Maggio 21, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

La NASA annuncia che l’asteroide Bennu contiene acqua e carbonio  TV5MONDE

La NASA annuncia che l’asteroide Bennu contiene acqua e carbonio TV5MONDE

Mercoledì la NASA ha annunciato che l’asteroide Bennu contiene acqua e carbonio come speravano gli scienziati, rivelando le prime immagini di polvere e frammenti neri del più grande campione di asteroide mai portato sulla Terra.

“Le molecole di acqua e carbonio sono esattamente il tipo di materia che volevamo trovare”, ha detto il capo della NASA Bill Nelson durante un evento a Houston. “Questi sono elementi cruciali nella formazione del nostro pianeta e ci aiuteranno a determinare l’origine degli elementi che potrebbero portare alla vita”.

La missione Osiris-Rex ha prelevato questo campione nel 2020 dall’asteroide Bennu, e la capsula contenente il prezioso carico è tornata con successo sulla Terra poco più di due settimane fa, atterrando nel deserto americano.

Da allora, il delicato processo di apertura della capsula si è svolto in una stanza bianca presso il Johnson Space Center della NASA a Houston.

Ma il processo ha riservato alcune sorprese.

A causa dell’abbondanza di materiale all’esterno della camera di assemblaggio stessa, questa non ha ancora cominciato ad essere aperta, ha affermato Eileen Stansbury, capo scienziato del Johnson Space Center.

“Ci prendiamo il nostro tempo per eseguire il trattamento in modo sistematico e prenderci cura adeguatamente di ogni pezzo di Binu”, ha spiegato.

Il laboratorio in cui verranno analizzati i campioni dell’asteroide Bennu raccolti dalla sonda Osiris-Rex, il 24 luglio 2023 a Houston, Texas.

Agence France-Presse/Archivio

Prima che la capsula atterrasse, l’agenzia spaziale americana stimò di essere riuscita a catturare circa 250 grammi di materiale dall’asteroide Bennu, molto più di due precedenti missioni giapponesi su altri asteroidi.

La NASA, per la quale questa è stata la prima manovra, deve ancora confermare questa stima.

READ  La matematica può prevedere trasgressioni autoritarie?

“Polvere nera”

La felice sorpresa di questo materiale “bonus” si spiega con un incidente accaduto al momento del prelievo del campione: subito dopo l’operazione, la NASA si è accorta che la valvola nella camera di raccolta non era in grado di richiudersi.

La capsula della missione Osiris-Rex della NASA contiene un campione di asteroide dopo l’atterraggio nel deserto vicino a Dugway, il 24 settembre 2023, nello Utah.

NASA/AFP

Il carico venne messo in sicurezza trasferendolo come previsto nella capsula, ma a causa di questa perdita, gli scienziati si aspettavano di trovare dei resti all’esterno della camera, nella scatola in cui si trovava.

Questa “polvere nera” e “detriti”, come dice la NASA, sono stati affidati a un team di analisi rapida, al fine di avere una prima idea della composizione di Bennu.

Il campione è stato esaminato mediante microscopia elettronica a scansione, diffrazione di raggi X e misurazioni a infrarossi.

Lo studio degli asteroidi dovrebbe consentire agli scienziati di comprendere meglio la formazione del sistema solare e come la Terra sia diventata abitabile.

Immagine scattata dalla sonda Osiris-Rex della NASA il 2 dicembre 2018, che mostra l’asteroide Bennu.

NASA/Goddard/Università dell’Arizona/AFP/Archivio

Alcuni scienziati ritengono che asteroidi come Bennu abbiano portato sulla Terra composti che in seguito hanno permesso la nascita della vita.

La maggior parte dei campioni sarà conservata affinché le generazioni future possano studiarla con strumenti nuovi e più efficienti e rispondere a nuove domande scientifiche. Questo è ciò che è stato fatto alle rocce lunari restituite durante il programma Apollo.

L’analisi di Benue potrebbe essere utile anche in futuro. C’è una piccola possibilità (una su 2.700) che l’asteroide colpisca la Terra nel 2182, una collisione che sarebbe catastrofica.

READ  L'ecopelle rivoluziona il tatto

Conoscerne l’esatta composizione potrà quindi aiutare, se necessario, un giorno, a calcolare l’effetto necessario per deviarne il percorso.