Ottobre 25, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

La Fed potrebbe tagliare i suoi acquisti “presto” e aumentare i tassi di interesse nel 2022

* Le condizioni di “tapping” possono essere soddisfatte a novembre

* Gli acquisti di obbligazioni potrebbero interrompersi a metà del 2022

* Il prezzo potrebbe essere aumentato per la prima volta nel 2022

(Aggiornato con commento sulla conferenza stampa di Powell)

di Howard Schneider e Juniel Mart

WASHINGTON (Reuters) – La Federal Reserve americana ha detto mercoledì che potrebbe “presto” ridurre i suoi acquisti di obbligazioni sui mercati e prendere in considerazione un primo rialzo dei tassi prima del previsto, e nove dei suoi 18 alti funzionari ritengono che il costo potrebbe dover essere aumentato credito nel 2022.

Questo cambiamento nella retorica della banca centrale statunitense può essere spiegato in particolare dall’evoluzione delle sue aspettative di inflazione: ora si aspetta che gli aumenti dei prezzi al consumo raggiungano il picco del 4,2%. Quest’anno, rispetto al 3,4% previsto a giugno, un livello più che doppio rispetto all’obiettivo.

Tuttavia, il rialzo dei tassi di interesse dovrebbe essere relativamente lento perché il tasso sui fondi federali (“fondi federali”), che attualmente è tenuto tra lo zero e lo 0,25%, dovrebbe raggiungere solo l’1% nel 2023 e poi l’1,8% nel 2024, un livello che sarà comunque ritenuto adeguato.

In questo periodo la Fed consentirà all’inflazione di superare leggermente il target del 2%, in linea con la nuova strategia adottata lo scorso anno. Il tasso di disoccupazione tornerà gradualmente al livello più basso prima della pandemia, che è del 3,5%.

I membri del Comitato federale per il mercato aperto (FOMC) hanno una revisione della media delle previsioni di crescita dei dati per questo articolo: la media delle stime di progressione del prodotto interno lordo (PIB) ha un fatturato del 5,9%, contro il 7 % a giugno.

READ  Negli Stati Uniti, Activision Blizzard è nel mirino del regolatore del mercato

“I settori più colpiti dalla pandemia si sono ripresi negli ultimi mesi, ma l’aumento dei casi di COVID-19 ha rallentato la ripresa”, si legge nel comunicato stampa del FOMC.

Quest’ultimo non ha ancora preso alcuna decisione sul ritmo e sui tempi della riduzione degli acquisti di asset, ma il presidente della Fed Jerome Powell ha affermato che sarebbe “opportuno” avviare il processo. Presto da completare entro la metà del 2022.

“I partecipanti nel loro insieme credono che finché la ripresa continua a pieno ritmo, il processo di eliminazione graduale da completare a metà del prossimo anno sarà probabilmente appropriato”, ha detto a una conferenza.

Possibile decisione da novembre

Jerome Powell ha aggiunto che le condizioni finanziarie rimarranno favorevoli anche dopo che la Fed smetterà di acquistare e ha sottolineato che le decisioni sugli acquisti di asset sono separate da quelle relative ai tassi.

“È probabile che sia più aggressivo di quanto molti si aspettassero; generalmente riconoscono che se l’economia continua a crescere come abbiamo visto, sarà necessario un calo”, ha commentato Sam Stovall, responsabile della strategia di investimento presso CFRA Research. “Si potrebbe dire che è un annuncio vicino al tapering poiché hanno abbassato le previsioni del PIL per il 2021”.

Pur rilevando che la recente ripresa dell’epidemia di COVID-19 ha rallentato la ripresa di alcuni settori dell’economia, la Federal Reserve osserva nel suo comunicato stampa – adottato all’unanimità – che gli indicatori nel loro insieme “hanno continuato a rafforzarsi”.

Durante la sua conferenza stampa, Jerome Powell ha affermato che il FOMC potrebbe concludere alla prossima riunione, all’inizio di novembre, che l’andamento dell’occupazione e dell’inflazione sono coerenti con le condizioni poste come presupposto per la riduzione degli acquisti.

READ  I centri commerciali deplorano la "totale confusione" dei clienti sulla tessera sanitaria

Questi acquisti di buoni del Tesoro e prestiti fissi cartolarizzati rappresentano attualmente 120 miliardi di dollari (102 miliardi di euro) al mese.

I dettagli delle nuove previsioni della banca centrale mostrano anche che due membri del Federal Open Market Committee (FOMC) hanno cambiato le loro stime dei prezzi e ora si aspettano un aumento nel 2022 anziché nel 2023.

Sui mercati, il dollaro è salito rispetto alle altre principali valute. DXY (+0,22%) dopo la conferenza stampa di Jerome Powell, poiché il rendimento del Treasury a 10 anni US10YT=RR è leggermente sceso a 1.3074%.

A Wall Street, l’indice generale Standard & Poor’s 500 .SPX è aumentato dell’1,05% in pochi minuti dalla chiusura, principalmente a causa dei guadagni dei titoli finanziari e tecnologici.

(Segnalazione di Howard Schneider, con Jonel Mart, versione francese di Marc Angrand)