Ottobre 17, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

I coralli stanno diminuendo rapidamente quasi ovunque nel mondo

La loro superficie è modesta, ma la loro forza gravitazionale è enorme: le barriere coralline difficilmente occupano più dello 0,2% del fondo oceanico, ma le barriere coralline contribuiscono alla loro enorme biodiversità e ospitano almeno il 25% delle specie marine. Tuttavia, le sue condizioni di salute sono molto preoccupanti. Tra il 2009 e il 2018 a livello globale, è morto il 14% delle barriere coralline, ovvero circa 11.700 chilometri quadrati, più di tutti coloro che vivono sulle barriere coralline australiane. Il declino può essere visto quasi ovunque sul pianeta.

Questo articolo è riservato ai nostri abbonati Leggi anche Nella Grande Barriera, ‘i coralli non fanno più giovani’

Questa è la nota triste dell’analisi più dettagliata fino ad oggi dedicata a questa specie così speciale. Pubblicato martedì 5 ottobre, nasce dal lavoro di 300 ricercatori coinvolti nell’International Coral Reef Initiative (ICRI) International Monitoring Network, e si basa su più di due milioni di dati raccolti in quarant’anni (dal 1978 al 2019) a più di 12.000 siti in 73 paesi.

Questa analisi completa mostra che le ondate di calore sono attualmente il pericolo principale, poiché stanno generando sempre più fenomeni di sbiancamento. Le barriere coralline non hanno più il tempo di rigenerarsi tra due episodi di stress. Questi risultati sono coerenti con quelli dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), che, nel suo rapporto speciale del 2019 sull’oceano e la criosfera, ha stimato che dal 70% al 90% delle barriere coralline potrebbe scomparire con un aumento della temperatura di 1,5°C. . Con 2 °C in più, quasi tutto, il 99%, sarebbe condannato.

READ  Eidos Montreal ed Eidos Sherbrooke adottano una settimana di 4 giorni - Notizie
una storia: Barriere coralline: gli episodi di sbiancamento sono decuplicati dagli anni ’80

prima e dopo il 1998

Serge Blanes, direttore della ricerca al CNRS, non condivide questa triste prognosi. Sarebbe giusto dire che l’80% o il 90% dei coralli – ci sono 1.200 specie – si trasformerà. Continueranno a svolgere alcune funzioni dell’ecosistema, ma non sarà la stessa diversità di forme e colori”, conferma questo esperto di Criobe, che è uno dei coautori del rapporto ICRI.

Questo articolo è riservato ai nostri abbonati Leggi anche In che modo le barriere coralline si stanno adattando in qualche modo al riscaldamento globale?

Secondo questo documento, c’è prima e dopo il 1998. In quell’anno, È caratterizzato da uno dei fenomeni meteorologici più severi di El Niño mai registrati, a L’ondata di caldo ha portato allo sbiancamento diffuso, in particolare nell’Oceano Indiano, in Giappone e nei Caraibi. Circa l’8% dei coralli è morto in pochi mesi.

Quando si verificano questi sbiancamenti, un segno della rottura della simbiosi tra l’animale e la zooxantella, le alghe unicellulari fotosintetiche che si depositano nei loro tessuti e danno loro energia, le alghe gradualmente prendono il sopravvento. “L’equilibrio dell’ecosistema è disturbato quando sullo strato inferiore del corallo si formano stuoie alte da 5 a 10 cm, che privano l’organismo della luce”, seleziona Serge Planes.

Hai il 45,8% di questo articolo da leggere. Il resto è solo per gli abbonati.