Novembre 27, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Formula 1 | Horner vuole “sicurezza” se la Red Bull Powertrains (Porsche) fallisce nel 2026

La F1 ha deciso i suoi prossimi regolamenti (dal 2026), tecnici, finanziari e sportivi, relativi alla power unit.

In questa nuova era, anche se i cambiamenti non saranno così drastici come nel 2014, la Red Bull produrrà il proprio motore con le strutture di Red Bull Powertrains, possibilmente in una joint venture con Porsche. Anche l’Audi arriverà dal 2026, probabilmente con la Sauber.

Tuttavia, con questo nuovo regolamento dovrebbero essere evitate due società. Nel 2014 sono state viste due società. Da un lato, le prestazioni del gruppo sono contrastanti: nel 2014 Mercedes ha schiacciato la concorrenza e il brivido con essa. D’altra parte, sarà necessario rendere la vita un po’ più facile ai nuovi arrivati ​​nel Gruppo Volkswagen, per evitare una nuova catastrofe Honda.

A tal fine, la normativa prevedeva l’inversione: i nuovi produttori riceverebbero 5 milioni di dollari nel 2025 e raddoppieranno nel 2023 e 2024, per consentire loro di aggiornarsi.

Christian Horner apprezza questi sforzi, poiché la Red Bull avrà un nuovo impianto di motori nel 2026, che si chiami Red Bull Powertrains o Porsche. Ma basta questo? La sfida di costruire una nuova unità di potenza non è troppo grande per Milton Keynes da affrontare?

“Il motore sta cambiando, ma ci sono un gran numero di elementi che possiamo spostare da una lista all’altra.”

“Ma per un nuovo arrivato, quando inizi da zero, è una sfida enorme”.

“Anche se la FIA ha cercato di avere un servosterzo in più [dans sa conception]C’è sempre una performance per cui lottare. Gli ingegneri di Formula 1 mostrano costantemente quanto siano creativi nel trovare le prestazioni. »

READ  ARM spara al piede?

“Le principali debolezze per il nuovo arrivato sono duplici. La prima è che dobbiamo recuperare e dobbiamo cercare di recuperare il ritardo con quasi 10 anni di normative, conoscenze e conoscenze che non abbiamo”.

E entro i vincoli di budget esistenti, $ 10 milioni [de bonus] Quanto al nuovo arrivato, è abbastanza parsimonioso, soprattutto per quanto riguarda il motore, per poter recuperare il ritardo con il know-how. E in particolare con la conversione, da una lista all’altra, della tecnologia dei motori a combustione interna. »

Data la portata del progetto, la Red Bull Powertrains non è già in ritardo per il 2026? Horner fa il punto.

“Un’altra sfida per un nuovo arrivato a queste normative finanziarie è costruire le proprie strutture, perché devi ricominciare da zero. In 55 settimane abbiamo creato una fabbrica e prodotto il primo motore a combustione, il che è un enorme risultato”.

“Ma c’è ancora molta strada da fare in termini di capacità di produzione, ecc. Ci sono scadenze per questo, alcune un po’ irrealistiche. Come nuovo arrivato, questo è un onere enorme”.

« Nous voulons simplement qu’il y ait un plateau avec un niveau de performance équitable – en ce sens que nous ne voulons pas overer ce que les motoristes actuels ont, mais nous voulons être en mesure d’arriver à un point ou noir pous The stesso. »

Christian Horner è interessato a un punto: cosa accadrebbe se il produttore di motori (Red Bull Powertrains) mancasse completamente il proprio obiettivo nel 2026, come la Honda nel 2015? Gli sarà dato un risarcimento per risarcirlo?

“In sostanza, la rete di sicurezza che c’era nel regolamento è qualcosa che deve essere rivista nel tempo. Se il produttore sbaglia… qual è quella compensazione, questa compensazione che ha lo scopo di correggerlo – in modo da non farlo hanno un’enorme disparità di prestazioni, come la nostra opinione quando si introduce l’era V6 2014? Lavori in corso. “

READ  design, bloc photo, puce, prix, date de sortie... tout ce qu'on sait

Allora perché la Red Bull ha prodotto un classico motore a combustione nella sua fabbrica? Per esercitarsi o perché questo motore tornerà davvero utile per il 2026?

“Il motore che abbiamo creato si basa sulla conoscenza che è stata discussa nei forum tecnici del propulsore. »

“Fortunatamente non è molto lontano dal regolamento ed era importante per noi far costruire e produrre questo primo motore dalla Red Bull. È stato un momento storico per l’azienda vedere questo motore prendere vita prima della pausa estiva”.

“Ma ora la chiarezza sulle normative, la capacità del turbo, i rapporti di compressione, le specifiche dei pistoni, ecc., consentono tutti lo sviluppo di continuare nell’arco di tempo fino al 2026, che, nel contesto del controllo dei costi, è una sfida importante”.