Luglio 24, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Google affronta un’indagine senza speranza dell’UE sui presunti scandali della tecnologia pubblicitaria

L’Unione Europea (UE) ha avviato un’indagine formale sulla sfiducia sulle accuse secondo cui Google sta abusando del suo ruolo chiave nel settore pubblicitario e tecnologico, un caso che deve ancora essere visto sui pilastri del business delle aziende tecnologiche.

La Commissione europea (UE), la principale speranza dell’UE, ha dichiarato martedì che la sua indagine, in corso in modo informale almeno dal 2019, esaminerà una vasta gamma di pratiche commerciali imprevedibili.

lettere Inc.

GOOG 0,71%

La pubblicazione di annunci unitari con gli inserzionisti su siti Web e applicazioni mobili e la condivisione dei dati degli utenti: questa è una delle nuove aree di ricerca senza speranza per l’azienda.

Alcune delle indagini dell’UE saranno simili alla causa intentata l’anno scorso contro Google Gruppo di Stati americani guidati dal Texas. In aree simili si dice che le aste pubblicitarie gestite da Google supportino i propri strumenti di acquisto di annunci.

Lo studio dell’UE includerà denunce che non sono ancora state formalmente indagate da nessuna parte, comprese le accuse secondo cui Google ha escluso gli acquisti dalla pubblicità su YouTube, un sito di video di proprietà di Google.

La Commissione è preoccupata che Google abbia reso più difficile per lei competere nella tecnologia pubblicitaria, ha affermato Margaret Vestager, ottimista leader dell’UE.


Foto:

stephanie lecocq / Shutterstock

L’indagine dell’UE sta anche esaminando i piani di Google per bloccare alcuni tipi di tecnologie di tracciamento degli utenti sui suoi siti, come il browser Chrome e il sistema operativo mobile Android. La riduzione di tale sorveglianza risponde almeno in parte alle pressioni dei regolatori della privacy e degli operatori, ma ha portato a lamentele senza speranza da parte dei concorrenti nel settore della tecnologia pubblicitaria.

“I servizi pubblicitari online sono al centro del modo in cui Google e gli editori monetizzano i propri servizi online”, ha affermato Margaret Vestager, leader di fiducia dell’UE. “Siamo preoccupati che Google abbia reso più difficile per i servizi pubblicitari online concorrenti competere con il cosiddetto livello di tecnologia pubblicitaria”.

Un portavoce di Google ha affermato che le aziende europee scelgono di utilizzare gli strumenti pubblicitari di Google perché sono “competitivi ed efficienti” e che l’azienda “continuerà a lavorare in modo costruttivo con la Commissione europea per rispondere alle loro domande”.

L’apertura di un caso è un importante passo pratico negli studi competitivi europei. Se la commissione trova prove di illeciti, può presentare spese formali che potrebbero comportare multe fino al 10% delle entrate annuali globali di una società e ordini di modificare il comportamento. Ma la commissione può anche concludere il caso senza spese.

Apple e Google sono uno dei rivali più popolari della Silicon Valley, ma dietro le quinte mantengono un contratto del valore tra gli 8 ei 12 miliardi di dollari l’anno. Ecco come sono diventati dipendenti l’uno dall’altro. Descrizione della foto: Jatan Urbi

Il nuovo caso Google dell’UE è l’ultimo esempio di un’ondata di imposizione senza speranza in Europa. La commissione ha presentato accuse formali ad aprile

Mela Inc.

Per Si presume che abbia abusato del suo controllo sulla distribuzione di applicazioni di streaming musicale, Compreso Spotify. A novembre, ha sporto denuncia formale contro di lui

Amazon.com Inc.

Per Si dice che utilizzi dati pubblici imparziali raccolti da fornitori di terze parti Competere ingiustamente contro di loro. Entrambe le società hanno negato l’illecito.

La causa contro Google, che è stata multata di 9 miliardi di dollari tra il 2015 e il 2018, ha aperto martedì una causa formale contro Google. Gli oppositori di Google hanno sostenuto che quelli erano i casi Non riduce il business di Google GoogleHa aumentato il suo margine di profitto del 17% a $ 40,27 miliardi entro il 2020.

L’UE sta ora esaminando più da vicino l’attività di Google, che media le vendite di pubblicità, un settore complesso che ha rappresentato il 13% dei 182,53 miliardi di dollari di entrate di Alphabet lo scorso anno. L’UE ha dichiarato martedì che la sua attività complessiva di pubblicità display online è valutata in un totale di 20 20 miliardi equivalenti a 23 23,8 miliardi nel 2019, con Google che svolge un ruolo chiave come intermediario.

Sebbene il caso dell’UE sia unico nel combinare varie lamentele sul ruolo di Google nella pubblicità digitale, parti del caso dell’UE sono state al centro di altri eventi negli ultimi mesi. Ad esempio, un gruppo di stati degli Stati Uniti guidati dal Texas ha fatto causa a Google il 20 dicembre, accusandola di gestire un monopolio della pubblicità digitale, costringendo inserzionisti o inserzionisti a utilizzare altri strumenti di proprietà di Google in una sezione della catena pubblicitaria. Quel caso è in corso.

Google ha esaminato, o sta lavorando, su alcuni degli stessi argomenti su cui sta indagando l’UE. L’azienda, ad esempio, ha fatto concessioni ai regolatori senza speranza nel Regno Unito all’inizio di questo mese Inchiesta britannica sui piani di Google Rimuovere la tecnologia chiamata cookie di terze parti dal suo browser Chrome: questo è uno dei problemi che l’UE ha affermato di indagare.

Le aziende che utilizzano cookie di terze parti per monitorare le abitudini di navigazione degli individui su diversi siti Web si sono lamentate del fatto che il cambiamento di Google potrebbe essere uno svantaggio. Google ha promesso di trattare i concorrenti in modo equo e di dare un preavviso di almeno 60 giorni prima di rimuovere i cookie in modo che l’autorità possa rivedere il suo programma e imporre modifiche.

Per risolvere un caso senza speranza francese, Google ha concordato all’inizio di questo mese Paga quasi 0 270 milioni e rendi più facile per le aziende di tecnologia pubblicitaria concorrenti utilizzare i suoi strumenti di tecnologia pubblicitaria. La causa è stata probabilmente finanziata da una Commissione d’inchiesta europea sul presunto uso di Advertising Exchange, AdX e TV360 e Google Advertising Tools for Advertising Purchasing Tools.

Editori e concorrenti della tecnologia pubblicitaria si lamentano di Google da anni Proprietà di alcuni degli strumenti più utilizzati Acquistare, vendere e fare offerte sugli annunci può portare a pratiche sleali. Affermano che Google sta interrompendo la vendita di annunci di terze parti e che la proprietà dei propri prodotti supportati da annunci, come YouTube, sta creando conflitti di interesse.

Google guerra con l’UE

Una delle aree relativamente innovative su cui sta indagando la commissione è la mossa di Google all’inizio del 2016 di richiedere agli inserzionisti di acquistare annunci su YouTube utilizzando gli strumenti pubblicitari di Google anziché strumenti di terze parti. Concorrenti della tecnologia pubblicitaria di Google La decisione ha eliminato i concorrenti della tecnologia pubblicitaria perché YouTube è di gran lunga il più grande sito di video online.

“Ogni azienda, ogni grande operatore di marketing doveva utilizzare Google”, ha affermato Brian O’Kelly, co-fondatore e CEO di Ofnex, una società di tecnologia pubblicitaria che in seguito è giunta a questa conclusione e in seguito ha venduto

AT&T Inc.

Ha detto che i regolatori dovrebbero ordinare ad alcune società tecnologiche di entrare perché non è stato possibile imporre multe. “Anche se avessero ricevuto una multa di 10 miliardi di dollari, sarebbe stata una decisione migliore per Google”, ha detto O’Kelly.

La commissione sta anche esaminando l’annuncio di Google all’inizio di questo mese che smetterà di consentire alle app Android di visualizzare gli identificatori di annunci univoci degli utenti se rinunciano all’annuncio mirato. Ciò segue la mossa di Apple di richiedere agli sviluppatori di app di ottenere l’autorizzazione prima di raccogliere l’identificatore personale di un utente.

L’azione di Apple è già sotto esame a seguito delle lamentele degli editori secondo cui potrebbe ridurre la sua capacità di indirizzare gli annunci. La Commissione della concorrenza francese ha respinto un reclamo Contro Apple a marzo.

L’accesso ai dati degli utenti è un modo di ricerca. L’Unione europea (UE) ha dichiarato che indagherà sulle restrizioni all’accesso di terzi, come inserzionisti e altri concorrenti, dall’accesso ai dati sugli utenti dei servizi pubblicitari di Google.

“Ci assicuriamo inoltre che le politiche di Google relative al tracciamento degli utenti siano in linea con la concorrenza leale”, ha affermato Vestager.

Scrivi Sam Skechner a [email protected] e Barmy Olson a [email protected]

Copyright © 2020 Dow Jones & Company, Inc. Tutti i diritti riservati. 87990cbe856818d5eddac44c7b1cdeb8

READ  Risultati UFC 264: Fourier contro McGore3