leggi anche | Il materiale è riservato ai nostri abbonati In Australia, a causa del riscaldamento globale, la Grande Barriera Corallina sta vivendo un episodio di “sbiancamento di massa”.

“Mentre gli oceani del mondo continuano a riscaldarsi, lo sbiancamento dei coralli sta diventando sempre più frequente e graveDerek Manzello, il coordinatore della raccolta di questi dati, avverte nel post della NOAA. Quando questi eventi sono intensi e prolungati, possono causare la mortalità dei coralli. »

“Conseguenze serie”

Ti resta il 65,91% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.