Maggio 30, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

I salari dovrebbero essere collegati all’inflazione? Editoriale Carlo Snat

Cari sfacciati, cari sfacciati,

Il volume SCPI Red Alert STRATEGIE è online negli Spazi dei lettori.

Lunedì sono stato ospite di Ecorama sul tema dell’indice salariale dovuto all’inflazione!

I salari dovrebbero essere indicizzati?

La risposta sarebbe sì, sì in un mondo che non esiste più che è il mondo dei nostri genitori. Infine, i genitori della mia generazione.

Sto parlando del mondo degli anni Settanta che non era né globalizzato né globalizzato, dove ogni Paese aveva la propria sovranità, la propria banca centrale, la propria valuta, i propri controlli sui cambi, ma anche i propri confini! Non abbiamo lasciato la Francia per andare in Spagna senza passaporto.

In quel mondo, la Francia produceva la maggior parte di ciò che consumava.

In un tale contesto, l’indice salariale, che all’epoca era la norma, consentiva di fatto a tutte queste generazioni del dopoguerra di ottenere un rapido e significativo arricchimento.

Nel frattempo, non avete dimenticato che abbiamo cambiato il modello economico. La caduta del muro di Berlino, il passaggio da un mondo bipolare tagliato in due dalla cortina di ferro a un mondo globalizzato.

Il reinsediamento, la costruzione europea, la scomparsa dei confini, la massiccia apertura e la perdita della sovranità monetaria in Europa rendono ingannevole qualsiasi indice salariale se deve essere presa una decisione isolata.

Tecnicamente, l’indice salariale sarà possibile in due scenari.

Il primo è tornare nel mondo degli anni ’70 con i confini e la fine della globalizzazione e la reindustrializzazione di ogni Paese per operare in modo indipendente.

La seconda è una decisione globale in cui tutti i paesi dell’OCSE decideranno, ad esempio, questo indicatore.

READ  Arrivé à Moscou, Emmanuel Macron n'attend pas de « solution à court terme » dans le conflit entre la Russie et l'Ucraina

Basti pensare che i due scenari sotto citati sono improbabili a breve termine.

Per il resto, stiamo anche parlando di “condivisione della ricchezza” e non ho necessariamente solo un discorso di buona volontà da trasmettere sull’argomento.

Se ogni lavoro vale una busta paga, negli ultimi tempi dimentichiamo molto rapidamente che vale anche il contrario e che ogni busta paga vale il lavoro.

Prendi una parte del valore della ricchezza e guadagna. Non c’è niente di automatico qui, ma spesso è un processo molto darwiniano.

La “solidarietà”, il salario “minimo”, l’assistenza, ecc., fanno dimenticare questo grande fatto che tuttavia resta costante.

Non c’è fecondazione senza sforzo.

È valido per i soldi come lo è per tutti gli altri successi.

Non c’è pianista che non lavori ore e ore.

Non ci sono grandi atleti che non si allenano per ore e ore.

E in questa polemica sulla distribuzione della ricchezza, spieghiamo che i dipendenti costano molto, ed è vero, che gli azionisti prendono molto, il che probabilmente è anche vero, che gli amministratori delegati sono pagati molto esorbitanti, ma nessuno, nessuno che lo fa Non parliamo delle somme punzonate dallo Stato!

In effetti, quello che ottiene più ricchezza è prima di tutto lo Stato francese.

Sì, l’azionista dell’80% di tutte le società in Francia è lo Stato.

Anzi, azionisti, capi e dipendenti vengono decimati… da un Paese diventato obeso e del tutto inefficace, ma con i nostri soldi.

Agenti economici, unitevi… contro lo stato predatorio.

È già troppo tardi, ma non tutto è perduto.

preparati !

Carlo Sannat

“Insolentiae” significa “insolenza” in latino
Per scrivermi [email protected]
Per scrivere a mia moglie [email protected]

READ  Quattro domande sui bambini scomparsi nella giungla amazzonica dopo un incidente aereo

Puoi anche iscriverti alla mia newsletter mensile “Strategie” che ti permetterà di andare avanti e in cui condivido con te soluzioni concrete che devono essere implementate per prepararti al prossimo mondo. Queste soluzioni sono incentrate sull’approccio PEL – Patrimonio, Occupazione e Posizione. L’idea è di mostrarti gli strumenti e le tecniche necessarie per raggiungere la resilienza personale e familiare.

“Per soffocare le rivoluzioni pacifiche, si rendono inevitabili le rivoluzioni violente.” (John F. Kennedy)

“Questo è un articolo ‘giornalistico’, cioè privo di riproduzione in tutto o in parte a condizione che questo paragrafo venga riprodotto successivamente. Insolentiae.com è il sito in cui Charles Sanat si esprime quotidianamente e fornisce analisi scortesi e implacabili delle notizie economiche. Grazie per visitare il mio sito. Puoi iscriverti alla nostra newsletter giornaliera gratuita su www.insolentiae.com. »