Luglio 18, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Huawei Mate 50 Pro test: un successo amaro

Huawei Mate 50 Pro test: un successo amaro

Huawei e Leica, è finita. Il tedesco è stato legato a Xiaomi qualche mese fa. Pertanto, il brand cinese, noto per le prestazioni degli smartphone in foto, ha ripreso il suo lavoro internamente, e ora sta evocando Xmage, che è compatibile con la suite hardware e software dei suoi terminali. Con il Mate 50 Pro, il brand apre soprattutto il concetto di apertura variabile, tra f/1.4 e f/4, applicato alle sue ottiche grandangolari.

Unità principale: 50 MP, f/1.4-f/4, eq. 24 mm

Il Mate 50 Pro intende differenziarsi dai normali smartphone con un sistema originale: un’apertura variabile a livello meccanico, non solo simulata dall’elaborazione software. Se può essere impostato manualmente, sia nel menu “Apertura”, sia nella modalità di acquisizione “Pro”, è possibile – e più comunemente – utilizzarlo quotidianamente, poiché l’opzione è attiva d’ora in poi. A seconda delle condizioni di illuminazione, lo smartphone passa da f/1.4, come per le nostre foto scattate in condizioni di scarsa illuminazione, e f/4, alla luce diretta del sole. Questa apertura viene utilizzata anche per modificare gli effetti della sfocatura dello sfondo, poiché sono disponibili diversi livelli intermedi (ad esempio a f/2).

A fronte di un ottimo telefono ottico, Find X5 Pro ha anche un sensore da 50 MP che offre scatti da 12,5 MP grazie a binning dei pixelIl Mate 50 Pro colpisce nel segno. Le foto sono davvero dettagliate, le texture sono ben presentate e la colorimetria è particolarmente naturale. Il contorno dell’immagine ha anche il vantaggio di essere nitido e non troppo distorto. Peccato che lo smartphone perda punti sullo sfortunato dettaglio: in certi schemi inciampa e non riesce a ripristinare fedelmente i parametri di piccoli elementi. Questo è il caso delle nostre palline colorate, che pongono difficoltà, o righe di testo.

Oppo Find X5 Pro (12.5 MP, f/1.7, ISO 254, 1/462 sec)
Huawei Mate 50 Pro (12,5 MP, F/2, ISO 50, 1/132 sec)

Queste difficoltà nella gestione dei contorni di piccoli oggetti sono più visibili di notte e le aree di colore piatto mostrano alcuni artefatti. Tuttavia, la nitidezza complessiva è convincente e la colorimetria è abbastanza normale.

Oppo Find X5 Pro (12.5 MP, f/1.7, ISO 6848, 1/20 sec)
Huawei Mate 50 Pro (12.5 MP, F/1.4, ISO 400, 1/25 sec)

Modalità 50 megapixel

È possibile sfruttare ciascuna delle fotografie del sensore principale per ottenere scatti da 50 megapixel. Senza trattamento durante binning dei pixelGiorno e notte, questa modalità è chiaramente disinteressata e gli scatti perdono qualità.

Huawei Mate 50 Pro
Huawei Mate 50 Pro

Modulo ultragrandangolare: 13 MP, f/2.2, eq. 13 mm

Quando scegli gli smartphone più costosi, come l’Oppo Find X5 Pro, ad essi vengono associati sensori molto specifici binning dei pixel Per le unità ultra grandangolari, il Mate 50 Pro preferisce un sensore “semplice” da 13 MP, che ci ha fatto temere il calo della qualità. I risultati ci hanno smentito, perché la nitidezza è a dir poco soddisfacente, anche se alcuni elementi soffrono di un’elaborazione meno riuscita e di alcuni difetti nel contorno dell’immagine. La colorimetria è discreta e il livello di dettaglio, nonostante un po’ di smoothing, è a dir poco elevato.

Oppo Trova X5 Pro
Huawei Mate 50 Pro

I lowlights sono ovviamente più difficili da gestire per uno smartphone, che riesce comunque a fornire risultati abbastanza simili a quelli del Find X5 Pro – tuttavia, ricordate, accontentatevi qui di un’immagine da 12,5 megapixel. L’attenuazione è visibile, così come la distorsione e la distorsione del colore negli angoli dell’immagine, anche se possiamo compromettere la distorsione globale ai margini della scena.

Oppo Trova X5 Pro
Huawemi Mate 50 Pro (13 MP, F2.2 ISO 1250, 1/11 sec)

Infine, vale la pena notare che il modulo ultragrandangolare viene utilizzato anche per catturare scatti macro di grande successo.

Unità teleobiettivo: 64 MP, f / 3.5, eq. 90 mm

Il terzo modulo fotografico del Mate 50 Pro è dedicato al teleobiettivo. Il sensore da 64 MP è accompagnato da un equivalente ottico di 90 mm in 24×36 mm e fornisce un ingrandimento di 3,5x rispetto al grandangolo. Un set piuttosto interessante, che permette di esportare scatti da 16 megapixel, senza la possibilità di arrivare a 64 megapixel. Rispetto al Galaxy S22 Ultra di Samsung, che si basa su un sensore da 10 MP con zoom 3x, il Mate 50 Pro si comporta molto bene, almeno alla luce del giorno. La nitidezza è molto inferiore rispetto al grandangolo, ma le immagini sono molto utilizzabili.

Samsung Galaxy S22 Ultra ((10 MP, 70 mm, F/2.5, ISO 50, 1/100 sec)
Huawei Mate 50 Pro (16 MP, 3.5 equivalente, ISO 125, 1/51 sec)

Tuttavia, di notte, l’immagine è sovraccarica di anti-aliasing molto presente, artefatti, linee molto imprecise e colorimetria innaturale. Ti faremo un confronto con il Galaxy S22 Ultra, i cui 10 MP non reggono il peso, in condizioni di scarsa illuminazione, a una risoluzione più alta. Tuttavia, a fronte del Find X5 Ultra e dello zoom 2x, il Mate 50 non funziona male.

Oppo Trova X5 Pro
Huawei Mate 50 Pro (16 MP, F/3.5, ISO 3200, 1/60 sec)

Unità frontale, posizione verticale e video

Due sensori frontali, ma solo uno realmente utilizzabile. È un ultra grandangolare da 13 MP, abbinato qui al sensore 3D ToF utilizzato per la profondità di campo. La qualità dei selfie è molto buona. L’esposizione, il tono e il livello di dettaglio sono molto ben rispettati. Come con qualsiasi buon smartphone cinese, dovrai fare attenzione ai trucchi di bellezza che possono essere attivati ​​​​di default e che modificano le tue caratteristiche levigando la pelle, ad esempio.

Per le foto, il Mate 50 Pro sfrutta l’apertura variabile grandangolare. Per questo, non è sufficiente passare alla modalità personalizzata, ma passare alla modalità denominata “Sblocca”. Con 4 diverse aperture (f/1.4, f/2, f/2.8 e f/4), puoi ottenere un effetto bokeh più o meno potenziato, senza alcun intervento software, come di solito accade con gli smartphone. C’è anche una modalità “apertura virtuale” che va da f/0.96 af/16. Con lo stesso valore di scatto, è meglio scegliere la modalità ritratto a f/1.4 o anche l’apertura predefinita a f/1.4. A f/0.95, lo sfondo è davvero troppo sfocato per offrire un risultato naturale. Se vuoi scegliere l’apertura fisica a f/1.4, dovrai quindi avvicinarti un po’ al tuo obiettivo. Proprio come una vera macchina fotografica.

Per quanto riguarda i video, l’ultimo telefono di Huawei consente di acquisire immagini 4K a una velocità massima di 60 fps, 1080p a 480 fps o anche 720p a 3840 fps. La presenza della stabilizzazione ottica (OIS) al grandangolo e del teleobiettivo, con l’ausilio della stabilizzazione elettronica (EIS) permette allo smartphone di non soffrire di sussulti durante le riprese. La funzione di monitoraggio delle persone è anche integrata per consentirti di non perdere mai il tuo obiettivo.

READ  Elon Musk propone di far sbarcare gli astronauti di Artemis III sulla luna prima del 2024