Giugno 21, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Gli scienziati si confrontano con l’intelligenza artificiale: ottimisti o pessimisti?

Gli scienziati si confrontano con l’intelligenza artificiale: ottimisti o pessimisti?

Pertanto, alla domanda su quanto sarebbe stata utile l’intelligenza artificiale nelle loro discipline nel prossimo decennio, più della metà di loro ha risposto tra “molto importante” ed “essenziale”. Ma rischi tangibili di frode o false dichiarazioni incombono per l’altra metà, Nell’ambito dell’indagine condotta dalla rivista natura.

Oltre alla capacità dell’intelligenza artificiale di elaborare enormi quantità di dati, di cui si è molto parlato negli ultimi dieci anni, recentemente sono comparsi i cosiddetti “grandi modelli linguistici” (Ottimo modello linguistico) – incluso ChatGPT – ha aperto la porta a cose come scrivere abstract di ricerche sull’intelligenza artificiale, specialmente tra gli scienziati la cui prima lingua non è l’inglese. Oppure scrivi intere pagine di codice informatico. Ma questa apparizione ha anche aperto la porta alla creazione di false immagini di esperimenti, o di falsi risultati che potrebbero essere difficili da dimostrare falsi.

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Così non perderai nessuna notizia scientifica e saprai tutto sui nostri sforzi per combattere le fake news e la disinformazione!

Sul lato positivo, ha detto il 58% degli scienziati intervistati natura Credeva che l’intelligenza artificiale avrebbe accelerato il processo di elaborazione dei dati e il 55% ha affermato che l’intelligenza artificiale avrebbe fatto risparmiare tempo e denaro.

Ma il 55% ha affermato che gli strumenti di intelligenza artificiale potrebbero facilitare le frodi, e il 58% ha affermato che potrebbero rafforzare pregiudizi o discriminazioni quando sono già radicati nei dati disponibili, ad esempio diagnosi mediche storiche caratterizzate da pregiudizi sessisti o razziali. Il 68% ha espresso il timore per la diffusione della disinformazione e del plagio.

Il sondaggio è stato inviato ai ricercatori che hanno pubblicato almeno un articolo negli ultimi quattro mesi del 2022. Di coloro che hanno risposto, la metà è direttamente coinvolta nello sviluppo di strumenti di intelligenza artificiale, un terzo li ha utilizzati nella propria ricerca e un quarto no. Usane uno.

READ  Il nuovo vertice dell'astronomia: questo osservatorio situato a 5640 metri di altitudine è ora aperto

Il divario più significativo è tra questi ultimi due gruppi: il 75% di coloro che già utilizzano l’intelligenza artificiale nella propria ricerca (esclusi gli esperti di intelligenza artificiale) ritiene che lo strumento diventerà “essenziale” o “molto importante”, rispetto al 42% di coloro che lo fanno. Non utilizzare l’intelligenza artificiale.

Gli editori e i revisori delle riviste sono in grado di rivedere la ricerca in quest’area ancora molto giovane dell’intelligenza artificiale? Anche in questo caso si registra una lacuna nelle risposte, ma questa volta tra coloro che hanno contribuito allo sviluppo degli strumenti di intelligenza artificiale: la metà di loro vede positivamente il processo di revisione, mentre un terzo non commenta. Di coloro che non avevano sviluppato tali strumenti, un terzo ha affermato che il processo di revisione era inadeguato e la metà non ha commentato. Il problema più comune è che un tale revisore non deve solo avere familiarità con la disciplina per la quale è stato sviluppato lo strumento di intelligenza artificiale, sia essa meteorologia o astrofisica, ma deve anche avere familiarità con l’intelligenza artificiale stessa – una doppia competenza che è non facile da trovare.