Ottobre 25, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

La lava del vulcano ha raggiunto l’oceano, timori di gas tossici

Lava Dal vulcano che ha eruttato dieci giorni fa Sull’isola di La Palma, nell’arcipelago spagnolo delle Isole Canarie, ha raggiunto l’oceano da martedì sera a mercoledì, un fenomeno potenzialmente pericoloso, ha annunciato l’Istituto vulcanico delle Isole Canarie (Involcan).

“Il flusso di lava ha raggiunto il mare a Playa Nueva”, ha detto. Involcan Sul suo account Twitter poco dopo mezzanotte. Cumbre Vega è scoppiata il 19 settembre. Martedì pomeriggio, la lava, la cui velocità è variata negli ultimi giorni, si è addirittura fermata a un certo punto, era ancora a mezzo miglio dal mare, rendendo impossibile prevedere quando avrebbe raggiunto l’oceano. Questo incontro tra la lava fusa e l’acqua era particolarmente temuto a causa di Produzione di gas tossici e particelle nocive che possono entrarvi, rendendolo pericoloso.

area riservata

Per questo motivo, il governo regionale dell’arcipelago ha decretato un “raggio di esclusione di 2 miglia nautiche” rispetto al punto in cui si prevede che la lava raggiunga. Lunedì, i residenti di diversi quartieri del villaggio costiero di Tazacorte sono stati chiamati all’autoisolamento per i timori di gas tossici provenienti dalla lava in arrivo nell’oceano.

Questa decisione è stata presa a causa “della possibilità di un piccolo shock quando il magma entra nell’acqua di mare e che questo piccolo shock provoca fumi che possono essere tossici”, ha confermato il Direttore tecnico del Piano di emergenza vulcanica per le Isole Canarie. (Pivolca), Miguel Angel Morquinde.

L’ingresso in mare della covata lavica è avvenuto poche ore dopo che il governo ha rilasciato martedì 10,5 milioni di euro in aiuti diretti alle vittime dell’eruzione vulcanica, in particolare per acquistare abitazioni per loro, che hanno visto le proprie abitazioni inondate di lava.

READ  Per le strade di Kabul, disperazione e miseria

Secondo il sistema europeo di misurazioni geospaziali di Copernico, su quest’isola di 85.000 persone è stato dichiarato lo stato di calamità naturale, con colate laviche che hanno distrutto un totale di 589 edifici – non tutti abitati – e copre 258 ettari di terreno. L’isola di La Palma vive principalmente della coltivazione delle banane e del turismo. L’eruzione non ha provocato morti o feriti, ma ha provocato l’evacuazione di oltre 6000 persone che hanno dovuto lasciare le loro case.