Febbraio 25, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Il Mondiale è stato ridotto a Spagna-Italia?

Solo per piangere! Dall’avvento della MotoGP nel 2002, solo tre piloti non spagnoli o non italiani hanno vinto il titolo! Stoner, Quartararo e Hayden. Tornato a Quartararo si è allenato in Spagna! Questo è poco più del 7%! Torniamo alla griglia del 2024, chiudendo con 22 piloti, 10 spagnoli e sei italiani, ovvero il 45% e il 27%, e siamo arrivati ​​al 72%, ovvero quasi i tre quarti della griglia! È vero che ci si abitua, ma dà a un campionato teoricamente universale un curioso carattere binazionale. Torna lo sa bene, il figlio Ezpeleta ha spiegato ad un collega che Torna cercherà di mantenere tutte le gare sprint (in effetti c’è un dibattito solido) ma soprattutto vogliamo creare un secondo GP in America, il problema è uno solo traccia. (N.d.r.. ehm… sottigliezza amigo, ci sono un sacco di circuiti negli Stati Uniti, ma la Dorna si impegna a pagare royalties da capogiro e molto costose, chiedendo milioni di dollari, per organizzare una sola MotoGP!). Quindi aggiungiamo altre cilindrate per dire che siamo davvero globali… In Moto2 sono entrati tredici spagnoli su trenta piloti. E tre italiani arriviamo al 53% del totale, il che è fantastico, ma siamo pur sempre la maggioranza assoluta! Aggiungiamo anche che il campione del mondo 2023 Acosta e Masia sono entrambi spagnoli! In Moto3 sono iscritti 26 piloti, nove spagnoli e cinque italiani, sempre il 53%. Quindi contando le tre cilindrate arriviamo al 60%, di cui il 41% solo per gli spagnoli… Troviamo invece tredici nazionalità in Moto2 e dieci in Moto3. Sappiamo che la Moto2 è una perdita di speranza e non possiamo immaginare di vedere questi piloti in MotoGP un giorno, quindi siamo in modalità latina… beh, tappe spagnolo/italiane, eccoci qua. Dai un’occhiata ad un’altra collezione!

READ  Il produttore del motore può impugnare la decisione italiana