Maggio 30, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

I cambiamenti climatici e l’inquinamento aumentano sempre di più il loro numero

I cambiamenti climatici e l’inquinamento aumentano sempre di più il loro numero

Foto di studi professionali/immagini Getty Se le allergie ai pollini sono in aumento, è a causa del riscaldamento globale e dell’inquinamento atmosferico.

Foto di studi professionali/immagini Getty

Se le allergie ai pollini sono in aumento, è a causa del riscaldamento globale e dell’inquinamento atmosferico.

Salute – La stagione delle allergie ai pollini è in pieno svolgimento e con essa tutti i sintomi che la accompagnano: starnuti, naso che cola, prurito agli occhi… Se soffri di questi effetti da diversi anni mentre prima ne eri immune, è normale . Le allergie ai pollini sono in aumento in Francia e sempre più persone si infettano. Si tratta di un fenomeno che continuerà nei prossimi anni.

“Da quarant’anni osserviamo un aumento della quantità di pollini su tutti i nostri sensori e, a livello nazionale, circa il 30% delle persone sono allergiche ai pollini, una cifra che è quasi raddoppiata in 30 anni. rivela Samuel Meunier, direttore delle comunicazioni della Rete nazionale per la sorveglianza biologica atmosferica (RNSA), che guida la missione Numeri ANSES.

Secondo l'allergologa Katherine Quickett, autrice del libro Nuove allergie(Ed de Rocher), “ La metà della popolazione sarà colpita da qualsiasi tipo di allergia Entro il 2050. Questi due esperti evidenziano questo fenomeno che dipende principalmente da due fattori: il riscaldamento globale e l’inquinamento atmosferico.

Il riscaldamento globale

Se il riscaldamento globale gioca un ruolo importante nell’aumentare la sensibilità ai pollini, è a causa del suo effetto sull’allungamento delle stagioni e dei periodi di impollinazione, ma anche sulla loro velocità anticipata.

L'aumento della quantità di polline è “Appare soprattutto sugli alberi che fioriscono tra la fine dell'inverno e l'inizio della primavera, e questo è legato agli inverni molto miti che stiamo vivendo da anni.”Dettagli Samuel Meunier. Con l’aumento delle temperature, anche gli alberi fioriscono più rapidamente e rilasciano più polline.

READ  Ecco perché vuoi sempre andare in bagno! - Tuxboard

“Il vento gioca un ruolo importante nella diffusione dei pollini allergeniciAggiunge Catherine Quickett. Quando vediamo che la sabbia del Sahara raggiunge la Francia, possiamo immaginare la forza di dispersione del polline, che è molto più piccola e molto lontana dalla sua zona di produzione primaria. »

inquinamento dell'aria

Secondo Samuel Meunier sono le particelle sottili di biossido di azoto e ozono ad aggravare l'allergia ai pollini. “Danneggia il sistema respiratorio negli individui e il polline penetra più in profondità.” Lui spiega. Che di conseguenza ne aumenta i sintomi Non importa quanto polline ci sia nell'aria.

Un altro effetto dell’inquinamento atmosferico è che gli agenti inquinanti attaccano i granelli di polline e ne deformano le pareti. Quest'ultimo quindi si decompone più facilmente e rilascia la proteina allergenica. A ciò si aggiunge l'aumento della concentrazione di anidride carbonica, di cui le piante hanno bisogno, che secondo Samuel Meunier ha anche un effetto: “Più piante ci sono, più piante crescono ed emettono polline che è più sensibile”.

Piantare alberi che non causino allergie

Tuttavia, ci sono modi per ridurre l’aumento dell’allergia ai pollini, come l’agricoltura Da alberi anallergici o poco allergenici. La RNSA ha anche pubblicato un Guida Destinato alle autorità pubbliche per sapere quali tipi di piante sono meno allergeniche, come il pino o il pioppo.

Anche Kathryn Koiket ritiene che sia necessario agire “Sull’inquinamento dell’aria interna ed esterna, aiuta anche a controllare i fenomeni infiammatori che causano allergie”.. Ma intanto ci ricorda alcune misure preventive da adottare: lavarsi i capelli la sera, indossare occhiali da sole, non fare attività fisica all'aperto o fare giardinaggio con tempo soleggiato e ventoso o addirittura arieggiare la casa la mattina presto e la sera tardi. , fuori dai picchi di inquinamento.

READ  Le 10 migliori risposte alle grandi domande che ci poniamo sul cibo

Vedi anche su L'Huff Post :