Febbraio 25, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Henry Kissinger, ex diplomatico americano, muore all’età di 100 anni

Henry Kissinger, ex diplomatico americano, muore all’età di 100 anni

L’ex segretario di Stato americano morì tra il 1973 e il 1977 all’età di 100 anni nello stato orientale del Connecticut.

Henry Kissinger, una figura grande e talvolta controversa della diplomazia americana e segretario di stato sotto Richard Nixon e Gerald Ford, è morto all’età di 100 anni, ha annunciato mercoledì la sua organizzazione in un comunicato stampa.

La stessa fonte ha detto che Henry Kissinger, che fu un attore chiave nella diplomazia globale durante la Guerra Fredda, “è morto oggi nella sua casa nel Connecticut”.

Tra i segni dell’aura e dell’influenza dell’uomo che diresse la politica estera dei presidenti Nixon e Ford, questo ometto dalla voce roca e dal forte accento tedesco, nonostante l’età avanzata, era ancora recentemente consulente dell’intera classe politica. Viene ricevuto dai capi di stato o dalle conferenze di tutto il mondo.

“Realpolitik americana”

Più recentemente, a luglio, si è recato a Pechino per incontrare il presidente cinese Xi Jinping, che ha elogiato il “leggendario diplomatico” per aver consentito il riavvicinamento tra Cina e Stati Uniti negli anni ’70.

Nessuno ha avuto un’influenza così grande sulla politica estera americana nella seconda metà del XX secolo quanto questo formidabile negoziatore, tanto sensibile quanto autoritario.

Henry Kissinger, l’iniziatore pratico della “realpolitik americana” e un vero “falco”, è una di quelle figure complesse che attirano ammirazione o odio.

Il nazismo ebbe un profondo impatto sul giovane ebreo tedesco Heinz Alfred Kissinger, nato il 27 maggio 1923 a Fürth, in Baviera, che dovette rifugiarsi negli Stati Uniti all’età di quindici anni con la sua famiglia. Questo figlio ottenne la cittadinanza americana all’età di vent’anni e si unì alle forze di controspionaggio dell’esercito americano, che lo seguirono in Europa come traduttore tedesco.

READ  Tempête Eunice : la video allucinante des avions qui essaient de se poser à Londres

Dopo la seconda guerra mondiale, desideroso di riprendere gli studi, si iscrisse all’Università di Harvard dove si laureò in Relazioni internazionali prima di insegnarvi e di diventarne uno dei direttori. Fu in quel periodo che i presidenti democratici John Kennedy e Lyndon Johnson iniziarono a seguire regolarmente i consigli di questo professore brillante e ambizioso.

Ma l’uomo dagli occhiali dalla montatura spessa si affermò come il volto della diplomazia globale quando il repubblicano Richard Nixon lo convocò alla Casa Bianca nel 1969 come consigliere per la sicurezza nazionale, poi come segretario di stato – ricoprendo entrambe le posizioni dal 1973 al 1975. Rimase al Dipartimento di Stato sotto Gerald Ford fino al 1977. .

A quel tempo, Nixon lanciò la “realpolitik” americana, avviando la distensione con l’Unione Sovietica e un disgelo nelle relazioni con la Cina di Mao, durante viaggi segreti per organizzare la storica visita di Nixon a Pechino nel 1972.

Condusse inoltre, sempre in completa segretezza e parallelamente ai bombardamenti di Hanoi, i negoziati con Le Duc Tho per porre fine alla guerra del Vietnam.

I suoi detrattori lo considerano un criminale di guerra

La firma di un cessate il fuoco gli portò a ricevere il Premio Nobel per la pace con il Vietnam del Nord nel 1973. Ma Duc Tho rifiutò il premio, uno dei premi più controversi nella storia del Premio Nobel. Al contrario, i critici di Kissinger chiedono da tempo che venga processato per crimini di guerra.

Condannano il lato più orgoglioso e meno aperto della sua politica estera, in particolare il suo coinvolgimento nei massicci bombardamenti in Cambogia o il suo sostegno al presidente indonesiano Suharto, la cui invasione di Timor Est uccise 200.000 persone nel 1975.

READ  Ancora una volta la città di Zaporizhia è stata bombardata dall'esercito russo

Ma è stato soprattutto il ruolo svolto dalla CIA in America Latina, spesso sotto il suo comando diretto, ad offuscarne l’immagine, a cominciare dal colpo di stato in Cile del 1973 che portò al potere Augusto Pinochet dopo la morte di Salvador Allende. Nel corso degli anni gli archivi hanno rivelato i contorni e la portata del “Piano Condor” per eliminare gli oppositori delle dittature in Sud America negli anni ’70 e ’80.

Nonostante questi episodi, l’autore de “Il sistema del mondo” nel 2014, padre di due figli e sposato dal 1974 in seconde nozze con la filantropa Nancy Magin, è sempre rimasto influente.

Nel gennaio 2023 ha chiesto un sostegno continuo all’Ucraina, che a suo avviso dovrebbe aderire alla NATO.

Articoli più importanti