Ottobre 21, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Incredibile colpo di scena! SNCF mette fine all’attuale progetto di trasformazione della Gare du Nord

Incredibile colpo di scena! A meno di un anno dall’accordo tra la SNCF e il Comune di Parigi sulla riconversione della Gare du Nord, il gruppo ferroviario ha annunciato martedì sera la fine dell’attuale progetto di trasformazione, guidato da una joint venture tra lo sviluppatore immobiliare Citruss. Affiliato al Gruppo Auchan e SNCF Gares et Connexions. Ciò è dovuto a “intollerabili deviazioni dagli obblighi contrattuali” da parte del franchisor. L’enorme progetto era quello di triplicare l’area del terminal parigino, il primo in Europa, in previsione dei Giochi Olimpici e Paralimpici del 2024.

Come promemoria, il gruppo ferroviario ha selezionato Auchan Real Estate nel luglio 2018 per triplicare l’area della stazione di Parigi in preparazione delle Olimpiadi del 2024. In particolare, questo progetto è stato adottato dal Consiglio dal Comune di Parigi da Parigi a luglio 2019 e la concessione è stata assegnata nel 2019 a SA Stazione Nord2024 (StatioNord), joint venture fondata da SNCF Gares & Connexions (34%) e Ceetrus (66%), quest’ultima responsabile di design, business e finanziamento.

1 miliardo di euro di costi aggiuntivi

A luglio, Gares et Connexions è stata avvertita di uno slittamento del costo stimato dell’impresa, portando il conto a oltre 1,5 miliardi di euro, contro i 500 milioni ancora previsti a fine 2020, e un “notevole ritardo” che lo impedisce. Completato dalle Olimpiadi del 2024

La SNCF ora promette di “adattare rapidamente la Gare du Nord” alla Coppa del mondo di rugby nel 2023 e ai Giochi olimpici del 2024 e di “progettare un nuovo progetto di trasformazione (…) sviluppato in stretta consultazione con gli attori pubblici pertinenti”.

Ceetrus, dal canto suo, precisa che dalla conclusione del contratto di concessione, nel febbraio 2019, il progetto di rinnovo ha conosciuto numerose evoluzioni e ricorsi che hanno avuto un impatto duraturo sulla sua attuazione.

READ  Djbari vuole discutere di biglietti del treno gratuiti per i ferrovieri e le loro famiglie

Dopo una lunga discussione con il sindaco di Parigi (che inizialmente aveva acconsentito al fascicolo), nel novembre 2020 è stata adottata una versione meno ambiziosa del progetto, che non ha impedito difficoltà.

Trasformazione Gare du Nord: il Paris vince la battaglia contro la SNCF

Abbandona il centro commerciale Gare du Nord

Nicolas Bonnet Allledge, presidente dei comunisti parigini eletti, si è detto soddisfatto di quello che ha visto come “l’abbandono del centro commerciale della Gare du Nord”, salutando “la vittoria su un progetto che ha dato una posizione di orgoglio al settore privato” a scapito delle esigenze degli utenti.

“La prova che il ricorso al settore privato porta sempre a costosi sforamenti di budget”, ha accolto a Parigi Danielle Simonet, consulente di LFI, chiedendo al sindaco di Parigi di “ascoltare finalmente la protesta di residenti, utenti e associazioni”. I comunisti eletti in Ile-de-France hanno chiesto l’abbandono di un altro progetto in cui sono in competizione, il CDG Express, un collegamento espresso che collegherà la capitale nel 2025 con l’aeroporto di Roissy. Da parte sua, Valerie Pecres ha dichiarato al Grand Summit di Parigi che desidera che il progetto CDG Express abbia successo.

Il municipio chiede che l’aggiornamento della stazione non venga posticipato

In tarda serata, il Comune di Parigi ha risposto chiedendo di non ritardare la modernizzazione dell’edificio, in vista dei Giochi del 2024. In un comunicato stampa, ha scritto che il comune “desidera essere ricordato che la modernizzazione e la ristrutturazione della stazione non dovrebbero essere ritardate di nuovo”, affermando che è stata “pienamente mobilitata dalla parte di SNCF Gares & Connexions”.

“Siamo pronti e pronti a intraprendere un nuovo progetto di rinnovamento per la Gare du Nord che è al servizio dell’utenza ordinaria, dell’integrazione urbana e della multimedialità. Questo progetto dovrebbe poter iniziare ai Giochi Olimpici e Paralimpici del 2024”, spiega Emmanuel Grégoire , Primo Vice Sindaco PS Anne Hidalgo , citato nel comunicato stampa.

“I residenti del Distretto 10 (l’area dove si trova la stazione, ndr) vogliono un nuovo progetto più verde (…) che liberi finalmente il loro cortile dal traffico veicolare e dai tanti veicoli parcheggiati lì ogni giorno. L’ambizione è quella di facilitare l’apertura della stazione adiacente fornendo più spazio per i trasporti pubblici, pedoni e biciclette”, ha scritto Alexandra Cordebard, sindaco del 10° arrondissement di Parigi.

READ  La Procura di Parigi ha aperto un'inchiesta

——————————-

LE-DE-FRANCE MOBILITY chiede 1,3 miliardi di euro allo Stato

Martedì l’Ile-de-France Mobilités (IDFM) ha nuovamente chiesto allo Stato 1,3 miliardi di euro per compensare le perdite di quest’anno legate alla pandemia di Covid-19, minacciando di sospendere “in tutto o in parte” i suoi pagamenti alla RATP e alla SNCF.

“Non è possibile uscire dalla crisi del Covid in Ile-de-France senza compensare le perdite finanziarie nel trasporto pubblico, come è accaduto in qualsiasi altra parte del mondo”, ha affermato il capo dell’autorità regionale dei trasporti Valerie Pecres. Comunicato stampa.

“Senza sussidi ai trasporti pubblici, il piano di rilancio di Francia 2030 è già avviato male”, ha detto l’eletto (libero!), che è anche presidente della regione Ile-de-France e candidato all’inaugurazione della destra alle elezioni presidenziali .

“Senza un impegno al sostegno finanziario da parte dello Stato, Ile-de-France Mobilités sarà obbligata a sospendere in tutto o in parte i suoi pagamenti ai gruppi pubblici RATP e SNCF Da fine settembre 2021”, ha minacciato l’ente, rilevando che il livello di frequenza è attualmente al 70% del suo livello per il 2019, per il livello di offerta di trasporto “quasi uguale”.

IDFM paga 400 milioni di euro al mese a RATP e 300 milioni di euro al mese a SNCF, secondo il comunicato stampa. La Regione fa affidamento sulla “clausola di riesame” del protocollo firmato con lo Stato a settembre 2020, avendo già sospeso i pagamenti agli operatori pubblici.

Questa prevede già una “rivalutazione della situazione in caso di perdita di maggiori risorse dovuta allo stato di salute”.

Tuttavia, IDFM prevede per l’anno in corso perdite per 1,3 miliardi di euro corrispondenti a – per circa un miliardo di euro – minori entrate tariffarie e – per circa 300 milioni di euro – a indennità di mobilità, tasse pagate dalle imprese.

READ  Costo di manutenzione pazzesco di sempre per una Bugatti Chiron!

Per le perdite del 2020, l’IDF ha ricevuto 1,45 miliardi di euro di pagamenti dovuti dallo Stato e 150 milioni di aiuti.

(AFP)