Gennaio 29, 2023

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Insegnare la scienza per formare buoni cittadini

Questo testo fa parte del privato Les prix de l’Acfas

Nel suo villaggio natale di Mestegmer, nel Marocco orientale, il giovane Amazigh Abdelkrim Hasni non aveva idea che un giorno sarebbe partito per il Quebec e che lì avrebbe fondato un centro di ricerca sull’educazione scientifica, l’Università di Sherbrooke. “Quando sono arrivato per il mio dottorato di ricerca, nessuno a Sherbrooke era interessato a questo campo di studi”, spiega la vincitrice del premio Acfas Jeanne-Lapointe per le scienze dell’educazione.

Nel 2005, ha ricevuto una borsa di studio dal Natural Sciences and Engineering Research Council of Canada (NSERC) per avviare un centro di ricerca per l’insegnamento e l’apprendimento delle scienze (CREAS), che conta 12 ricercatori regolari, 30 ricercatori associati e una quarantina di MA e dottorato di ricerca Gli studenti.

Prima di diventare un insegnante di educazione scientifica e tecnologica, il ricercatore ha insegnato scienze nella scuola secondaria per cinque anni in Marocco, e poi ha trascorso tre anni formando ispettori dell’istruzione. Era quindi convinto, fin dall’inizio, che il compito primario del CREAS fosse quello di garantire una migliore trasmissione delle conoscenze.

“Se vogliamo che gli educatori si assumano la responsabilità della nostra ricerca, dobbiamo fare uno sforzo per dialogare e creare fiducia”, afferma. Per questo il CREAS, da lui diretto dal 2005 al 2009, e poi dal 2012 al 2017, riunisce non solo docenti, ma docenti delle facoltà di scienze e ingegneria, docenti dei centri di servizio scolastico, educatori.

“Gran parte del lavoro consiste nel comprendere gli ostacoli all’apprendimento della conoscenza”, afferma il ricercatore, uno dei cui articoli sulle preoccupazioni degli studenti è stato pubblicato sul British Journal Studi in educazione scientifica È la seconda rivista più letta della sua storia. Il terzo è il mio articolo sull’insegnamento per progetto».

READ  Le monarques sur la bonne voie?

Nello studio di ciò che determina l’interesse degli studenti, l’originalità del CREAS è il suo curriculum. In altre parole: in che modo l’intero curriculum valuta la scienza o no? Sappiamo che se l’acquisizione delle conoscenze scientifiche è disomogenea nella scuola primaria, allora il passaggio alla scuola secondaria non sarà ottimale. »

Cittadinanza scientifica

Sente che l’educazione scientifica del Quebec è paragonabile agli esami internazionali. “Ma c’è ancora spazio per migliorare”, dice, sottolineando i temi della cittadinanza e della promozione della scienza, gli altri due obiettivi principali del CREAS.

“La società ha grandi bisogni. E non ci sono solo medici e ingegneri. Abbiamo bisogno anche di tecnici, elettricisti e meccanici”, spiega, osservando che il CREAS sta attualmente prestando particolare attenzione alla sottorappresentazione delle donne in molte discipline.

“C’è bisogno di una cittadinanza informata nell’affrontare le questioni scientifiche”, aggiunge. Non possiamo discutere adeguatamente di cambiamento climatico o sicurezza sanitaria senza un livello minimo di conoscenza, soprattutto quando gli scienziati non sono d’accordo.

“Questo è un problema che stavamo studiando prima di COVID, in particolare intorno alla controversia sull’HPV [VPH]. L’educazione scientifica non serve solo a produrre scienziati e tecnici. Mira anche a formare buoni cittadini. »

Questo contenuto speciale è stato prodotto dal team di Special Publications di Dovrebberolegati al marketing. la modifica Dovrebbero non ha partecipato.

Vediamo nel video