Febbraio 28, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

I computer degli anni ’80 non avevano uno schermo, dice questo collezionista.

I computer degli anni ’80 non avevano uno schermo, dice questo collezionista.

Vecchi computer, joystick, musicassette, floppy disk… fino al 17 dicembre, Esposizione Visibile nella mediateca Basse-Goulaine, vicino Nantesimmerge i visitatori negli inizi del microcomputer. Tutti i reperti sono stati prestati da Jerome Lefranc, un appassionato collezionista di retrospettive e residente in città. Breve visita guidata con questo ingegnere di 54 anni, V.I Ritorno al futuro.

Quando è iniziata la tua passione per i computer?

Ho scoperto questo universo a metà degli anni ’80 per la prima volta il computerThompson MO5. Abbiamo selezionato programmi da riviste cartacee, come Hebdogiele abbiamo pazientemente copiato i caratteri con la tastiera per creare giochi. Su console all’epoca, come ad esempioAtari 2600 o Pong, erano davvero molto primitivi mentre sul computer erano più avanzati e soprattutto potevi crearti facilmente. Molti adolescenti come me hanno scoperto una carriera informatica in questo modo.

Che aspetto avevano i computer a quel tempo?

Non avevano uno schermo, perché troppo costoso: presero quindi la forma di un grosso blocco con una tastiera, che doveva essere collegata a un televisore tramite un’interfaccia scart. Per contenere programmi e giochi, non c’era il disco rigido, ma le cassette, che venivano inserite in un’unità. Non era molto affidabile e un po’ lungo da scaricare, ma è molto più economico di un lettore Floppy disk. Puoi collegare un controller, come questo joystick rustico, o anche una penna luminosa, il predecessore del mouse. Puoi posizionare la punta direttamente sullo schermo, come una penna! Dovevi tenere il braccio alzato, e non era molto sottile.

Jerome Lefranc Collezionare vecchi computer – J. Urbach / 20 min

Possiedi un centinaio di macchine lanciate negli anni ’80, di cui 40 modelli molto diversi…

Quello che trovo interessante di questo periodo è questa esplosione di creatività. Molti produttori hanno iniziato a produrre computer con capacità limitate, certo, ma tutti molto originali. Nel 1981 il Thomson TO7, il primo computer francese, costava 7000 franchi. Ma con la concorrenza, il prezzo è sceso rapidamente: l’anno successivo è arrivato un Sinclair ZX81 che costava meno di 1000 franchi, se lo metti insieme tu stesso. La grafica era in bianco e nero e aveva pochissima memoria. Ma era un veicolo per le famiglie che volevano scoprire i computer.

READ  Fiducia dei dipendenti FromSoftware in caso di crisi e buste paga - Actu

Come si sono evoluti questi materiali nel tempo?

Questo Big Bang durò fino all’anno 87 quando si verificò il collasso del minicomputer. Il problema è che c’erano molti concorrenti che avevano computer tutti incompatibili tra loro, anche della stessa marca. Poi è arrivato console di gioco giapponesi, superiore in musica e grafica e molto meno costoso. E nell’88 apparvero i cosiddetti computer compatibili con il PC, che sembravano tutti uguali: un case beige, una tastiera beige, un display a raggi catodici. I primi minicomputer divennero rapidamente obsoleti e furono venduti a un prezzo molto basso attraverso i giornali gratuiti. Ne ho trovati anche nei centri di riciclaggio! Volevo preservare questa eredità dei computer, mostrarla di volta in volta. Quarant’anni dopo, la maggior parte di loro funziona ancora.

Puoi parlarci di alcuni modelli della tua collezione?

Possiedo un certo numero di computer fabbricati in Francia. Il marchio più famoso è Thompsonche ha vinto la gara per il “Piano IT for All” bandito nel 1985 da Lorenzo FabioPrimo Ministro all’epoca per dotare le scuole di computer. Ma c’era anche ExelVision a Sophia Antipolis che produceva apparecchiature a infrarossi, o Matra-Hachette, nelle vicinanze Strasburgo. Posso anche parlarti del primo laptop Atari compatibile, nel lontano 89. È un po’ come il predecessore degli organizer, ci metti la rubrica del telefono, le note… C’è una ‘curiosità’, è che vediamo in Terminatore 2quando John Connor ha violato il bancomat. Possiedo anche il mio primo computer portatile rilasciato nel 1982. È un prodotto giapponese (Epson) con uno schermo LCD molto piccolo, batteria e persino una stampante termica incorporata!

READ  Anche mentre stava morendo, Zhurong ha trovato tracce recenti di acqua su Marte