Settembre 24, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

I vaccini ricontaminati sviluppano altri anticorpi?

Sebbene i vaccini proteggano dal coronavirus, in particolare dalle forme gravi di Covid-19, sappiamo anche che non sempre prevengono la ricontaminazione da SARS-CoV-2. Ma le persone vaccinate e ricontaminate producono nuovi anticorpi?

Concretamente, i vaccini consentono al sistema immunitario di rispondere e difendersi dai virus. Questo è anche il caso se ci ammaliamo di nuovo di Covid-19.

Dopo il programma completo di vaccinazione, “di solito, abbiamo sviluppato anticorpi, che abbiamo spiegato a CNEWS, Béhazine Combadière, direttore della ricerca presso Inserm. Tuttavia, la quantità non era sufficiente se la ricontaminazione fosse stata eseguita”, ha aggiunto lo scienziato.

In questo contesto, sempre secondo le spiegazioni dello specialista che fa anche parte del Centro di Immunologia e Malattie Infettive dell’Università della Sorbona, in caso di ricontaminazione, “il sistema immunitario che ha visto in precedenza il virus, sa quale dovrebbe arrivare la risposta.” Il sistema immunitario ha conservato una memoria Il vaccino, quindi, non farà altro che moltiplicarsi, cioè ricreerà le cellule che hanno riconosciuto l’antigene (la sostanza che permette la formazione degli anticorpi, ndr) che supererà (la virus).”

“È come se stessimo facendo 2NS vaccinazione”

Secondo il sito Béhazine Combadière, la nuova contaminazione “significa che non c’era abbastanza” degli antigeni. Pertanto, il sistema immunitario produce più cellule per produrre anticorpi. “È come se stessimo facendo 2NS vaccinazione”, ha detto.

Tuttavia, la nuova infezione da virus Covid-19 non è dovuta a una mancanza di efficacia del vaccino e il suo effetto sul paziente può dipendere “dalle sue condizioni di salute, dal peso, da altre malattie vicine e dal fattore genetico… “, congiunge il Direttore dell’Inserm. Ci sono molti fattori responsabili della mancanza di omogeneità delle risposte individuali.

Pertanto, alcune persone possono produrre molti anticorpi e altre meno. Ma lo scienziato ha affermato che dopo la vaccinazione non esiste un sistema immunitario “non responsivo”. Alla fine, ha concluso, “È come malattie diverse, alcune persone risponderanno con forza (al vaccino) e alcune persone risponderanno meno”.

READ  Dune parte forte al botteghino europeo