Maggio 30, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Il ritiro della MINUSMA è ostacolato dalle tensioni nel nord del Mali

Il ritiro della MINUSMA è ostacolato dalle tensioni nel nord del Mali

In linea di principio, il 31 dicembre 2023 la Missione delle Nazioni Unite in Mali (MINUSMA) avrebbe dovuto lasciare il Mali. Ma le Nazioni Unite, in un comunicato stampa pubblicato sabato 14 ottobre, confermano che da diverse settimane molteplici ostacoli impediscono di organizzare il ritiro dal Mali, secondo il calendario ufficiale.

Pubblicato su:

3 minuti

Con il nostro corrispondente regionale, Sergej Daniele

Tra gli ostacoli che impediscono l’organizzazione del processo di ritiro dal Mali vi sono in particolare i problemi legati allo spostamento dei convogli della missione ONU nel Paese. Per tre settimane, ad esempio, ai convogli logistici di terra della MINUSMA e alle forze di pace del Ciad è stato negato l’accesso a Gao. Stanno ancora aspettando il via libera del governo maliano per recarsi nella regione di Kidal per organizzare la restituzione delle attrezzature. Anche a Timbuktu sono stati bloccati i convogli MINUSMA, sempre su richiesta di Bamako, secondo fonti interne alla missione.

Cresce la preoccupazione per la sicurezza tra i Caschi Blu. A Timbuktu, ad esempio, le pattuglie di protezione del suolo da parte dei soldati delle Nazioni Unite attorno all’aeroporto e alla base MINUSMA sono ora vietate dalle autorità maliane, rileva una fonte informata che continua: “ In violazione » Secondo l’accordo di sede tra l’ONU e il Mali, i voli di ricognizione per proteggere i convogli e le installazioni MINUSMA vengono sistematicamente respinti.

Tensioni nella località Tessalit

A ciò si aggiungono nuove tensioni sul terreno nel nord-est del Paese tra l’esercito maliano e i ribelli della coalizione denominata Quadro strategico permanente per la pace, la sicurezza e lo sviluppo (CSP-PSD). Tutto è iniziato con l’atterraggio di due aerei giovedì 12 ottobre sulla pista dell’aeroporto della città finanziaria di Tessalit. Dall’aereo emerge un distaccamento dell’esercito regolare, Fama, accompagnato da decine di combattenti del gruppo paramilitare russo Wagner. Tutti si stanno dirigendo verso il campo delle forze armate maliane adiacente al campo missionario delle Nazioni Unite. Una volta appresa la notizia, i ribelli dell’alleanza chiamata CSP-PSD erano pronti alla guerra.

Da quando abbiamo annunciato il nostro ritiro dal Mali, abbiamo voluto che fosse ordinato e sicuro, perché la nostra sicurezza è così importante che sono i soldati MINUSMA ad essere stati uccisi più di qualsiasi altra missione di pace nel mondo. Pertanto non possiamo permettere che i nostri dipendenti vengano uccisi.

Nonostante gli attacchi aerei effettuati dall’esercito maliano, quest’ultimo ha rapidamente occupato a Tessalit, con il dito sul grilletto, tre posizioni avanzate che la MINUSMA aveva già abbandonato. Questi siti si trovano in particolare tra la città di Tessalit e il campo Fama-Wagner-Casques Blue, con vista sull’aeroporto di Tessalit. L’obiettivo dichiarato dai rivoluzionari è chiaro: Controlla principalmente parte dell’aerodromo e abbatti qualsiasi aereo nemico “La tensione è alta. Le forze di pace ciadiane stanno cercando di ritardare mantenendo per ora il controllo del campo comune e delle sue principali entrate e uscite. Dicono che i ribelli, da parte loro, cercheranno di prendere il controllo del campo una volta che la MINUSMA se ne sarà andata.

Tutto ciò ostacola di conseguenza il lavoro della missione sul terreno, che teme quindi che le difficili condizioni di lavoro minaccino di impedirne l’uscita organizzata nei tempi previsti.

Leggi ancheChi controllerà i campi MINUSMA in Mali? Il ricercatore dell’ICG chiede una mediazione