Giugno 18, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Imposta sugli immobili: in quali grandi città aumenterà di più nel 2024?

Imposta sugli immobili: in quali grandi città aumenterà di più nel 2024?

La maggior parte delle grandi città ha scelto di mantenere i prezzi invariati. Ma l’inflazione aumenterà comunque l’importo destinato ai contribuenti.

Le grandi città – con una popolazione di oltre 100.000 abitanti – e i loro gruppi hanno deciso di aumentare l’imposta sulla proprietà in media dell’1,2% quest’anno, e più di loro rispetto al 2023 manterranno la loro aliquota invariata, secondo l’indagine annuale dell’FSL. Le città con una popolazione compresa tra 40.000 e 100.000 abitanti sono più ragionevoli quest’anno, secondo lo studio pubblicato questa settimana, che raccoglie le decisioni delle comunità ogni primavera.

Si tratta quindi in generale di un sollievo rispetto ai forti aumenti del 2023, soprattutto a Parigi dove il tasso è salito improvvisamente dal 13,5% al ​​20,5%, con un aumento del 52%. Nonostante questo enorme aumento, Parigi è ancora al secondo posto tra le grandi città, dopo Boulogne-Billancourt (15,09%).

34 delle 42 grandi città mantengono le loro tariffe

Da parte loro, Angers, Caen, Digione, Le Havre, Montpellier e Nîmes hanno registrato tassi di interesse superiori al 50%, con un livello record del 65,79% per Grenoble. Nessuna di queste città ha aumentato le tariffe quest’anno.

Nel complesso, 34 delle 42 grandi città (81%) hanno mantenuto le proprie tariffe nel 2024, rispetto al 76% nel 2023 e al 69% nel 2022.

Fuori Parigi, l’aumento medio è dell’1,6% dopo l’1,7% dell’anno scorso. Includendo Parigi, l’aumento ha raggiunto il record del 10,9% lo scorso anno. Le città più gourmet quest’anno sono Nizza (+19,2%), Saint-Etienne (+15%), Nancy (+14,5%), Annecy (+14,1%) e Villeurbanne (+10%).

READ  Spieghiamo perché i prezzi del carburante sono diminuiti (leggermente) per due mesi

In 154 città con una popolazione compresa tra 40.000 e 100.000 abitanti, l’aliquota dell’imposta sulla proprietà è “Si sta sviluppando in modo molto moderato.”Voto FSL +0,6% in media, dopo +1,3% nel 2023, +0,9% nel 2022, +0,8% nel 2021 e +0,4% nel 2020. 131 di queste città, ovvero l’85%, hanno mantenuto il loro tasso Nel 2024, aumentato del 18% (12%) e diminuito del 5%.

Indice dei prezzi al consumo

Tuttavia, quest’anno i contribuenti tenuti a pagare l’imposta sulla proprietà vedranno un aumento del 3,9%, anche nei comuni che non hanno aumentato le aliquote. Indipendentemente dalle decisioni locali, l’imposta in realtà aumenta ogni anno in misura pari all’inflazione annuale. Il calcolo viene effettuato nel novembre precedente l’anno fiscale, tenendo conto dell’indice armonizzato europeo dei prezzi al consumo (IPCA), che generalmente è vicino all’indice nazionale.

Ma con l’inflazione in calo, il 3,9% di quest’anno è ben lontano dall’aumento del 7,1% nel 2023, e si prevede che l’aumento diminuirà ulteriormente nel 2025.