Maggio 29, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Gli straordinari benefici della cannabis ricreativa per le persone sopra i 45 anni

Gli straordinari benefici della cannabis ricreativa per le persone sopra i 45 anni

Gli effetti protettivi della cannabis sulla cognizione, davvero? Per la prima volta, uno studio ha esaminato il tipo, la frequenza e il metodo di consumo di cannabis, concentrandosi su una popolazione più anziana. I risultati saranno confermati in studi a lungo termine.

Secondo uno studio pubblicato su La ricerca attuale sull'Alzheimer, l’uso ricreativo di cannabis (cioè per piacere) può essere associato a un minor rischio di “declino cognitivo soggettivo” (SCD) negli adulti di età superiore ai 45 anni, rispetto ai non consumatori. Si noti che le persone affette da MDD hanno il doppio del rischio di sviluppare demenza, per la quale non esiste ancora una cura.

Quasi 4.800 adulti statunitensi di età pari o superiore a 45 anni hanno condiviso i dati del sistema di sorveglianza dei fattori di rischio comportamentali statunitensi del 2021, un aumento auto-riferito di confusione o perdita di memoria durante quest’anno. Nei risultati sono stati presi in considerazione il tipo di cannabis (medica o ricreativa), la frequenza e il metodo di consumo (ad esempio fumare, mangiare o svapare).

Differenze tra cannabis ricreativa e terapeutica

Non è stata riscontrata alcuna differenza nella probabilità di MDD in base alla frequenza e al metodo di utilizzo della cannabis. Al contrario, la differenza nella composizione tra cannabis terapeutica (che ha un contenuto di CBD più elevato) e cannabis ricreativa (che ha un contenuto di CBD più elevato) THCTHC) potrebbe spiegare questi risultati. ” I consumatori non medici spesso usano la cannabis per migliorare le proprie capacità DormeDorme E limitarlo pressionepressione, comunicare dichiarazione. Il sonno scarso e lo stress cronico aumentano il rischio di demenza, quindi la protezione nella MDD può derivare da un miglioramento del sonno e dal sollievo dallo stress forniti dalla cannabis. »

READ  Ce que la science ne sait toujours pas sur les cinq sens

Se lo studio suggerisce che la cannabis ha benefici sulla cognizione delle persone di età superiore ai 45 anni, sono necessari studi longitudinali su diversi anni. ” Ne abbiamo bisogno per sapere se l’uso non medico di cannabis ci protegge conoscenzaconoscenza col tempo. Questo è qualcosa che ancora non sappiamo, ma questa ricerca è ostacolata dal fatto che la cannabis è ancora illegale a livello federale. », ha precisato Roger Wong, professore assistente presso il Dipartimento di sanità pubblica e medicina preventiva.