Giugno 18, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Il latte crudo contaminato dall’influenza aviaria fa ammalare i topi (studio): Novità

Il latte crudo contaminato dall’influenza aviaria fa ammalare i topi (studio): Novità

Secondo uno studio pubblicato venerdì, sono stati riscontrati livelli elevati di influenza aviaria nei topi nutriti con latte vaccino crudo contaminato dal virus, suggerendo il pericolo del consumo della bevanda per gli esseri umani.

Negli ultimi anni, un tipo di influenza aviaria altamente patogeno – HPAI H5N1 – è stato riscontrato in più di 50 specie di animali, incluso da marzo nei bovini allevati negli Stati Uniti.

Nel paese sono state colpite circa cinquanta mandrie e sono stati segnalati due casi di malattia negli esseri umani. Le due persone diagnosticate, che erano braccianti agricoli, hanno manifestato sintomi ridotti, come la congiuntivite.

Nello studio pubblicato venerdì sul New England Journal of Medicine, ricercatori dell’Università del Wisconsin a Madison e della Texas A&M University negli Stati Uniti hanno nutrito cinque topi con gocce di latte crudo di mucche infette.

I roditori mostrarono segni di malattia, inclusa letargia, e furono uccisi quattro giorni dopo per studiare i loro organi.

I ricercatori hanno riscontrato livelli elevati del virus nelle cavità nasali, nella trachea e nei polmoni, oltre a livelli da bassi a moderati in altri organi.

Lo studio ha esaminato anche la conservazione del latte crudo a temperatura di frigorifero: i livelli di virus sono diminuiti solo leggermente dopo cinque settimane, suggerendo che la semplice refrigerazione non era sufficiente per rendere sicuro il latte crudo.

“Un fatto importante da considerare è il fatto che il consumo di latte crudo non pastorizzato è sempre più diffuso”, ha affermato Roland Cow, professore di epidemiologia veterinaria all’Università di Edimburgo in Scozia, non coinvolto nello studio.

Il ricercatore ha aggiunto: “Mentre questo studio dimostra che i topi possono contrarre l’infezione sistemica consumando latte contaminato, non prova che lo stesso valga per gli esseri umani, anche se la possibilità aumenta”.

READ  "Queerd Science" celebra la ricerca LGBTQIA+ STEM attraverso il fumetto - The Daily Wildcat

Oltre ai test sui topi, i ricercatori hanno confermato che il riscaldamento del latte crudo ad alte temperature, come fa la pastorizzazione, distrugge quasi tutte le tracce del virus dopo pochi secondi e distrugge tutti gli agenti patogeni dopo diversi minuti.

In un recente sondaggio a livello nazionale, tutti i campioni di latte pastorizzato sono risultati negativi per la presenza del virus in uno stato vitale. Ma il virus in stato inattivo, e quindi incapace di diffondersi, è stato rilevato in circa il 20% dei campioni.

Pubblicato il 24 maggio alle 23:07, AFP