Maggio 22, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Il livello più basso di produzione automobilistica nel Regno Unito dal 1956

Il livello più basso di produzione automobilistica nel Regno Unito dal 1956

“Abbiamo appena trascorso tre anni orribili.” Mike Howes, direttore dell’Association of Motor Manufacturers and Dealers, che rappresenta l’industria automobilistica britannica, non sta affatto cercando di migliorare la situazione. Nel 2022, secondo le statistiche pubblicate giovedì 26 gennaio, 775.000 veicoli sono usciti dalle linee di assemblaggio del Paese, il livello più basso dal… 1956. Ciò rappresenta una diminuzione di quasi il 10% rispetto al 2021, che a sua volta è un anno disastroso. Rispetto al 2019, prima della pandemia, il calo è stato del 40%.

Leggi anche Il materiale è riservato ai nostri abbonati Dopo cinque anni di declino, l’industria automobilistica del Regno Unito sta “iniziando a riprendersi”

La causa immediata dello shock è condivisa in tutto il mondo: difficoltà nel fornire i pezzi di ricambio, soprattutto i chip elettronici. Oggi, nel Regno Unito, per acquistare certe auto è necessario aspettare fino a un anno nel peggiore dei casi.

Ma i mali che affliggono l’industria automobilistica britannica sono molto più profondi, con gravi complicazioni dovute alla Brexit, notevoli ritardi nel passaggio alle auto elettriche e un governo senza una strategia. “Vediamo un aumento del protezionismo in tutto il mondo, con la legge che riduce l’inflazione negli Stati Uniti [qui accorde des subventions pour les voitures électriques qui sont construites sur place] L’Europa si prepara a rispondere. Il Regno Unito deve definire una visione per l’adattamento”.Il signor Hawes avverte.

Un investimento in una grande fabbrica di batterie

La chiusura di due stabilimenti, di cui uno temporaneo, ha colpito in modo particolare la produzione automobilistica. Nell’estate del 2021, lo stabilimento Honda di Swindon, nel sud-ovest dell’Inghilterra, cesserà definitivamente le attività. Ha fatto un modello in caso di guasto, la Civic, in particolare i motori diesel, e ha richiesto un grande investimento per ammodernarla. Anche a causa della Brexit, che ha reso incerti i rapporti commerciali con l’Unione Europea (UE), il brand giapponese ha deciso nel 2019 di non proseguire.

READ  Un pensionato ha pagato 7,77 euro al litro per il diesel vicino a Tolosa

Da parte sua, lo stabilimento Vauxhall nel porto di Ellesmere (Inghilterra nord-occidentale) ha smesso di produrre l’Astra, che è anche un vecchio veicolo, nella primavera del 2022. Ma il produttore – che appartiene a Stellantis – ha deciso di investire 100 milioni di sterline ( 113 milioni di euro) per produrre camion elettrici, quest’anno, in particolare il Citroën ë-Berlingo. Tuttavia, questa chiusura temporanea incide pesantemente sulle statistiche di produzione.

Nel passaggio all’elettricità, il Regno Unito è rimasto indietro. Certo, il 30% della sua produzione ora riguarda veicoli elettrici o ibridi. Ma il paese ha, al momento, solo un investimento in un grande impianto di batterie, chiamato “Fabbrica Giga”Envision, che dovrebbe aprire nel 2025, annesso allo stabilimento Nissan nel nord dell’Inghilterra.

Hai il 50,23% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.