Settembre 19, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

La polizia americana identifica il serial killer brasiliano dopo la sua morte

La polizia statunitense ha annunciato, martedì 31 agosto, di aver analizzato tre omicidi di giovani donne commessi vent’anni fa in Florida grazie a una lunga indagine conclusasi con l’esumazione di un corpo in Brasile.

Roberto Fernandez, morto in un incidente aereo nel 2005,”Era un serial killerE potrebbe aver richiesto più vite, secondo una dichiarazione dello sceriffo della contea di Broward. Nel 2000, i suoi servizi hanno scoperto, poche settimane dopo, i corpi di due giovani donne che erano state picchiate a morte e lasciate nei sacchi lungo le strade. Un anno dopo, una terza vittima accoltellata fu trovata mentre galleggiava nella baia di Miami. Le tre donne avevano problemi di droga ed erano prostitute.

Analisi del DNA

In quest’ultimo caso, la polizia ha presto sospettato di Roberto Fernandez, un brasiliano che viveva negli Stati Uniti alla fine degli anni ’90 dopo essere stato assolto dall’omicidio della moglie nel suo paese. Ma quando lei ha voluto interrogarlo, si era già recato in Brasile, Paese che non ha un accordo di estradizione con gli Stati Uniti.

Nel 2011 le analisi del DNA hanno collegato i tre omicidi alle impronte digitali che hanno rafforzato i sospetti di Roberto Fernandez. Poi gli investigatori americani sono andati in Brasile per trovarlo. Le autorità hanno detto loro che si è rotto sei anni fa mentre cercava di fuggire in Paraguay dopo essere stato implicato in uno stupro ed essere stato minacciato dalla famiglia della sua ex moglie. La polizia americana pensava che potesse aver avuto il suo incidente. “Dovevamo dimostrare che è morto davveroLo ha spiegato l’agente Nikolai Trifonov in una conferenza stampa. “Le persone possono fingere di essere morte, soprattutto se hanno commesso un omicidio.»

READ  Di fronte al ritorno dei talebani, le donne afghane si ribellano

Dopo anni di ricerche e discussioni bilaterali, la sua tomba è stata finalmente trovata in Brasile e aperta tra la fine del 2020 e l’inizio del 2021. Le analisi del DNA hanno confermato che era effettivamente morto e che era l’autore dei tre omicidi.