Giugno 18, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Il partito di Benny Gantz, membro del governo d’emergenza in Israele, vuole sciogliere il Parlamento

Il partito di Benny Gantz, membro del governo d’emergenza in Israele, vuole sciogliere il Parlamento

La Banca Centrale israeliana: non esiste alcun “assegno in bianco” per l’esercito a Gaza

Giovedì, il governatore della Banca centrale israeliana, Amir Yaron, ha rinnovato il suo sostegno alla formazione di un comitato incaricato di esaminare il bilancio della difesa, considerando che la guerra nella Striscia di Gaza non giustifica la guerra. “Assegno in bianco”.

Secondo lui, questo comitato avrebbe dovuto essere istituito all’inizio dell’anno, a causa del costo della guerra, stimato a 253 miliardi di shekel (63 miliardi di euro) tra il 2023 e il 2025.

“È sicuramente un peso per il budget.” Inoltre, si prevede che il futuro bilancio della difesa aumenterà costantemente, con un impatto macroeconomico-Hai annunciato? Il Comitato deve rivedere queste azioni da una prospettiva globale e pluriennale, con la continua necessità di migliorare l’efficacia del sistema di difesa. »

Amir Yaron chiede tale iniziativa da gennaio, quando i membri della Knesset hanno adottato un bilancio rivisto del valore di decine di miliardi di shekel per finanziare lo sforzo bellico a Gaza e sul fronte libanese. Il governatore della Banca d’Israele ha inoltre ripetutamente esortato il governo ad apportare modifiche al bilancio per evitare di aumentare il deficit.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha affermato che il bilancio della difesa è diminuito in percentuale del PIL negli ultimi anni e ha promesso di investire ulteriori 20 miliardi di shekel (5 miliardi di euro) all’anno.

Il ministro delle Finanze Bezalel Smotrich voleva nominare un comitato incaricato di supervisionare le spese militari, cosa alla quale si è opposto il suo collega del Ministero della Difesa, Yoav Galant. Secondo il primo, i due uomini avrebbero finalmente raggiunto un accordo sulla formazione di un simile comitato.

READ  Quello che sappiamo della “colonia penale n. 3” in Siberia, dove si trova l’avversario russo Navalny