Giugno 20, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Gli All Blacks sono sul punto di andare in fiamme dopo aver sottomesso una Namibia indebolita

Gli All Blacks sono sul punto di andare in fiamme dopo aver sottomesso una Namibia indebolita

  • La Nuova Zelanda ha ampiamente dominato la Namibia venerdì a Tolosa (71-3), in una partita del Gruppo A della Coppa del Mondo.
  • Una settimana dopo la sconfitta contro la Francia (27-13), gli All Blacks non hanno dato speranza all’indebolita Welvechia.
  • Ma ci sono ancora alcuni problemi da correggere prima del rientro in Italia il 29 agosto a Lione.

Allo stadio del Tolosa.

Quando avevamo appena subito la prima sconfitta della nostra storia nella fase a gironi Coppa del MondoCosa c’è di meglio di un innocuo sparring partner per tornare in sella? Una settimana dopo la delusione dell’apertura contro XV di Francia (27-13)La Nuova Zelanda, rinnovata con nove nuovi giocatori, è a corto di nervi Riguardo alla Namibia (71-3)Questo venerdì sera a Tolosa.

Nient’altro che un risultato per i tre volte vincitori del torneo, che in precedenza avevano corretto la stessa squadra nel 2015 (58-14), sulla strada verso il loro ultimo titolo, e poi nel 2019 (71-9). I Welwitschias hanno ormai un record degno dell’avversario di Tony Yoka all’inizio della sua carriera professionistica: 23 sconfitte in altrettante partite della fase finale.

Tuttavia, non dite a Samisoni Taukei’aho che gli All Blacks hanno affrontato una squadra inferiore, anche se erano alla pari Voce corretta dall’Italia (52-8). Il vostro fedele servitore ci ha provato in zona mista, e questa è la risposta della stronza neozelandese, calma ed educata ma che non invita alla ripresa del gioco: “Non ci sono squadre più deboli al Mondiale. Non sottovalutiamo nessuna”. Prepariamo ogni partita come se fosse una finale”.

Nove diversi marcatori sperimentali

Taukei’aho ha anche espresso il suo “orgoglio” di essere riuscito a dare una svolta alla situazione dopo il fallimento dello Stade de France. “Ovviamente dovevamo correggere alcune cose rispetto alla settimana scorsa. Ma tutti hanno fiducia nelle capacità di questi compagni di squadra. “Il capitano Sam Whitlock (34 anni), che venerdì ha raggiunto il suo ex compagno di squadra Richie McCaw, è stato accolto in cielo delle nerazzurre con più presenze (148 partite internazionali). ) con grande enfasi. “Una grande vittoria”.

READ  Evening of the Blues: Chwamini e Rabiu stanno diventando più forti

Quasi tutti i suoi compagni di squadra erano sulla stessa lunghezza d’onda dopo la partita con 11 mete e nove marcatori diversi, con il mediano d’apertura Cam Roegaard e il mediano d’apertura Damian McKenzie (26 punti in totale) che hanno segnato due volte. Il primo, all’esordio da titolare a 22 anni, segnò due gol (al secondo e poi al settimo minuto), tanto che i namibiani non immaginarono nemmeno per un momento di poter impensierire avversari prestigiosi come L’Uruguay della vigilia contro i Blues (27-12).

“L’atmosfera era eccezionale”, ha confermato Roygar, che non era dispiaciuto del gruppo che premeva forte dietro i suoi rivali, quando non cantava “La Marseillaise”. Abbiamo potuto contare su attaccanti dominanti che mi hanno dato una buona base su cui giocare. »

“Il gruppo ha giocato bene, così come il gruppo”, ha concordato con calma l’allenatore Ian Foster, scherzando anche oggi in conferenza stampa con il suo capitano Ardi Savea (il “vero” capitano Sam Keane, ancora infortunato, giocava per i Tankers). . . Sono molto soddisfatto di come abbiamo rispettato il piano di gioco”. “Abbiamo ritrovato fiducia in noi stessi, possiamo rilassarci un po’”, ha salutato Savea con gli occhi che urlavano “Pinos”.

Ci vediamo il 29 settembre contro l’Italia

E devo dire che, in un Mondiale che non finisce mai, il prossimo impegno degli All Blacks non sarà in programma prima del 29 settembre a Lione contro l’Italia. Un incontro che vale un buon vantaggio finale per il secondo posto in questo Gruppo A, se i Blues avranno la condizione fisica per alzare il loro livello dopo aver superato l’Uruguay.

READ  adoubé par une légende, Mbappé convoite un privilegio riservato a Neymar et Messi !

Questo esercizio di compiacenza della Nuova Zelanda dopo aver battuto la 22esima nazione in classifica non deve farci dimenticare che venerdì non tutto è stato perfetto. Perché tutti i neri? La squadra non ha ritrovato improvvisamente il suo splendore dopo due imbarazzanti fallimenti, poiché la battuta d’arresto contro la Francia due settimane fa a Londra è stata preceduta dalla sconfitta più pesante della sua storia contro il Sud Africa (35-7).

Un cartellino rosso è un simbolo di indisciplina

Di fronte ai coraggiosi namibiani, ma avendo problemi con la palla, gli uomini di Foster hanno concesso 12 rigori, lo stesso totale concesso contro la squadra di Fabien Galthie. Uno di questi ha visto Ethan De Groudt ricevere un cartellino giallo (72), trasformato in rosso dal “bunker”, ultima innovazione in uno sport che non manca di fantasia.

Al-Amoud, che lo ha sostituito venerdì dopo aver sofferto molto contro la squadra francese, è stato espulso per un contrasto violento. Interrogato sulla questione, Foster ha dichiarato di voler “prendersi il tempo” per analizzare la procedura. “Ovviamente c’è stato un contatto spalla a spalla, ma gli arbitri hanno ritenuto che meritasse un cartellino rosso.” L’allenatore ha colto l’occasione per fare un semplice commento sull’incoerenza delle decisioni in questo Mondiale, dopo il cartellino giallo ricevuto da Romain Taofinoa di giovedì. Contro l’Uruguay Il lavoro non è molto diverso. Ne parliamo ancora Ian, della finale dei Mondiali del 2011?