Giugno 13, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

La navicella spaziale Boeing Starliner è stata finalmente lanciata con i suoi primi astronauti verso la Stazione Spaziale Internazionale – 06/05/2024 alle 17:07.

Gli astronauti della NASA Butch Wilmore (a destra) e Sonny Williams (a sinistra), a Cape Canaveral il 5 giugno 2024 (AFP/Miguel J. Rodriguez Carrillo)

La navicella spaziale Starliner della Boeing è finalmente decollata mercoledì dalla Florida verso la Stazione Spaziale Internazionale con astronauti a bordo per la prima volta, una missione che aiuterà ad ampliare la lista dei veicoli spaziali che trasportano esseri umani.

Dopo anni di rinvii consecutivi e due cancellazioni dell’ultimo minuto nell’arco di un mese, Boeing deve dimostrare durante questo volo di prova che lo Starliner è sicuro per iniziare le operazioni regolari, anche se è quattro anni indietro rispetto a SpaceX, che già fornisce il trasporto agli astronauti della NASA. .. spazio. La Stazione Spaziale Internazionale (ISS) dal 2020.

Il razzo ULA Atlas 5, con una capsula Starliner in cima, è decollato alle 10:52 da Cape Canaveral in Florida (14:52 GMT). Gli astronauti della NASA Butch Wilmore e Sonny Williams, due veterani dello spazio, compongono l’equipaggio.

“Sonny e io siamo onorati di condividere il sogno del volo spaziale con ognuno di voi”, ha detto il comandante della missione Butch Wilmore pochi minuti prima del decollo.

I due astronauti dovranno trascorrere poco più di una settimana sulla ISS, per poi ritornare sempre a bordo dello Starliner.

L’agenzia spaziale statunitense vuole avere una seconda nave oltre a quella di SpaceX per poter affrontare meglio eventuali problemi con una delle capsule o situazioni di emergenza.

Pertanto, il terzo tentativo di decollo ha avuto successo. Per due volte, all’inizio di maggio e poi la settimana scorsa, i decolli sono stati annullati all’ultimo minuto, anche se gli astronauti avevano già preso posto a bordo del razzo e il razzo era pieno di carburante. La causa è stata prima un problema alla valvola del missile, poi un problema con l’alimentazione elettrica di uno dei computer a terra.

READ  Scopri il Rolex GMT-Master II 16710: un gioiello di orologeria che ogni collezionista sogna di possedere

Anche una piccola perdita di elio su uno dei motori della navicella Boeing ha comportato un ulteriore dispendio di tempo per l’analisi, ma alla fine si è deciso di non ripararla prima del volo perché, secondo la NASA, non rappresentava alcun rischio.

– “Butch e Sonny” –

Butch Wilmore, 61 anni, e Sonny Williams, 58 anni, sono stati entrambi due volte sulla Stazione Spaziale Internazionale e si sono addestrati per questa missione per diversi anni.

Un diagramma della navicella spaziale Boeing Starliner mentre si prepara a svolgere la sua prima missione con equipaggio sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) (AFP/Gal ROMA)

Dopo il decollo, devono passare temporaneamente alla guida manuale per testarne il corretto funzionamento.

Entrambi i piloti collaudatori, della Marina degli Stati Uniti, furono attivamente coinvolti nello sviluppo dello Starliner, e questo esemplare fu chiamato Calypso, in onore della nave del comandante Cousteau.

L’attracco della navicella spaziale alla Stazione Spaziale Internazionale è previsto circa 24 ore dopo il lancio, intorno alle 16:15 GMT di giovedì.

Trasporta un carico inaspettato, aggiunto all’ultimo minuto: una nuova pompa per il sistema di riciclaggio dell’urina-acqua degli astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale.

La pompa di bordo ha recentemente smesso di funzionare e nel frattempo l’urina deve essere conservata in serbatoi, ma queste capacità sono limitate.

– Molteplici delusioni –

Anche la Boeing, scossa anche da problemi di sicurezza sui suoi aerei, scommette sulla missione la sua reputazione.

Al Kennedy Space Center in Florida prima della prima missione astronauta della capsula Boeing Starliner, 1 giugno 2024 (AFP/Gregg Newton)

Lo sviluppo dello Starliner è stato rovinato da molteplici delusioni. Dopo il fallimento del primo volo di prova senza equipaggio nel 2019, il veicolo vuoto è riuscito a raggiungere la Stazione Spaziale Internazionale solo nel maggio 2022.

Successivamente furono scoperti altri problemi – legati ai freni della capsula durante il suo rientro nell’atmosfera, o addirittura al nastro infiammabile che doveva essere rimosso dall’interno del veicolo – ritardando il suo volo inaugurale con l’equipaggio.

Ciò è essenziale affinché Starliner ottenga l’ambita certificazione NASA.

Solo poche navi americane hanno trasportato astronauti in passato.

Dopo la chiusura delle navette spaziali americane nel 2011, gli astronauti della NASA furono costretti a viaggiare a bordo della navicella spaziale russa Soyuz.

Per porre fine a questa dipendenza, nel 2014 l’agenzia spaziale statunitense ha firmato un contratto con Boeing e SpaceX per lo sviluppo di nuove navi.

Una volta che Starliner sarà operativo, la NASA vorrà passare dai voli SpaceX a quelli Boeing.

Il CEO di SpaceX, Elon Musk, mercoledì mattina ha augurato “buona fortuna” alla navicella spaziale X per la missione Boeing.