Aprile 16, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Il gruppo affronta i propri limiti di sofferenza

Il gruppo affronta i propri limiti di sofferenza

Martedì, il Giro entra nella sua terza settimana con una stravaganza di montagna. Inizia la parte difficile e il gruppo è già in ginocchio. Esausto per la pioggia e il freddo, ne perse quasi un terzo a causa di malattie o incidenti, lasciando almeno 14 morti e più di 36.000 sfollati in un paese devastato dalle inondazioni.

Molti corridori sono stanchi. “Questo è il mio 16° Grand Tour e non ho mai vissuto condizioni così difficili”, riferisce il francese Maxime Bouet.

E venerdì è stato detto loro di smettere. Minacciando uno sciopero, hanno chiesto che la 13a fase fosse abbreviata, cosa che gli organizzatori di RCS hanno accettato.

“Un buon risultato se vuoi arrivare a Roma con almeno 50 corridori”, ha elogiato il britannico Geraint Thomas, vincitore del Tour de France 2018.

Ma molti anziani non sono d’accordo con questo. “Stiamo rovinando il nostro sport”, si è arrabbiato RMC Marc Madiot, manager di Groupama-FDJ ed ex doppio vincitore della Parigi-Roubaix. Secondo lui, i corridori stanno “perdendo il filo di quella che è la storia del nostro sport, le leggende di Eddy Merckx, i pezzi di coraggio di Luis Ogana. Il ciclismo è qualcosa che nessun altro può fare”.

“In fabbrica sarai al sicuro”

“Posso essere d’accordo con Mark”, ha detto Bernard Hinault ad AFP. 174 completata.

“Ho già litigato con i piloti e lui ha detto: ‘Se non sei bravo ad andare in moto, vai a lavorare in una fabbrica e sarai al sicuro'”, aggiunge.

Al Giro, il favorito del Belgio Remko Evenpoel si è ritirato a causa di un test positivo per Covid-19, muovendo già diversi giocatori famosi. “Se n’è andato quando non aveva ancora iniziato la guerra”, ha detto la leggenda del ciclismo italiano Francesco Moser.

READ  Pourquoi in si diffile of trouser des plages publikiveeti in Italie - Edition du soir Ouest-France

L’australiano Adam Hansen, che a marzo è stato eletto presidente del CPA (Associated Professional Cyclists), ha risposto che “la gente non si rende conto di quello che passano i ciclisti”.

“Quando un corridore abbandona una corsa importante come il Giro, è l’ultima risorsa dopo giorni di lotta”, insiste il detentore del record, che ha partecipato a tre Grandi Giri consecutivi (venti tra il 2011 e il 2018).

Philippe Gilbert, ex campione del mondo belga diventato consulente di Eurosport, ha difeso la “geniale” decisione di accorciare la tappa venerdì. Maxime Bouet lo ha ringraziato in aria, sotto la pioggia battente dal suo autobus della squadra nel duplex, “per favore mostra al pubblico un po’ di pietà”, “perché siamo molto criticati, ma qui stiamo facendo un giroscopio davvero pazzesco”.

“Cavalli da corsa”

Secondo il direttore di gara Mauro Vegni, “non è stato il Giro più duro che abbiamo mai conosciuto”, ricordando che l’edizione 1995 “è stata piovosa dalla prima all’ultima tappa”. Ma, aggiunge, “la bicicletta è cambiata”.

Il Giro 2023, infatti, solleva un vecchio dibattito. Gli organizzatori da un lato, il loro compito è fornire spettacoli sportivi e guadagnare denaro. I corridori, d’altra parte, sono in prima linea nel migliore e nel peggiore dei casi.

Scioperi, il ciclismo li ha sempre conosciuti, con la rivolta dei fratelli Pelissier al Tour de France del 1924, immortalata nei “Forgots de la Route”, o Hinault nella Grande Boucle 1978 contro dure doppie soprattutto nell’iniziativa Bernard .

Nella sua versione moderna, le questioni del benessere e della salute sul lavoro si pongono in modo ancora più acuto in uno sport che soffre di molte ustioni.

READ  Quarto Libre d'Italia in tre turni: vi piace?

“Alcuni team e organizzatori vedono i corridori solo come cavalli da corsa sostituibili”, si lamenta Adam Hansen, che difende in particolare le tappe brevi.

Per quanto riguarda le critiche degli ex studenti, sabato Geraint Thomas ha tirato fuori il suo fucile da cecchino. “Ci sono molte cose che non abbiamo fatto negli anni ’80/’90 di cui siamo orgogliosi. Così possono dire quello che vogliono”, ha detto il gallese, riferendosi specificamente al doping. .