Maggio 30, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

“Inflazione”, questo fenomeno inaspettato che porta a spendere enormi quantità di denaro per divertimento

“Inflazione”, questo fenomeno inaspettato che porta a spendere enormi quantità di denaro per divertimento

Negli Stati Uniti, i biglietti per il tour di Taylor Swift costano in media diverse centinaia di dollari, o addirittura 1.000 dollari sulle piattaforme di rivendita. Susan Cordero/AFP

Dall’altra parte dell’Atlantico, i prezzi dei concerti delle più grandi star globali – come Taylor Swift o Beyoncé – sono alle stelle. Lo stesso vale per altri tipi di intrattenimento. Per il momento la Francia sembra immune da questo fenomeno.

Dopo l’inflazione, o “inflazione deflazionistica” o anche “inflazione a buon mercato”, una nuova parola è apparsa negli Stati Uniti, nel contesto del trionfante tour mondiale di Taylor Swift. Questa è “funflation”, che è l’abbreviazione delle parole “fun” (divertimento, divertimento) e inflazione. Oppure la tendenza dei consumatori a pagare per fruire di spettacoli dal vivo (concerti, eventi sportivi, ecc.) o di attività ricreative (parchi tematici, ecc.). Insomma, divertirsi. Ciò ha comportato un aumento dei prezzi dei biglietti.

Recentemente è stato il presidente di Best Buy, colosso americano nel settore delle apparecchiature elettroniche, ad attribuire a questo fenomeno il calo delle vendite della sua azienda. “Ora le persone danno priorità a due cose: le cose di base, ovvero cibo, carburante e alloggio. (…) Danno priorità al divertimento», ha apprezzato Corey Barry durante uno degli eventi organizzati dalla rivista fortunausando il termine “InflazioneCita l’esempio del “The Eras Tour” della star globale Taylor Swift, i cui biglietti erano esauriti e costavano in media diverse centinaia di dollari oltreoceano, o addirittura 1.000 dollari sulle piattaforme di rivendita.Queste esperienze sono davvero quelle per cui le persone sono disposte a pagare. Ciò significa che attualmente le persone non sono interessate ai prodotti elettronici più costosi.»

Cori Barry non è la fortunata inventrice del termine “inflazione funzionale”. Negli ultimi mesi le più grandi istituzioni finanziarie degli Stati Uniti si sono concentrate su questo fenomeno inaspettato: nonostante l’accelerazione dell’inflazione che costringe le famiglie a ridurre i budget, queste continuano a spendere cifre esorbitanti per esperienze sicuramente piacevoli, ma costose. Anche la Bank of America ha pubblicato Nota personalizzata In “inflazione” lo scorso settembre. “Tutto ciò che è vivo e tutto ciò che è sperimentale fa salire alle stelle i prezzi“, ha spiegato L giornale di Wall Street Jessica Reeve Ehrlich, una delle autrici.

La Francia è risparmiata?

L’aumento dei prezzi è particolarmente evidente quando si tratta di concerti. Secondo la pubblicazione specializzata Pollstar, il prezzo medio del biglietto per i tour nordamericani quest’estate è stato di 120,11 dollari, con un aumento del 7,4% rispetto allo scorso anno e del 27% rispetto al 2019. Secondo il giornale di Wall StreetI dirigenti dell’industria musicale attribuiscono questo aumento al potere di marketing dei social media e alla globalizzazione della musica pop attraverso lo streaming. Anche i tour da record di Taylor Swift e Beyoncé hanno qualcosa a che fare con questo. Stiamo osservando lo stesso fenomeno ascendente nei parchi a tema o negli zoo in stile Disney, comprese le partite di calcio della MLS, dove ora gioca la superstar argentina Lionel Messi. Il comportamento di preferire esperienze piacevoli, alcuni osservatori lo attribuiscono alla crisi Covid, che ha privato i consumatori di questo tipo di eventi per molti mesi. Alcuni chiamano questo fenomeno “Economia Yolo», abbreviazione inglese di “Viviamo solo una volta“, e altra espressione”Spesa per vendetta».

“I prezzi dei biglietti (per i concerti) in Francia sono ancora generalmente più bassi rispetto ad altri paesi.”

Studio strategico PMP per Prodiss

Al momento questo fenomeno non sembra aver interessato la Francia. “Probabilmente è troppo basso per essere misurato nella popolazione generale», diciamo semplicemente dal Crédoc (Centro di ricerca per lo studio e il monitoraggio delle condizioni di vita). Nel settore musicale, se ultimamente alcuni fan si sono arrabbiati per i prezzi a volte esorbitanti di alcuni concerti (Madonna, Beyoncé, The Weeknd…), Studio condotto da PMP Strategy per Prodiss – La Federazione Nazionale degli Spettacoli Musicali e di Varietà – pubblicata a giugno, mette in prospettiva questi prezzi. Si riferisce al fatto che “Tra il 2019 e il 2023, I prezzi dei biglietti per i concerti ai prezzi più bassi sono generalmente rimasti al di sotto dell’inflazione in Francia». «Sopra si trovavano solo i prezzi più alti per i biglietti per concerti e arene e stadi molto grandi“Rispetto a quelli internazionali”, aggiunge.I prezzi dei biglietti in Francia rimangono generalmente più bassi rispetto ad altri paesi se si analizzano le date dello stesso tour internazionale in più paesi», rileva ulteriormente lo studio.

Questo anche se la Francia non esclude cambiamenti nel comportamento dei consumatori. “Ciò che i giovani oggi cercano sono più esperienze di vita. Il loro sviluppo personale avviene più attraverso questo che attraverso il consumo di beni», analizza l’economista Philippe Moatti, cofondatore di ObSoCo (Osservatorio società e consumi). Ma in Francia, ad esempio, non si è verificata una situazione simile a quella avvenuta in Svezia dopo i concerti di Beyoncé a Stoccolma lo scorso maggio. Il capo economista di una delle principali banche svedesi, la Danske Bank, ha stimato che il passaggio della “Queen Bee” attraverso il paese ha influenzato i dati sull’inflazione di maggio, con gli hotel che hanno colto l’opportunità di aumentare le loro tariffe.


” data-script=”https://static.lefigaro.fr/widget-video/short-ttl/video/index.js” >

READ  Lo sciopero si estende alle centrali nucleari EDF