Settembre 24, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

La visita di Messi a Parigi riflette un momento critico per il calcio

Quell’emozionante, ultima volta ad aprile, prima che un gruppo di proprietari dei più grandi club europei svelasse i piani per una super-lega che senza dubbio avrebbe fatto irruzione nel mondo indesiderabile

Una divisione gestita dal presidente della Juventus Andrea Agnelli e dal presidente del Real Madrid Florentino Perez voleva presto diventare pubblica. Agnelli, in particolare, sentiva la pressione personale di agire, infatti, come un doppio agente. Tutto, dicevano, era pronto; O almeno l’importo richiesto dovrebbe essere pronto.

Un altro gruppo, incentrato sui gruppi per i diritti degli Stati Uniti che controllano i giganti tradizionali del Regno Unito, ha consigliato con cautela. I progetti devono ancora essere multati. Ad esempio, c’è stata più discussione su quanti posti potrebbero essere assegnati alle squadre che si sono qualificate per il torneo. Pensavano che fosse meglio aspettare l’estate.

Se la prima squadra non avesse vinto la giornata – se l’intero progetto non fosse esploso e caduto in disgrazia in 48 turbolente ore – questa settimana, dopo le Olimpiadi ma prima dell’inizio della nuova stagione, quando si sono presentati – un’alta visione di il futuro del calcio.

Il crollo della Super League è stato, ovviamente, un sollievo benedetto. Invece questa settimana, data una spiegazione distopica, si dice, giustamente, che le tribune del calcio non dovrebbero vedere grandi consolazioni per il suo fallimento.

Giovedì, il Manchester City ha battuto il record di trasferimenti britannici – l’Aston Villa ha pagato $ 138 milioni a Jack Greeley – per non essere stato la scorsa estate. Il club spera che l’amuleto del Tottenham e il capitano dell’Inghilterra Harry Kane possano salire a $ 200 milioni.

Poi, ovviamente, tagliando tutto, Lionel Messi lascerà – deve partire – il Barcellona. Secondo le regole della Liga, le finanze del club, fisicamente e finanziariamente, non saranno in grado di registrare il miglior giocatore di tutti i tempi nella prossima stagione. Non c’era altra scelta che lasciarlo andare. Non aveva altra scelta che andarsene.

Tutto ciò che è stato giocato da allora è stato abbastanza scioccante, ma prevedibile.

READ  Punteggio All-Star Game 2021 MLP: aggiornamenti in tempo reale mentre le stelle di AL e NL incontrano Shoaib Othani nel santuario di Coors Field

In una conferenza stampa in lacrime, Messi ha rivelato di essersi offerto di accettare un taglio dello stipendio del 50% nel club che aveva invitato a casa da quando aveva 13 anni, dove ha segnato 672 gol in 778 partite. Per battere il record, vinci tutto ciò che deve essere vinto e crea un mito che non va mai bene.

Appena finito, il primo fumo si è alzato da Parigi suggerendo l’identità della nuova casa di Messi. Il Paris Saint-Germain, a quanto pare, sta schiacciando i numeri. Messi ne ha parlato con il suo vecchio compagno di squadra Neymar. Ha invitato Mauricio Mauricio Pochettino per farsi un’idea di come avrebbe funzionato. Il PSG era in contatto con il suo agente e padre George.

Poi, martedì, è successo. Tutti d’accordo: 41 milioni di dollari l’anno di stipendio, base, due anni, opzione per un terzo. Quando la sua figura è stata rimossa dal Camp Nou, è apparso un buco tra gli ampi manifesti di Gerard Pique e Antoine Griezmann, con Messi e sua moglie Antonella Roccuzzo che si imbarcavano su un aereo a Barcellona, ​​tutti pronti.

Jorge Messi ha assicurato ai giornalisti all’aeroporto di aver firmato un contratto. Lo ha anticipato il PSG con un tweet. Messi è atterrato all’aeroporto Le Bourget vicino a Parigi, leggendo quel sorriso timido e la maglietta: “IC, Syst Paris”.

Non era questo il viaggio che intendeva fare. Ma non aveva scelta; O, al contrario, un giocatore che ha sempre reso possibile tutto, un tempo, aveva solo opzioni limitate.

Quella selezione limitata ha un ritratto del calcio moderno, che è sfacciato. Lionel Messi, il migliore di tutti i tempi, non è la vera società in cui ha giocato negli ultimi anni. Nemmeno lui ha potuto resistere alle forze economiche che guidavano il gioco.

Non poteva stare dove voleva stare a Barcellona perché il club è andato sottosopra in rovina finanziaria. La combinazione dell’incompetenza dei suoi dirigenti e della frenesia dell’azienda ne è in gran parte responsabile, ma non del tutto.

READ  Il Belize ora sta cercando di rianimare il Civo Verona scomparso

Il club ha speso molto e male negli ultimi anni. Ha infranto l’orgoglio che Messi ha costruito. Ma lo ha fatto in un ambiente in cui ci si aspettava che venisse ascoltato e gareggiato da club supportati non solo da oligarchi e milionari, ma da interi stati nazionali, le cui ambizioni erano illimitate e la spesa illimitata.

L’epidemia di corona virus ha accelerato l’inizio della catastrofe, quindi il Barcellona non è più in grado di avere nemmeno un giocatore che voglia restare. Quando è arrivato il momento per lui di partire, ha trovato un panorama in cui solo una manciata di club – un massimo di nove – poteva offrirgli la possibilità di competere in un altro trofeo di Champions League. Hanno lasciato tutti gli altri per molto tempo e li hanno spinti al secondo livello.

Di loro, solo tre possono avvicinarsi a uno stipendio decente come lui. Non dovrebbe avere il desiderio di pagare le sue quote. È il più grande artista della storia. Sebbene sia suo dovere compiacerci, la sua affermazione che dovrebbe farlo a buon mercato è controversa. È solo Chelsea o Manchester City o Parigi.

Per alcuni – non solo per chi ha il PSG nel cuore – sarà un’opportunità allettante: un’occasione per vedere Messi riunirsi a Neymar per la prima volta con Kylian Mbabane, mentre molti pensano che alla fine prenderà il suo posto. Miglior corona, e con il suo vecchio nemico Sergio Ramos.

Senza dubbio sarà allettante. Indubbiamente profitto: Jersey vola via dagli scaffali; Le sponsorizzazioni stanno aumentando; Aumenteranno anche gli ascolti televisivi, forse elevando tutto il calcio francese. Sul campo può avere successo; Senza dubbio sarà bello da vedere. Ma non è una misura. Quindi, una nave affonda.

Ma la domanda che lo provocava era quella giusta. La maggior parte di quella dozzina di gruppi era consapevole che il gioco non era durevole nella sua forma attuale. I costi sono troppo alti, i rischi troppo alti. La loro corsa agli armamenti ha portato solo alla distruzione. Sentivano il bisogno di cambiamento, la loro frustrazione ed egoismo per non poter identificare quale forma avrebbe dovuto assumere quel cambiamento.

Erano preoccupati di non essere in grado di competere con il potere e la ricchezza di due o tre club soggetti alle stesse regole di tutti gli altri. Si resero conto che il parco giochi non era più uguale. Prima o poi speravano che prima i giocatori e poi i trofei si sarebbero uniti attorno a PSG, Chelsea e Manchester City.

Non appena si è scoperto, lo è stato. Il PSG ha ingaggiato Messi. Quando l’impatto dell’epidemia entrerà nel resto della partita, il City potrebbe pagare più di 300 milioni di dollari per due giocatori in poche settimane. Il Chelsea ha speso 140 milioni di dollari per un attaccante. Questa è la settimana in cui tutte le loro paure e le loro peggiori previsioni si avverano.

Ovviamente non dovrebbe esserci simpatia. Gli stessi club non si preoccupavano dell’equilibrio competitivo, mentre le disuguaglianze si adattavano a loro. Nulla ha danneggiato le possibilità di un cambiamento significativo se non il loro maldestro tentativo di combinare il più possibile la ricchezza del gioco per i propri scopi.

Ma non sono gli unici a perdersi in questa situazione. Ad aprile, 48 ore dopo quel turbine, sembrava che il calcio stesse evitando una brutta visione del suo futuro. Martedì, quando Messi ha toccato terra vicino a Parigi, è stato difficile ignorare la sensazione che si stesse semplicemente scambiando per qualcun altro, mentre il surreale e l’inevitabile si scontravano.