Marzo 1, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Gli Stati Uniti ammettono di esserci dietro l'attentato che ha portato all'uccisione del leader di una fazione filo-iraniana in Iraq

Gli Stati Uniti ammettono di esserci dietro l'attentato che ha portato all'uccisione del leader di una fazione filo-iraniana in Iraq

“Questo attacco è stato un atto di legittima difesa”, ha giustificato un funzionario della difesa statunitense.

pubblicato


Tempo di lettura: 1 minuto

Il funerale di un leader di una fazione filo-iraniana ucciso da un attacco americano a Baghdad, Iraq, il 4 gennaio 2024. (AHMAD AL-RUBAYE / AFP)

Un funzionario della difesa statunitense ha confermato lo stesso giorno che il leader di un gruppo armato filo-iraniano, che secondo Washington era coinvolto in attacchi contro le sue forze, è stato ucciso giovedì 4 gennaio in Iraq da un attacco americano. “Questo attacco è avvenuto per legittima difesa. Nessun civile è rimasto ferito. Nessuna infrastruttura o struttura è stata colpita.”Lo ha detto in un comunicato stampa.

Il raid ha preso di mira il leader di una delle fazioni armate delle Forze di Mobilitazione Popolare fedeli all'Iran. Ed è stato l'ultimo “Partecipa attivamente all’organizzazione e alla realizzazione di attacchi contro le forze statunitensi”.Ha aggiunto il funzionario, confermando che un altro membro del gruppo era stato ucciso. Entrambi sono stati uccisi in un attacco di droni contro l'edificio della loro organizzazione a Baghdad.

Obiettivo del bombardamento

Le forze americane e le forze della coalizione internazionale anti-jihadista dispiegate in Iraq e Siria sono state sottoposte quasi quotidianamente ad attacchi di droni e missili dall’inizio della guerra, il 7 ottobre, tra Israele e il movimento islamico palestinese Hamas a Gaza. Nelle ultime settimane, i gruppi armati affiliati alle Forze di mobilitazione popolare irachene sono stati più volte bersaglio di bombardamenti, alcuni dei quali rivendicati dagli Stati Uniti, paese odiato dalle fazioni filo-iraniane per il suo sostegno a Israele.