Giugno 13, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Fine del “mito”: Intel vuole dimostrare che ARM non è superiore a x86

Fine del “mito”: Intel vuole dimostrare che ARM non è superiore a x86

È un cliché che ricorre regolarmente: i processori x86 saranno minacciati dall’architettura ARM,”Migliore e più efficienteIl set di istruzioni x86 è utilizzato da Intel e AMD Innanzitutto È il cuore del tuo processore se utilizzi Windows e continua ad alimentare la stragrande maggioranza dei data center e dei supercomputer in tutto il mondo.
Ma con molti player – come Qualcomm nel grande pubblico, ma anche Ampere e Nvidia nei data center – che iniziano a mettere in discussione il quasi monopolio di Intel e AMD sui chip, è tempo di considerare questa affermazione.

Rivelato il telefono Apple M1, non Snapdragon

Eric Jehun, responsabile dello sviluppo del SoC Lunar Lake presso Intel.

© Adrien Branco per Les Numériques

Pubblicità I tuoi contenuti continuano di seguito

Dato il successo dello Snapdragon al Computex di Taipei – più di 22 progetti della maggior parte dei produttori – alcuni commentatori sostengono che Lunar Lake sia una risposta a quel chip ARM che promette montagne e meraviglie. Questi commenti sembrano ignorare il tempo di sviluppo dei componenti. Eric Jehun, ingegnere Intel responsabile della progettazione del SoC, spiega: “Le discussioni sul design di Lunar Lake sono avvenute molto prima che Qualcomm annunciasse lo sviluppo del suo chip. Il vero impulso è stato l’M1 di Apple.

Dettagli strutturali del chip Apple M1.

Dettagli strutturali del chip Apple M1.

Lanciato alla fine del 2020, il chip interno di Apple ha finito per eliminare completamente Intel dai suoi PC. Basata sul set di istruzioni ARM, la sua microarchitettura è stata sviluppata interamente internamente. Tieni presente che invece di acquistare i piani base generici che ARM ha progettato per i suoi clienti, Apple ha acquisito una licenza che le ha permesso di approfondire il cuore del linguaggio per organizzare il suo chip come voleva, e in effetti creare la propria microarchitettura, che poi integrato nel SoC.

Pubblicità I tuoi contenuti continuano di seguito

Set di istruzioni ≠ Microarchitettura ≠ SoC ≠ Nodo di masterizzazione

Intel evidenzia A

Intel evidenzia un “importante risultato” nella sua microarchitettura x86 in termini di rapporto prestazioni/watt.

© Intel

C’è molta confusione semantica nella terminologia che circonda le unità di elaborazione centrale (CPU), in particolare le strutture delle parole che vengono spesso utilizzate in modo improprio. Per capirlo, dobbiamo approfondire le nostre unità di elaborazione centrale, che sono unità di elaborazione centrale (CPU), chiamate anche microprocessori in francese. Responsabile della gestione dell’intero sistema – a differenza, ad esempio, di una GPU o NPU, che sono bestie o acceleratori più intensivi dal punto di vista computazionale – una CPU ha istruzioni di base come elemento costitutivo di base, che sono raccolte in una sorta di dizionario, chiamato Instruction Set Architecture. in inglese (ISA): set di istruzioni.

Queste istruzioni fanno parte del vocabolario di base del chip. Ma non è il fatto che le parole dell’opera di Camus o di un trattato politico provengano tutte dal dizionario francese che rende i due testi simili! Proprio come questi due esempi sono diversi nella sostanza e nella forma, due chip progettati con lo stesso set di istruzioni hanno meccanismi diversi per progettazione. Progettazione logica da un lato – le interazioni tra diverse unità computazionali – e progettazione fisica dall’altro. Questa organizzazione dei set di istruzioni, il modo in cui sono correlati e il modo in cui le informazioni fluiscono al loro interno è chiamata microarchitettura. Da questa microarchitettura derivano molte caratteristiche della CPU: frequenze target (minima e massima), numero di core, ecc.

Pubblicità I tuoi contenuti continuano di seguito

Solo gli elementi designati come P-Core ed E-Core sono core della CPU, mentre il resto del chip è interamente dedicato ad altri elementi.

Solo gli elementi designati come P-Core ed E-Core sono core della CPU, mentre il resto del chip è interamente dedicato ad altri elementi.

© Intel

Pertanto questa struttura fine non rappresenta la componente finale. Una volta determinato ciò, dovresti selezionare la dimensione della CPU in base alle tue esigenze. La CPU oggi è solo una piccola parte dei chip: basta guardare lo schema del chip per rendersi conto che la parte della CPU di cui parliamo non occupa più solo una piccola parte dei processori dei nostri computer. Processori il cui vero nome ora è System on a Chip, ovvero System on a Chip (SoC). La mappatura del SoC consente di specificare le parti di CPU, GPU e ora NPU, e le parti dedicate allo scambio di dati dentro e fuori dal chip (cache, fabric, ecc.).

Infine, ultimamente è stata avanzata una forte argomentazione a favore dei chip ARM: la precisione dell’incisione. Quando Apple lancerà il suo telefono M1 alla fine del 2020, avrà davanti a sé i chip mobili Core di 11a generazione di Intel. Ma mentre l’M1 è inciso a 5 nm, i chip Intel sono incisi a 10 nm. Tuttavia, la precisione dell’incisione è la chiave per ridurre il consumo energetico. Ovviamente, anche se il processore x86 viene costantemente segnalato per la sua bassa efficienza energetica, in realtà non è così. E non è solo Intel a dirlo…

Pubblicità I tuoi contenuti continuano di seguito

Quando la mente del concorrente verifica la validità delle parole di Intel

Gerard Williams, progettista della microarchitettura della CPU per Apple M1 e Snapdragon

Gerard Williams, progettista della microarchitettura della CPU per Apple M1 e Snapdragon

© Adrien Branco per Les Numériques

Secondo Eric Jehun di Intel, “x86 può essere efficiente quanto ARM se usato bene“. Parole che potrebbero essere interpretate come una semplice difesa da parte di un industriale che ha recentemente sperimentato un burnout tecnico. Ma indipendentemente dal fatto che questo messaggio non sia stato inviato da un altro operatore di marketing, ma da uno dei luminari del design di chip di Intel, ha stato verificato Queste parole erano vere l’anno scorso… attraverso il concorso!

Una competizione incarnata da Gerard Williams, il padrino delle CPU Apple M1 e Snapdragon X Elite. L’ingegnere capo, che abbiamo incontrato lo scorso ottobre allo Snapdragon Summit, in realtà ci ha contraddetto quando abbiamo menzionato la potenziale superiorità di ARM rispetto a x86. “Qualsiasi ISA è buono“, Conferma.”Ancora una volta, tutto dipende dal punto di partenza e, per x86, è in watt, non in milliwatt.“È il punto di partenza per progettare le microarchitetture che J. Williams identificò all’epoca come il tallone d’Achille rispetto ad ARM, non il suo DNA.

Dopo essersi confrontato con questi commenti raccolti l’anno scorso, Arik Gihon è d’accordo: “Questo è assolutamente vero. Non è affatto l’ISA ad essere in gioco, è l’architettura esatta, la sua implementazione e il nodo in fiamme“.ammettendolo”Apple ha alzato il livello in molti settori, compreso quello energetico“Arik Jehun lo conferma”La concorrenza è positiva per Intel.“ I primi test di Meteor Lake, previsti per la fine dell’anno, dimostreranno se Intel è all’altezza della sfida e dimostrerà che x86 può effettivamente essere efficiente quanto ARM… continua.

Pubblicità I tuoi contenuti continuano di seguito

READ  Amazon vende il grande Xiaomi Mi 11i (Snapdragon 888) a meno di 500 euro