Maggio 25, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

La Cina reclama i panda dagli Stati Uniti e dal Regno Unito

La Cina reclama i panda dagli Stati Uniti e dal Regno Unito

Da molti anni la Cina pratica la “diplomazia del panda”, l’arte di prestare animali domestici per mantenere le relazioni con altri paesi. Un possibile segno di deterioramento delle relazioni con l’Occidente, gli Stati Uniti e il Regno Unito non avranno più i panda.

Tra pochi mesi non ci saranno più panda sul suolo americano. Per la prima volta in 60 anni. Il motivo è semplice: Pechino non ha rinnovato i contratti di prestito, e intende recuperare i suoi soldi. Nel Regno Unito e in Australia la situazione appare simile.

Per anni, la Cina ha praticato la “diplomazia del panda”, un approccio volto a prestare animali a vari zoo di tutto il mondo per costruire rapporti con i paesi ospitanti. È quindi possibile interpretare questo cambiamento come un debole segnale di deterioramento delle relazioni tra Cina e Occidente.

Ha aggiunto: “Questo potrebbe essere il modo di Pechino per segnalare all’Occidente che potrebbe non essere completamente soddisfatto di come stanno andando le cose”. Washington Post Chi Ming Tan è professore associato presso l’Università di Nottingham e specialista in diplomazia dei panda.

“Forse questo è un modo per dire: ‘Non ci trattate bene, quindi porteremo via i nostri panda’”, ha aggiunto.

La partenza di Yuan Meng

I panda sono presenti negli Stati Uniti dal 1972, quando il premier cinese Zhou Enlai regalò alla First Lady Pat Nixon due panda giganti, segno del miglioramento delle relazioni tra i due Paesi.

Questi animali sono diventati così importanti nelle relazioni bilaterali che Cui Tiankai, ex ambasciatore cinese a Washington, ha dichiarato:

“In realtà ci sono due ambasciatori cinesi a Washington, io e il piccolo panda.”

La Francia ha salutato Yuan Meng, il primo cucciolo di panda nato in Francia allo zoo di Beauval (Loire-et-Cher). La prova dell’importanza simbolica di questo momento è il saluto della First Lady Brigitte Macron all’aeroporto.

READ  "La courbe épidémique est exponentielle en France, cela ressemble à une nouvelle vague", osserva un épidémiologiste

“Non siate tristi, ne abbiamo ancora quattro, e spero che ci possano essere altri nuovi panda tra un anno, due o tre anni”, ha detto Lu Xie, l’ambasciatore cinese in Francia.

Se i rapporti tra Occidente e Cina sono in declino, un paese continua ad avere rapporti forti: la Russia. Nel 2019, Xi ha regalato al presidente russo Vladimir Putin due panda giganti allo zoo di Mosca, in prestito per 15 anni. Presto potrebbe accogliere gli altri.

Articoli più importanti