Febbraio 24, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

La Francia e altri sette paesi europei si oppongono a Euro 7

La Francia e altri sette paesi europei si oppongono a Euro 7


Nel novembre 2022, Bruxelles ha introdotto una nuova riforma chiamata Euro 7. Mira a “ridurre l’inquinamento atmosferico associato al trasporto su strada”, oltre alle automobili, entro il 2025. La Francia e altri sette paesi europei hanno espresso la loro opposizione al testo lunedì maggio. 22, 2023.

Gli otto paesi ritengono che questo nuovo standard proposto dalla Commissione europea comporti dei rischi. Frenare gli investimenti dei produttori in auto elettriche Infatti le normative Euro 7 impongono Nuove regole sui gas di scarico per composti termici. Se i produttori europei investono e si concentrano su questo obiettivo, potrebbero perdere terreno rispetto ai concorrenti americani e asiatici.

Tra i firmatari vi sono Bulgaria, Ungheria, Polonia, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Italia e, di conseguenza, Francia. La Germania è vista da lontano La potenza automobilistica leader in Europa, non ha firmato il testo. Tuttavia, il Paese ha dichiarato che lo standard Euro 7 rappresenta ” rischio per il suo lavoro Senza parlare del contenuto del testo, la Germania ritiene insostenibile la scadenza del 2025.

Leggi anche
Auto elettrica, perché l’Europa non perde il nord

Questo nuovo standard europeo è contestato dall’industria automobilistica Non all’unanimità. Gli otto governi che si oppongono al testo affermano: Essere ostili a qualsiasi nuova normativa sui gas di scarico (inclusi nuovi requisiti per le condizioni di prova o nuovi limiti di emissione) per automobili e veicoli commerciali leggeri ».

Mentre i membri del Parlamento europeo e degli Stati membri dell’Unione europea Hanno raggiunto un accordo per porre fine al caldo nell’anno 2035i paesi che protestano chiederanno alla Commissione Prova di ragione e pragmatismo. Adolfo Orso, Ministro italiano delle Imprese, ha espresso il suo compiacimento che “ Diversi paesi si uniscono all’Italia nell’opporsi a Bruxelles su questo testo Questo è probabilmente troppo testo per l’industria automobilistica europea, che impiega quasi 13 milioni di persone.

READ  Wall Street chiude contrastata dopo il calo delle offerte di lavoro - 05/12/2023 alle 22:49

Da parte loro, gli ambientalisti ritengono che lo standard Euro 7 non vada abbastanza lontano per ridurre le emissioni di gas. Accusano addirittura la federazione di aver ceduto alle pressioni sulle vetture. Per emanare un nuovo regolamento, gli iscritti al sindacato sono tenuti a farlo compromesso e adottare una posizione comune prima di presentare un testo al Parlamento europeo.