Giugno 14, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Il petrolio sale dopo i tagli improvvisi dei membri dell’OPEC – 04/03/2023 21:13

Un giacimento petrolifero nella regione di Kirkuk in Iraq il 2 aprile 2023 (AFP/Marwan Ibrahim)

I prezzi del petrolio sono saliti lunedì dopo l’annuncio a sorpresa da parte dei membri dell’OPEC di un significativo taglio della produzione a maggio, volto ad aumentare i prezzi dopo il recente calo.

In totale, l’huit di 23 partecipanti a Opep+, che ha riunito l’Organizzazione delle retribuzioni degli esportatori di petrolio (Opep) e i suoi partenaires, sono stati contratti dai volumi del contratto di 1,16 milioni di barili al giorno, con la massima lega “Arabia Saudita”.

Gli analisti di Eurasia Group hanno affermato che l’annuncio ha completamente fuorviato il mercato, che si aspettava lo status quo, come i sauditi avevano indicato “pubblicamente e privatamente”, fino all’incontro, “che non intendono intervenire in questo momento”.

“Di solito inviano uno o due palloncini di prova” prima della riunione, per testare la reazione degli operatori, ricorda Andrew Lipow, del Comedy Research Group. “Ma questa volta è stato uno schiaffo.”

La coalizione ha preso atto di questi “adeguamenti volontari” alla produzione lunedì, dopo una riunione tecnica in videoconferenza (JMMC) a lungo programmata. Ha confermato, in coordinamento con i suoi membri, che si tratta di una “misura precauzionale volta a sostenere la stabilità del mercato petrolifero”.

Ma per gli analisti si tratta soprattutto di fare ulteriori “redditi”, ha commentato in una nota di Jorge Leon di Rystad Energy.

Questi tagli dimostrano che l’OPEC+ farà tutto il possibile per “difendere un prezzo ben al di sotto degli 80 dollari al barile”, dice, senza preoccuparsi delle critiche degli Stati Uniti e di altri paesi consumatori, che diffidano dell’accelerazione dell’inflazione.

READ  “Motore intasato”: benzina e diesel vengono invertiti alla pompa e diversi veicoli si guastano

E sotto l’influenza della crisi bancaria, il prezzo del greggio è sceso a marzo al livello più basso in più di un anno, “un livello inaccettabile per i membri dell’OPEC +”, Ibrahim Al-Ghitani, un esperto del mercato petrolifero con sede a gli Emirati Arabi Uniti, spiega a France Press.

– ‘Sconti reali’ –

Dopo questa azione coordinata dei maggiori produttori di oro nero, la reazione dei mercati è stata immediata: i due benchmark globali sono decollati intorno all’8% all’inizio della seduta, tornando ai livelli precedenti le turbolenze del settore bancario.

Un barile di greggio Brent dal Mare del Nord, il principale punto di riferimento europeo per la consegna a maggio, ha chiuso in rialzo del 6,30% a 84,93 dollari.

Per quanto riguarda la varietà West Texas Intermediate (WTI), è salita del 6,27% a 80,42 dollari, la più seguita, anch’essa in scadenza a maggio.

Pertanto, Iraq, Algeria, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Oman, Kazakistan, Kuwait e Gabon effettueranno tagli significativi dal mese prossimo, fino alla fine del 2023. Questi tagli vanno da 500.000 bpd per Riyadh a 8.000 bpd. Libreville.

Dal canto suo, Mosca ha esteso la procedura di riduzione di 500mila barili al giorno fino alla fine del 2023.

L’OPEC+ ha affermato che il volume totale lasciato sottoterra sarebbe di “circa 1,66 milioni di barili al giorno”.

Gli analisti di DNB hanno osservato che “la maggior parte dei tagli verrà effettuata dai paesi che producono a quote pari o superiori”, il che implica “riduzioni reali dell’offerta” e un inasprimento del mercato.

Altri paesi possono anche “annunciare i loro tagli se lo ritengono (…) necessario”, secondo il vice primo ministro per l’Energia Alexander Novak, in un’intervista a Russia 24 TV.

– ‘È il loro lavoro’ –

Una foto fornita dalle autorità irachene il 1° aprile 2023 di una raffineria a Karbala, Iraq (Ufficio stampa del primo ministro iracheno/-)

E a differenza di misure analoghe prese dall’OPEC+ di fronte all’epidemia o ai timori di una recessione, questa volta la domanda globale di petrolio è in aumento: la Cina, il Paese più avido di oro nero, sta riaprendo la sua economia dopo la revoca delle restrizioni sanitarie .

Se i tagli raggiungessero effettivamente i livelli annunciati, “allungherebbe un po’ di più un mercato già ristretto”, ha avvertito Jorge Leon, che vede il Brent salire a 110 dollari quest’estate.

Questo annuncio va ad aggiungersi a quanto già fissato in ottobre, ovvero un calo di volume di due milioni di barili al giorno. Questo è stato quindi il più grande calo dall’inizio del Covid-19.

Si tratta di una nuova battuta d’arresto per Washington, che chiede di aprire i rubinetti dell’oro nero per contenere i prezzi, stima Caroline Payne, di Capital Economics.

Questo calo della produzione “non è tempestivo”, ha affermato John Kirby, portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, che ha comunque cercato di mettere in prospettiva l’impatto e ha osservato che gli Stati Uniti intendono continuare a “lavorare” con l’Arabia Saudita.

Da un punto di vista geopolitico, questi tagli mostrano anche il “sostegno alla Russia” del gruppo, che beneficerebbe quindi di prezzi migliori per compensare l’impatto delle sanzioni occidentali, come afferma Caroline Payne.

Lunedì, il Cremlino ha difeso una decisione presa “nell’interesse” del mercato globale, di mantenere i prezzi “a un livello adeguato”, secondo il portavoce presidenziale russo Dmitry Peskov.

“Se gli altri paesi sono felici o meno dipende da loro”, ha detto ai giornalisti.